HOME

/

PMI

/

REGIME FORFETTARIO 2020

/

REGIME FORFETARIO E SOGGETTI NON RESIDENTI: CONDIZIONI DI AMMISSIBILITÀ

1 minuto, Redazione , 23/04/2020

Regime forfetario e soggetti non residenti: condizioni di ammissibilità

Requisiti e cause ostative per il regime agevolato forfettario per i soggetti non residenti: la Risposta dell'Agenzia delle Entrate

Ascolta la versione audio dell'articolo

L’Agenzia delle Entrate, con Risposta all’interpello n. 106 del 15 aprile 2020 (consultabile nel file allegato), ha indicato i presupposti per applicare il regime forfetario, chiarendo la situazione relativa ad un contribuente non residente.

In particolare, l’Agenzia ha ricordato che, i soggetti non residenti, non possono avvalersi del regime agevolato se non i casi eccezionali.

L’unica ipotesi in cui risulta possibile, richiede due condizioni:

  1. il contribuente deve avere la residenza in uno degli Stati membri dell'Unione europea o in uno Stato aderente all'Accordo sullo Spazio economico europeo che assicuri un adeguato scambio di informazioni;
  2. il soggetto deve aver prodotto in Italia almeno il 75 per cento del reddito complessivamente prodotto.

Ciò è previsto dall’ art. 1, comma 57, lettera b) della legge n. 190/2014, la cui finalità è quella di garantire il trattamento fiscale agevolato solo a soggetti che, seppur non residenti, rispettino i due requisiti essenziali sopra citati. In particolare, l’intenzione è quella di escludere dall'agevolazione i soggetti che producono prevalentemente redditi all'estero e quelli che risiedono in un paese extra UE.

In generale, i  requisiti per accedere al regime forfetario sono stati recentemente trattati, in più occasioni, dall’Agenzia, anche considerando che questo regime è stato oggetto di svariati interventi normativi.

Si ricorda infatti che:

  • la legge n. 190/2014 ha introdotto il regime forfetario per le persone fisiche che esercitano attività di impresa, arte o professione in forma individuale e che siano in possesso del requisito dei ricavi, e non incorrano in una delle cause di esclusione previste;
  • la legge di Bilancio 2019 ha poi apportato alcune correzioni alla normativa precedente, prevedendo  la soglia massima di 65.000 euro di ricavi o compensi percepiti come sola condizione di accesso e alcune cause di esclusione;
  • infine, la legge di Bilancio 2020 ha apportato ulteriori modifiche, prevedendo un’altra condizione di accesso quali:
    • spese complessivamente sostenute non superiori a 20.000 euro lordi per lavoro accessorio, lavoro dipendente e compensi a collaboratori, anche a progetto, comprese le somme erogate sotto forma di utili da partecipazione agli associati con apporto costituito da solo lavoro e quelle corrisposte per le prestazioni di lavoro rese dall’imprenditore o dai suoi familiari
    • non aver percepito nell’anno precedente redditi di lavoro dipendente e/o assimilati di importo superiore a 30.000 euro
    • ulteriori cause ostative.

Ti potrebbe interessare l'e-book  Strumenti deflattivi del Contenzioso tributario (eBook)

Per approfondimenti sulla disciplina dell'interpello naviga gratuitamente per il Dossier Interpello 2020

Allegato

Risposta n. 106 del 15 aprile 2020

Tag: INTERPELLO 2021 INTERPELLO 2021 CIRCOLARI - RISOLUZIONI E RISPOSTE A ISTANZE CIRCOLARI - RISOLUZIONI E RISPOSTE A ISTANZE REGIME FORFETTARIO 2020 REGIME FORFETTARIO 2020

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA RUBRICA DEL LAVORO · 12/10/2021 Forfettari: il problema dei contributi previdenziali volontari

Le eccedenze di versamento di contributi previdenziali e quelli versati volontariamente sono deducibili solo dal reddito complessivo ai fini Irpef

Forfettari: il problema dei contributi previdenziali volontari

Le eccedenze di versamento di contributi previdenziali e quelli versati volontariamente sono deducibili solo dal reddito complessivo ai fini Irpef

Co.co.co: regime fiscale dei compensi erogati a medici in regime forfetario

Le Entrate chiariscono che per i medici in regime forfetario con co. co.co con il Ministero non occorre versare la ritenuta d'acconto.

Regime forfettario e commercio elettronico: novità dal primo luglio 2021

Breve guida alle nuove regole IVA per operazioni Intra ed Extra CEE legate al commercio elettronico per i contribuenti forfettari

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.