HOME

/

FISCO

/

RIMBORSO IVA 2022

/

RIMBORSO CREDITO IVA ALLA SOCIETÀ IN LIQUIDAZIONE

1 minuto, Redazione , 22/01/2020

Rimborso credito IVA alla società in liquidazione

L'Agenzia delle Entrate stabilisce quando è idonea la garanzia fideiussoria richiesta per il rimborso del credito IVA nei gruppi di società.

L’art. 38-bis, comma 5, del cd. Decreto IVA (D.P.R.  n. 663 del 1972), ai sensi del quale, nei gruppi societari, la garanzia necessaria ai fini del rimborso del credito IVA in misura superiore a 30.000 euro, può essere prestata dalla società capogruppo o dalla controllante mediante diretta assunzione dell'obbligazione di integrale restituzione della somma rimborsata, si applica ai soli gruppi societari aventi un patrimonio superiore a 250 milioni di euro risultante dal bilancio consolidato.

Ciò è quanto recentemente chiarito dall’Agenzia delle Entrate, mediante Risposta n. 6 resa in data 17 gennaio 2020 (consultabile in allegato), a seguito dell’interpello avanzato da una società in liquidazione.

Il Quesito.

In particolare, la società istante (partecipata per il 50% da pubblica amministrazione e per l'altro 50% da una spa con patrimonio superiore ai 250 milioni a totale partecipazione pubblica), intendeva avvalersi dell’art. 38-bis, comma 5, del Decreto IVA.

Tale disposizione seppur prevista per i gruppi societari con una consistenza patrimoniale rilevante, secondo la richiedente, sarebbe applicabile anche nel proprio caso. Ciò grazie alla natura pubblica dei soggetti partecipanti all’istante,  che presterebbero dunque una garanzia fideiussoria idonea a tutelare il credito erariale, a prescindere dalla redazione di un bilancio consolidato di gruppo.

La Risposta dell’Agenzia delle Entrate.

Il parere reso dall’Agenzia delle Entrate risponde in maniera negativa alla richiesta della società.

In particolare viene stabilita la non applicabilità della norma in esame al caso di specie.

L’art. 38-bis, comma 5, del cd. Decreto IVA, riguarda infatti i soli gruppi di società con patrimonio risultante dal bilancio consolidato superiore a 250 milioni di euro.

La garanzia può essere prestata mediante diretta assunzione da parte della società capogruppo o controllante di cui all'articolo 2359 del c.c. dell’obbligazione di integrale restituzione della somma da rimborsare, maggiorata degli interessi, all'Amministrazione finanziaria.

Dopo aver evidenziato quanto sopra, l’Agenzia ha escluso l’applicabilità della norma al caso di specie in quanto non ha ravvisato i requisiti essenziali richiesti dalla disposizione e cioè:

  • l’esistenza di un bilancio consolidato di gruppo;
  • la presenza di una società capogruppo o controllante.

Tale soluzione è conforme anche all’interpretazione fornita dall’ Agenzia delle Entrate nella circolare del 30 dicembre 2014, n. 32/E.

Può esserti utile il foglio di calcolo per il rilascio del Visto di conformità IVA e altri crediti  - (excel)

Potrebbero interessarti i seguenti prodotti:

Allegato

Agenzia Entrate Risposta n. 6 del 17.01.20

Tag: RIMBORSO IVA 2022 RIMBORSO IVA 2022

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA TASSAZIONE DELLE PMI · 04/01/2022 La detraibilità dell’IVA prima dell’inizio dell’attività in assenza di operazioni attive

È detraibile l’IVA sugli acquisti del periodo preparatorio all’inizio dell’attività, anche in assenza di ricavi, al realizzarsi di alcuni requisiti e in assenza di finalità abusive

La detraibilità dell’IVA prima dell’inizio dell’attività in assenza di operazioni attive

È detraibile l’IVA sugli acquisti del periodo preparatorio all’inizio dell’attività, anche in assenza di ricavi, al realizzarsi di alcuni requisiti e in assenza di finalità abusive

Legittimo il rimborso delle imposte versate per errore con Ravvedimento operoso

Le somme versate per errore con ravvedimento possono essere richieste a rimborso, in quanto errore formale che non implica riconoscimento del debito d’imposta

Anche il rimborso IVA è contestabile dal fisco senza limiti di tempo

Il fisco può opporre rifiuto al rimborso dell’IVA anche quando sono superati i termini decadenziali, ma solo in relazione alla verifica dei requisiti sostanziali

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.