HOME

/

FISCO

/

SUPERBONUS 110%

/

BONUS EDILIZI: CESSIONE CREDITO ENTRO IL 29 APRILE IL PUNTO SU ASSEVERAZIONE E CONFORMITÀ

Bonus edilizi: cessione credito entro il 29 aprile il punto su asseverazione e conformità

Entro il 29 aprile occorre procedere alla cessione dei crediti per bonus edilizi pagati nel corso dell’anno 2021. Vediamo di fare il punto tra asseverazioni e visto di conformità

La cessione dei crediti dei bonus edilizi sia ordinari che da superbonus 110% è possibile attraverso uno slalom tra diversi obblighi e adempimenti veramente complessi. L'estensione delle asseverazioni e del visto di conformità anche ai bonus ordinari ha allargato la platea dei soggetti interessati, e sono in tanti in questo periodo a dover gestire le nuove problematiche per i cambiamenti normativi in corso d'opera. Il 29 aprile 2022 scade il termine per cedere i crediti relativi al lavori pagati nel 2021, ed è la prima scadenza che vede l'applicazione delle norme previste dai decreti Antifrode. La scadenza originaria del 16 marzo aveva già ricevuto una proroga al 7 aprile, ed ora viene ulteriormente rinviata al 29 aprile dal Sostegni ter.

Il Decreto Energia ha prorogato tale scadenza al 15 ottobre 2022 solo per i soggetti passivi Ires e titolari di partita Iva.

Ricordiamo che la Legge di Bilancio 2022, entrata in vigore il 1° gennaio 2022, nel recepire le novità introdotte dal D.L. n. 157/2021 c.d. decreto "Antifrodi",(abrogato della legge di bilancio, ma i cui effetti sono stati fatti salvi), ha  previsto la proroga, per le spese sostenute negli anni 2022, 2023 e 2024 di optare, in relazione agli interventi edilizi agevolati, per la cessione del credito relativo alla detrazione spettante o per il c.d. "sconto in fattura" di cui all'art. 121 del D.L. 34/2020.

Per approfondire consigliamo:

E-book La cessione dei crediti da bonus edilizi (eBook 2022)

e il tool Superbonus 110% e Bonus edilizi - Checklist Conformità 

1) Possibile cedere il credito sia per bonus edilizi ordinari che superbonus

La cessione del credito è pertanto ammessa per tutti i bonus edilizi ordinari e super, compresi gli impianti che sfruttano l'energia solare. Ma per i pannelli fotovoltaici e colonnine di ricarica delle auto elettriche il 2021 è l’ultimo anno in  cui è possibile cedere il credito che dal 2022 resta detraibile solo come lavoro trainato nell’ambito del superbonus.

Ricordiamo infatti che la cessione del credito è possibile per tutti i lavori ai quali spetta il bonus ristrutturazione dal 50 al 110%. 

Per le regole sulla cessione del credito dal 26 febbraio rimandiamo alla lettura dell’articolo

Le cessioni dei crediti prima e dopo il 26 febbraio

Per approfondire consigliamo:

E-book La cessione dei crediti da bonus edilizi (eBook 2022)

e il tool Superbonus 110% e Bonus edilizi - Checklist Conformità 

2) Asseverazione e visto di conformità anche per i bonus ordinari

La legge di bilancio, recependo il decreto Antifrode, ha esteso alle detrazioni edilizie ordinarie - tra cui l'"Ecobonus", il "Sismabonus" e il "Bonus ristrutturazioni" - l'obbligo, già previsto per gli interventi rientranti nel c.d. Superbonus 110%, di dotarsi del visto di conformità e dell'asseverazione della congruità delle spese sostenute.

Sono esclusi gli  interventi minori  quali gli interventi classificati come attività di edilizia libera e quelli di importo complessivo non superiore a 10.000 euro. 

