HOME

/

FISCO

/

DICHIARAZIONE IVA 2022

/

DICHIARAZIONE IVA 2022: TERMINI E MODALITÀ DI VERSAMENTO DEL SALDO

Dichiarazione Iva 2022: termini e modalità di versamento del saldo

Un riepilogo delle scadenze e delle modalità di versamento del saldo Iva 2021 risultante dalla dichiarazione annuale 2022, in unica soluzione o con rateizzazzione, con esempi

L’IVA dovuta sulla base della dichiarazione annuale deve essere versata entro il 16 marzo di ciascun anno, se di importo superiore a 10,33 euro (10,00 euro per effetto degli arrotondamenti effettuati in dichiarazione).

Secondo quanto stabilito dall'art. 6 del DPR n. 542/1999 infatti "La differenza tra l'ammontare dell'imposta sul valore aggiunto dovuta in base alla dichiarazione annuale e l'ammontare delle somme già versate mensilmente, è versata entro il 16 marzo di ciascun anno ovvero entro il termine previsto ((dall'articolo 17, comma 1, del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 7 dicembre 2001, n. 435)), maggiorando le somme da versare degli interessi nella misura dello 0,40 per cento per ogni mese o frazione di mese successivo alla predetta data".

Pertanto in linea generale, l'Iva dovuta sulla base della dichiarazione annuale può essere versata:

  • in un’unica soluzione entro il 16 marzo 2022, oppure rateizzata maggiorando dello 0,33% mensile l’importo di ogni rata successiva alla prima;
  • in unica soluzione entro il termine di pagamento delle somme dovute in base alla dichiarazione dei redditi, applicando alla somma da versare (al netto delle compensazioni) la maggiorazione dello 0,40% per ogni mese o frazione di mese successivo al 16 marzo, oppure rateizzata a partire dalla data di pagamento, maggiorando dapprima l’importo da versare con lo 0,40% per ogni mese o frazione di mese successivi al 16 marzo e quindi aumentando dello 0,33% mensile l’importo di ogni rata
    successiva alla prima.

È, in ogni caso, possibile avvalersi dell’ulteriore differimento del versamento del saldo IVA entro il trentesimo giorno successivo al 30 giugno (entro il 30 luglio), applicando sulla somma dovuta al 30 giugno (al netto delle compensazioni) gli ulteriori interessi dello 0,40%.

Si ricorda che in tutti i casi in cui il termine di pagamento cade di sabato o in un giorno festivo, detto termine è prorogato al primo giorno lavorativo successivo.

Ricordiamo che gli adempimenti fiscali e il versamento delle imposte, compresi i versamenti rateali, che hanno scadenza dal 1º al 20 agosto di ogni anno, possono essere effettuati entro il giorno 20 dello stesso mese, senza alcuna maggiorazione (art. 37, comma 11-bis, del decreto-legge 4 luglio 2006, n. 223).

Per individuare il termine di versamento del saldo Iva, quindi, è fondamentale ricordare le scadenze previste per il versamento delle imposte sui redditi (art. 17 del D.P.R. 435 del 2001), che si differenzia a seconda che il soggetto sia persona fisica, società di persona o soggetto Ires.

In questo approfondimento vediamo quali sono le modalità e i termini di versamento del saldo Iva 2021 con un esempio pratico utilizzando il nostro foglio di calcolo in excel “Calcolo Versamento saldo Iva 2021” in vendita anche nel pacchetto completo con la nostra Circolare del Giono in formato pdf Versamento saldo Iva 2021 (Excel + Circolare)

Potrebbero interessarti i seguenti prodotti:

Visita il Focus Iva in continuo aggiornamento

1) Saldo Iva 2021: termini di versamento persone fisiche e società di persone

Abbiamo detto che il saldo Iva può essere versato:

  • entro il 16.03.2022
  • entro i termini di versamento delle somme dovute in base alla dichiarazione dei redditi.

Per le persone fisiche e società di persone di cui all'art. 5 del TUIR, che decidono di effettuare il pagamento del saldo Iva entro i termini di versamento delle imposte dovute in base alla dichiarazione dei redditi, le scadenze sono così individuate:

  • entro il 30 giugno 2022, in un’unica soluzione, con la maggiorazione a titolo di interessi nella misura dello 0,40% per ogni mese o frazione a partire dal 17 marzo, in sostanza avremo:
    • se il pagamento è effettuato dal 17.03.2022 al 19.04.2022 (il 16 aprile è un sabato) applicando gli interessi dello 0,40%
    • se il pagamento è effettuato dal 20.04.2022 al 16.05.2022 applicando gli interessi dello 0,8%
    • se il pagamento è effettuato dal 17.05.2022 al 16.06.2022 applicando gli interessi dell'1,2%
    • se il pagamento è effettuato dal 17.06.2022 al 30.06.2022 applicando gli interessi dell'1,6%
  • dal 1° luglio al 1° agosto 2022 (entro 30 giorni successivi al 30 giugno, ma il 30 luglio cade di sabato) applicando un'ulteriore maggiorazione dello 0,40% all'importo determinato alla data del 30 giugno (maggiorato quindi degli degli interessi dell'1,6%). Tuttavia, si segnala che quest'anno il versamento del saldo Iva potrà essere effettuato entro 22 agosto 2022 (il 20 cade di sabato) in quanto il termine del 1° agosto 2022 cadendo nel periodo della sospensione feriale (ai sensi dell’art. 37, comma 11-bis, del decreto-legge n. 223 del 2006) fa slittare la scadenza al 22.08.

