HOME

/

FISCO

/

RIFORMA GIUSTIZIA TRIBUTARIA E PROCESSO TELEMATICO 2022

/

LA RIFORMA DEL PROCESSO TRIBUTARIO RENDE PIÙ DIFFICILE LA DIFESA PERSONALE

La riforma del processo tributario rende più difficile la difesa personale

Processo tributario: il giudice monocratico per snellire le procedure: approfondimenti

Se il contribuente decide di difendersi personalmente contro una pretesa fiscale deve tenere presente che il valore della controversia non deve essere superiore a 3.000 euro a titolo di imposta, ovvero di sanzioni se queste rappresentano l’unica pretesa. 

La bozza di disegno di legge di riforma del processo tributario approvata il 17.5.2022 dal Consiglio dei Ministri non innalza la soglia suddetta.

Per accelerare la trattazione del ricorso, eccetto se la causa è di valore indeterminabile, è introdotta la figura del giudice monocratico: così si va più veloci nella soluzione delle controversie evitando accumuli di pratiche di basso valore demandando la trattazione alla commissione in forma collegiale per la risoluzione di pratiche più complesse.

Ma se il ricorso è respinto arriva una prima sorpresa.

La bozza innova la procedura: il giudice può formulare una proposta conciliativa “avuto riguardo all’oggetto del giudizio e all’esistenza di questioni di facile e pronta soluzione”. 

Se il contribuente non l’accetta senza giustificato motivo, nel caso di soccombenza, a suo carico, restano le spese del giudizio “maggiorate del 50%, ove il riconoscimento delle sue pretese risulti inferiore al contenuto della proposta” ricevuta.

In contribuente deve confidare sul fatto che la causa non sia trattata dal giudice monocratico, ma dalla commissione in forma collegiale, poiché se la sentenza emessa gli è contraria, in tutto o in parte, è possibile presentare il ricorso in appello esclusivamente per la “violazione delle norme sul procedimento, nonché per violazione di norme costituzionali o di diritto dell’Unione europea, ovvero dei principi regolatori della materia”

La limitazione non si applica per le controversie che riguardano le risorse proprie tradizionali previste dall’art. 2, paragrafo 1, lett. a), delle decisioni 2007/436/CE, Euratom del Consiglio, del 7.6.2007, e 2014/335UE, Euratom del Consiglio del 26.5.2014, e l’IVA riscossa all’importazione.

In qualsiasi caso va tenuto presente che quando l’impugnazione anche incidentale, è respinta o è dichiarata inammissibile o improcedibile il contribuente è tenuto a versare un ulteriore importo a titolo di contributo unificato tributario di importo pari a quello dovuto per la stessa impugnazione. 

La regola si applica anche se l’iniziativa di impugnazione dell’atto è dell’ente impositore.

1) Processo tributario: le novità di riforma della procedura

La misura del contributo unificato:regola attualenuova regola
valore della controversia:

  • fino a 2.582,28 euro
30 euro40 euro
  • tra 2.582.28 e fino a 3.000 euro
60 euro80 euro
La proposta conciliativa:

proposta dalla commissione:NOSI
  • non accettata senza giustificato motivo e se il ricorso è accolto in misura inferiore alla proposta ricevuta

addebito solo se la proposta è di parte

addebito anche se la proposta è della commissione
  • spese del processo
liquidate con sentenzaliquidate con sentenza con l'aumento del 50%
Impugnazione della sentenza emessa:

  • dalla commissione
ammessaammessa
  • dal giudice monocratico
-solo per violazione del procedimento, di norme costituzionali, o di diritto dell'UE
impugnazione, anche incidentale, respinta o inammissibile o improcedibile-versamento pari al contributo unificato già pagato


Dello stesso autore ti consigliamo

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

DEFINIZIONE LITI PENDENTI · 11/08/2022 Sanatoria per i giudizi pendenti in Cassazione: termini e requisiti di accesso

La Riforma della Giustizia e del Processo Tributario prevede la rottamazione delle liti pendenti davanti la Corte di Cassazione alla data del 15 luglio 2022: vediamo le condizioni

Sanatoria per i giudizi pendenti in Cassazione: termini e requisiti di accesso

La Riforma della Giustizia e del Processo Tributario prevede la rottamazione delle liti pendenti davanti la Corte di Cassazione alla data del 15 luglio 2022: vediamo le condizioni

La Camera approva definitivamente la Riforma della Giustizia e del processo tributario

Nella seduta odi ieri 9 agosto la Camera ha approvato, in via definitiva il disegno di legge: Disposizioni in materia di giustizia e di processo tributari (C. 3703​).

Rateizzazione cartelle di pagamento: scelta tra normativa vigente e previsioni elettorali

Aumento soglia a 120 mila euro senza documentare la situazione di temporanea difficoltà. Decadenza con il mancato pagamento di otto rate invece che cinque

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.