Dal 12 novembre pertanto per cedere il credito occorre munirsi di visto di conformità e asseverazione di congruità delle spese. L'obbligo del visto e dell'asseverazione è necessario anche in caso di cessione delle rate residue non fruite,  delle detrazioni riferite alle spese sostenute nell'anno 2020, il cui accordo di cessione sia stato perfezionato a decorrere dal 12 novembre 2021.

Il nuovo adempimento riguarda pertanto non solo il superbonus 110% ma anche tutti i bonus ordinari del 50% e 65% con  l'esclusione degli interventi in edilizia libera e quelli fino a 10 mila euro.

L'asseverazione delle spese riguarda esclusivamente quelle effettuate a partire dal 12 novembre 2021, data di entrata in vigore del decreto antifrode, le cui disposizioni sono poi confluite nella legge di Bilancio 2022. L'Agenzia ha chiarito che "non sussiste l'obbligo di asseverazione delle spese e del Visto di conformità" per i contribuenti  che abbiano ricevuto le fatture da parte di un fornitore, assolto i relativi pagamenti a loro carico ed esercitato l’opzione per la cessione, attraverso la stipula di accordi tra cedente e cessionario, o per lo sconto in fattura, mediante la relativa annotazione, anteriormente alla data di entrata in vigore del decreto,   anche se non abbiano ancora provveduto all’invio della comunicazione telematica all’Agenzia delle entrate”.

Se però si intende effettuare la cessione del credito per le fatture successive a quelle per le quali l’opzione è già stata effettuata l’asseverazione dovrà riguardare il costo complessivo dell’intervento. 

Per approfondire consigliamo:

E-book La cessione dei crediti da bonus edilizi (eBook 2022)

e il tool Superbonus 110% e Bonus edilizi - Checklist Conformità 

3) In cosa consiste l’asseverazione delle spese

L'asseverazione o perizia tecnica asseverata, è una particolare forma di perizia con la quale il tecnico incaricato si assume la responsabilità, civile e penale, di tutto quanto viene riportato. Ai fini della cessione del credito per tutti i bonus edilizi deve dunque attestare:

  • rispondenza dei lavori realizzati rispetto al progetto;
  • rispetto dei requisiti tecnici richiesti dalle norme per quel singolo intervento;
  • congruità delle spese sostenute in relazione agli interventi agevolati rispetto ai prezzari pubblici individuati dalle norme. 

Possono rilasciare l’asseverazione

  • architetti;
  • ingegneri;
  • geometri. 

I quali devono essere in possesso di una assicurazione per la responsabilità civile per danni  con un massimale pari a quello dei lavori da asseverare. Sanzioni fino a 100.000 euro e il carcere in caso di false asseverazioni.

La congruità dei costi deve essere valutata sulla base dei parametri stabiliti dal prezziario contenuto nel  Decreto del Ministero della Transizione ecologica del 14 febbraio 2022, pubblicato in GU del 16.03.2022 n. 63, "Definizione dei costi massimi specifici agevolabili, per alcune tipologie di beni, nell'ambito delle detrazioni fiscali per gli edifici" con il quale sono stati definiti i costi massimi agevolabili, distinti per tipologia di intervento. L'entrata in vigore della norma è dopo 30 giorni dalla pubblicazione in gazzetta, cioè dal 15 aprile 2022.  Prima di quella data e per le tipologie di intervento non ricomprese nell’Allegato A, l’asseverazione certifica il rispetto dei costi massimi specifici calcolati utilizzando i prezziari predisposti dalle Regioni e dalle Province autonome o i listini delle camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura competenti sul territorio ove è localizzato l’edificio o i prezziari pubblicati dalla casa editrice DEI.

Si rimanda per approfondire alla lettura dell’articolo 

Bonus edilizi e 110: i massimali di costo per asseverazioni di congruità in Gazzetta 

4) Il visto di conformità

Il  visto di conformità viene rilasciato da:

  • dottori commercialisti, ragionieri, periti commerciali, consulenti del lavoro ed esperti iscritti alle Camere di Commercio, che verificano la presenza delle asseverazioni e delle attestazioni rilasciate dai professionisti tecnici incaricati.

