HOME

/

FISCO

/

RIMBORSO IVA 2022

/

IVA INDEBITA: RIMBORSO ENTRO DUE ANNI DALLA RESTITUZIONE ALLA CONTROPARTE

2 minuti, Redazione , 14/11/2018

Iva indebita: rimborso entro due anni dalla restituzione alla controparte

I due anni per chiedere il rimborso scattano dal momento della restituzione alla controparte dell’Iva indebitamente addebitata

Con risposta n. 66 del 12.11.2018 l’Agenzia delle Entrate chiarisce che il cedente/prestatore deve presentare rimborso  entro due anni per recuperare l’IVA addebitata in fattura, riversata poi all’erario dal cessionario committente a seguito di accertamento con adesione.

Il caso riguarda una società Alfa che ha stipulato un contratto con la società Beta per la vendita di un impianto. L’impianto ha avuto problematiche di avvio e di messa a punto, nonostante ciò la società Alfa ha emesso una fattura con IVA nei confronti di Beta, la quale ha pagato. La società Beta, successivamente, ha subito un accertamento da parte dell’Agenzia delle Entrate in cui gli veniva contestato il pagamento della fattura dell’impianto: secondo l’Agenzia, infatti, si trattava più di un pagamento relativo ad un risarcimento danni che al pagamento dell’impianto, e per tale natura l’operazione avrebbe dovuto essere considerata fuori campo Iva (anziché imponibile Iva come è avvenuto). L’Agenzia pertanto contesta la detrazione dell’IVA da parte della società Beta.
Durante la controversia con l’Agenzia delle Entrate la società Beta decide alla fine di pagare l’importo richiesto dall’Amministrazione finanziaria, comprensivo di interessi e sanzioni, tramite la procedura di accertamento con adesione.
Beta, poi, chiede alla società Alfa la restituzione dell’IVA indebitamente indicatale in fattura e poi da essa stessa (Beta) versata definitivamente all’erario tramite l’accertamento con adesione.
A seguito di questa richiesta la società Alfa chiede all’Agenzia delle Entrate come recuperare l’Iva regolarmente versata in sede di liquidazione, in particolare se sia necessario presentare istanza di rimborso o se possa chiedere a Beta di emettere una nota di variazione Iva, che Alfa poi provvederà a registrare e portare in detrazione in sede di liquidazione Iva.

L’Agenzia delle Entrate ritiene che non sia possibile chiedere a Beta l’emissione di una nota di variazione non avendo la società BETA effettuato alcuna operazione fiscalmente rilevante ai fini IVA per cui ricorre l’obbligo di certificazione.
La società Alfa potrà, invece, una volta restituito a Beta l’ammontare dell’Iva originariamente addebitata, chiedere il rimborso dell’Iva non dovuta, e accertata definitivamente, entro 2 anni dalla restituzione (art. 30-ter DPR 633/72).

Può esserti utile il foglio di calcolo per il rilascio del Visto di conformità IVA e altri crediti  - (excel)

Potrebbero interessarti i seguenti prodotti:

Allegato

Risposta 66 12.11.2018

Tag: RIMBORSO IVA 2022 RIMBORSO IVA 2022 ACCERTAMENTO E CONTROLLI ACCERTAMENTO E CONTROLLI

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA TASSAZIONE DELLE PMI · 04/01/2022 La detraibilità dell’IVA prima dell’inizio dell’attività in assenza di operazioni attive

È detraibile l’IVA sugli acquisti del periodo preparatorio all’inizio dell’attività, anche in assenza di ricavi, al realizzarsi di alcuni requisiti e in assenza di finalità abusive

La detraibilità dell’IVA prima dell’inizio dell’attività in assenza di operazioni attive

È detraibile l’IVA sugli acquisti del periodo preparatorio all’inizio dell’attività, anche in assenza di ricavi, al realizzarsi di alcuni requisiti e in assenza di finalità abusive

Legittimo il rimborso delle imposte versate per errore con Ravvedimento operoso

Le somme versate per errore con ravvedimento possono essere richieste a rimborso, in quanto errore formale che non implica riconoscimento del debito d’imposta

Anche il rimborso IVA è contestabile dal fisco senza limiti di tempo

Il fisco può opporre rifiuto al rimborso dell’IVA anche quando sono superati i termini decadenziali, ma solo in relazione alla verifica dei requisiti sostanziali

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.