HOME

/

DIRITTO

/

SOCIETÀ TRA PROFESSIONISTI

/

TRANSFER PRICING: I CHIARIMENTI SULLA NOZIONE DI INTERVALLO DI LIBERA CONCORRENZA

2 minuti, 24/05/2022

Transfer pricing: i chiarimenti sulla nozione di intervallo di libera concorrenza

Chiarimenti dell'Agenzia sulla corretta interpretazione della nozione di intervallo di libera concorrenza, alla luce della disciplina del Tuir sui trasfer pricing

Forma Giuridica: Prassi - Circolare
Numero 16 del 24/05/2022
Fonte: Agenzia delle Entrate

L'Agenzia delle Entrate con la Circolare del 24.05.2022 n. 16, dopo un'analisi dettagliata del quadro normativo di riferimento, ovvero:

  • delle modifiche alla disciplina sui prezzi di trasferimento in Italia;
  • del Decreto MEF 14 maggio 2018,
  • e delle Linee Guida OCSE,

fornisce le istruzioni operative in merito alla corretta interpretazione della nozione di “intervallo di libera concorrenza”

Indicazioni in merito alla corretta individuazione dell’intervallo di libera concorrenza 

L’intervallo di valori conforme al principio di libera concorrenza, secondo quanto precisato dall'Agenzia, va pertanto individuato alla luce di quanto indicato dalle Linee Guida OCSE e del Dm del 14 maggio 2018. In particolare, si considera conforme al principio di libera concorrenza quell’intervallo di valori formato dagli indicatori finanziari selezionati in applicazione del metodo più appropriato relativo a ciascuna operazione tra terzi indipendenti che risulti parimenti comparabile con l’operazione controllata.

Quindi, se l’analisi effettuata risulta affidabile e le operazioni individuate hanno tutte il medesimo livello o grado di comparabilità, andrà preso in considerazione l’intero intervallo di valori risultante dall’applicazione dell’indicatore finanziario selezionato in applicazione del metodo più appropriato (cd. “full range”), ciascuno dei quali è da considerare conforme al principio di libera concorrenza.
Qualora invece le transazioni all’interno dell’intervallo di valori non dovessero avere lo stesso livello o grado di comparabilità con l’operazione controllata, è necessario fare riferimento ai citati “strumenti statistici” al fine di restringere l’intervallo e, quindi, rafforzarne l’affidabilità, sempre che vi sia un numero significativo di operazioni. 

Sia in caso si adotti l’intervallo pieno (cd. “full range”), sia nel caso in cui sia invece necessario individuare un intervallo più ristretto basato su “strumenti statistici”, tutti i valori contenuti all’interno dell’intervallo devono essere considerati conformi al principio di libera concorrenza. 

Pertanto, nel caso in cui l’indicatore finanziario dovesse ricadere all’interno di tale range di libera concorrenza (sia esso intervallo pieno o ristretto), non sarà necessario apportare alcuna rettifica. 

Viceversa, se l’indicatore finanziario dovesse ricadere al di fuori dell’intervallo di libera concorrenza, l’impresa dovrà fornire idonea documentazione atta a dimostrare la conformità dell’indicatore utilizzato al principio di libera concorrenza al fine di evitare rettifiche. 

Qualora l’impresa non dovesse fornire alcuna prova, ovvero se la prova fornita non risultasse soddisfacente, l’amministrazione finanziaria dovrà operare una rettifica individuando il punto che soddisfa maggiormente il principio di libera concorrenza all’interno dell’intervallo. 

Se l’intervallo di libera concorrenza determinato dall’amministrazione finanziaria dovesse comprendere valori caratterizzati da un elevato e omogeno grado di comparabilità, ognuno di essi dovrà essere considerato conforme con il principio di libera concorrenza. 

Di conseguenza sarà compito dell’amministrazione finanziaria collocare l’indicatore finanziario individuato dall’impresa sul valore “minimo” o “massimo” dell’intervallo di libera concorrenza che per primo interseca quello individuato.

Ti potrebbe interessare l'eBook Transfer price - il punto a inizio 2022 (eBook) il punto della disciplina del transfer pricing a inizio 2022.

Tag: CIRCOLARI - RISOLUZIONI E RISPOSTE A ISTANZE CIRCOLARI - RISOLUZIONI E RISPOSTE A ISTANZE SOCIETÀ TRA PROFESSIONISTI SOCIETÀ TRA PROFESSIONISTI

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

SOCIETÀ TRA PROFESSIONISTI · 06/10/2022 Dividendi associazione professionale: il regime di tassazione

Nuovo regime fiscale dei dividendi distribuiti alle società semplici anche per le associazioni professionali

Dividendi associazione professionale: il regime di tassazione

Nuovo regime fiscale dei dividendi distribuiti alle società semplici anche per le associazioni professionali

STP: chiarimento sui contributi integrativi dovuti

Nella risposta ad una interpellanza parlamentare il ministero ribadisce il doppio versamento del contributo integrativo del 4%

Transfer pricing: i chiarimenti sulla nozione di intervallo di libera concorrenza

Chiarimenti dell'Agenzia sulla corretta interpretazione della nozione di intervallo di libera concorrenza, alla luce della disciplina del Tuir sui trasfer pricing

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.