La Circolare n. 16/a del 29 novembre ha fornito tutti i chiarimenti necessari per il rilascio del visto.Si legga a tale proposito l’articolo: Visto e asseverazione bonus edilizi: sintesi delle novità nella Circolare delle Entrate

Per ottenere il Visto per prima cosa occorre attestare il diritto ad avere le detrazioni fiscali. La lista dei documenti da esibire è contenuta nella circolare 7 del 25 giugno 2021.

Per approfondire consigliamo:

E-book La cessione dei crediti da bonus edilizi (eBook 2022)

e il tool Superbonus 110% e Bonus edilizi - Checklist Conformità

Ricordiamo inoltre che per tutte le agevolazioni: 

  • in caso di interventi eseguito dall'inquilino o dal comodatario occorrono gli estremi di registrazione del contratto e l'autorizzazione del proprietario ai lavori;
  • in caso di interventi eseguiti dal promissario acquirente occorre il compromesso registrato.

Il soggetto che rilascia il Visto ha l’obbligo di verifica che i professionisti incaricati abbiano rilasciato le asseverazioni e attestazioni, e che abbiano stipulato una polizza di assicurazione della responsabilità civile.

E' possibile detrarre i costi per l’asseverazione e quelli del Visto di conformità non solo per il Superbonus ma anche per la cessione del credito per i bonus ordinari. 

Il costo delle parcelle professionali non gode di un tetto di spesa a sé ma rientra nei limiti previsti per le diverse detrazioni.

5) Visto di conformità e dichiarazione dei redditi 2022

Fin qui abbiamo parlato della necessità del visto di conformità per la cessione del credito. Per quanto invece riguarda la detrazione in dichiarazione le istruzioni alla compilazione del modello della dichiarazione dei redditi 2022 ricordano che una delle novità dell'anno è appunto la previsione del  Visto di conformità Superbonus: con riferimento alle spese per interventi rientranti nel Superbonus, per le quali il contribuente fruisce della detrazione in dichiarazione, sostenute a decorrere dal 12 novembre 2021, a fronte di fatture emesse da tale data.

Non serve il visto di conformità per i c.d. bonus di ristrutturazione minori,

E' sempre escluso sia per i Bonus ordinari che per il Superbonus nell’ipotesi in cui la dichiarazione sia presentata direttamente dal contribuente, attraverso l’utilizzo della dichiarazione precompilata predisposta dall’Agenzia delle entrate (modello 730 o modello Redditi), ovvero tramite il sostituto d’imposta che presta l’assistenza fiscale (modello 730). Pertanto, nel caso in cui il contribuente modifichi i dati relativi alle spese ammesse al Superbonus proposti nella dichiarazione dei redditi precompilata e presenti direttamente la dichiarazione non dovrà richiedere il visto di conformità”.

Per approfondire consigliamo:

E-book La cessione dei crediti da bonus edilizi (eBook 2022)

e il tool Superbonus 110% e Bonus edilizi - Checklist Conformità 

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

SUPERBONUS 110% · 09/08/2022 Superbonus e cessione dei crediti dopo il decreto Semplificazioni: una falsa ripartenza

Il decreto Semplificazioni consente di cedere i crediti fiscali derivanti da cessione/sconto in fattura ai propri correntisti, detentori di partita iva: ma restano criticità

Superbonus e cessione dei crediti dopo il decreto Semplificazioni: una falsa ripartenza

Il decreto Semplificazioni consente di cedere i crediti fiscali derivanti da cessione/sconto in fattura ai propri correntisti, detentori di partita iva: ma restano criticità

Superbonus e bonus edilizi: via alle cessioni dei crediti ante 1 maggio 2022

Approvato emendamento al Semplificazioni, ora andrà in Senato, con sblocco delle cessioni dei crediti per tutte le PIVA

Superbonus: l'elenco dei possibili documenti da controllare e conservare

La circolare n 28 del 25 luglio riepiloga i documenti per il superbonus, circa 50, da controllare. Non riguardano tutti i contribuenti, ma sono necessari a seconda dei casi

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.