2) Saldo Iva 2021: termini di versamento soggetti IRES

Per le società di capitali ed enti equiparati (soggetti IRES) che decidono di effettuare il pagamento del saldo Iva entro i termini di versamento delle imposte dovute in base alla dichiarazione dei redditi, le scadenze sono individuate tenendo in considerazione:

  • la data di approvazione del bilancio d'esercizio
  • la data di chiusura dell'esercizio.

In breve sintesi, i soggetti IRES dovranno effettuare il versamento del saldo Iva:

  • entro l’ultimo giorno del 6° mese successivo a quello di chiusura del periodo d’imposta, che per le società con esercizio coincidente con l’anno solare coincide con il 30 giugno 2022.
  • dal 1° luglio al 1° agosto 2022 con la maggiorazione dello 0,40% per le società con esercizio coincidente con l’anno solare (differimento di 30 giorni). Anche in questo caso il termine slitta al 22 agosto 2022 (il 20 cade di sabato) in quanto il 1° agosto 2022 cade nel periodo della sospensione feriale dei termini.

I soggetti che, in base a disposizioni di legge, approvano il bilancio o il rendiconto oltre il termine di quattro mesi dalla chiusura dell’esercizio effettuano i versamenti entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello di approvazione del bilancio o rendiconto. 

Se il bilancio o il rendiconto non è approvato entro il termine massimo previsto dalla legge (180 giorni dalla chiusura dell’esercizio) i versamenti devono, comunque, essere effettuati entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello sopra indicato.

Ricordiamo che, ai sensi degli artt. 2364, comma 2 e 2478-bis del Codice civile, le società di capitali ed enti equiparati devono convocare l'assemblea per l’approvazione del bilancio d’esercizio, entro il termine stabilito dallo statuto / atto costitutivo comunque non superiore a:

  • 120 giorni dalla chiusura dell’esercizio,
  • 180 giorni in caso di particolari esigenze.

Vediamo quindi in sintesi i termini di versamento del saldo Iva a seconda della data di approvazione del bilancio.

Per i soggetti che approvano il bilancio nei termini ordinari entro 120 giorni

  • entro l'ultimo giorno del sesto mese successivo a quello di chiusura del periodo d'imposta, per i soggetti con periodo d'imposta coincidente con l'anno solare entro il 30 giugno 2022 (termine ordinario);
  • dal 1° luglio al 1° agosto 2022 con la maggiorazione dello 0,40% per le società con esercizio coincidente con l’anno solare (differimento di 30 giorni), termine che slitta al 22 agosto 2022 (il 20 cade di sabato) in quanto il 1° agosto 2022 cade nel periodo della sospensione feriale dei termini.

Per i soggetti che approvano il bilancio oltre termini ordinari ma entro 180 giorni 

  • entro l'ultimo giorno del mese successivo a quello di approvazione del bilancio.
    Ad esempio nel caso di una società con esercizio coincidente con l'anno solare, che approva il bilancio il 29.06.2022, potrà effettuare il versamento del saldo Iva:
    • entro il 22 agosto 2022 (il 31 luglio cade di domenica e il giorno successivo rientra nella sospensione feriale) 
    • oppure entro il 22 settembre 2022 con l'applicazione della maggiorazione dello 0,40%.

Mancata approvazione del bilancio

In caso di mancata approvazione del bilancio si possono verificare due situazioni differenti:

  • Il bilancio doveva essere approvato nel termine ordinario di 120 giorni, il versamento dovrà essere effettuato:
    • entro l'ultimo giorno del sesto mese successivo a quello di chiusura del periodo d'imposta, per i soggetti con periodo d'imposta coincidente con l'anno solare entro il 30 giugno 2022 (termine ordinario);
    • dal 1° luglio al 1° agosto 2022 con la maggiorazione dello 0,40% per le società con esercizio coincidente con l’anno solare (differimento di 30 giorni), termine che slitta al 22 agosto 2022 (il 20 cade di sabato) in quanto il 1° agosto 2022 cade nel periodo della sospensione feriale dei termini.
  • Il bilancio doveva essere approvato nel maggior termine di 180 giorni, il versamento dovrà essere effettuato: 
    • entro l'ultimo giorno del mese successivo a quello di approvazione del bilancio.

3) Saldo Iva 2021: versamento rateale

L’IVA dovuta in base alla dichiarazione annuale può essere versata:

  •  in unica soluzione 
  • o rateizzata ai sensi dell’art. 20 del d.lgs. 9 luglio 1997, n. 241.

Le rate devono essere di pari importo e la prima rata deve essere versata entro il termine previsto per il versamento dell’IVA in unica soluzione. Le rate successive alla prima devono essere versate entro il giorno 16 di ciascun mese di scadenza ed in ogni caso l’ultima rata non può essere versata oltre il 16 novembre.

Considerando che il termine per il versamento del saldo IVA è quello del 16 marzo, sarà possibile per il contribuente optare per un numero di rate che va da un minimo di 2 ad un massimo di 9.
Sull’importo delle rate successive alla prima è dovuto l’interesse fisso di rateizzazione pari allo 0,33% mensile, pertanto la seconda rata deve essere aumentata dello 0,33%, la terza rata dello 0,66% e cosi via.

Di seguito si fornisce un riepilogo per le ipotesi di versamento rateale.

VERSAMENTO SALDO IVA 2021

IN UNICA SOLUZIONE

16.03.2022

IN FORMA RATEALE (max 9 rate)

a partire dal 16.03.2022

1 rata

16.03.2022 (senza interessi)

2 rata

19.04.2022 (+ interessi 0,33%)

3 rata

16.05.2022 (+ interessi 0,66%)

4 rata

16.06.2022 (+ interessi 0,99%)

5 rata

18.07.2022 (+ interessi 1,32%)

6 rata

22.08.2022 (+ interessi 1,65%)

7 rata

16.09.2022 (+ interessi 1,98%)

8 rata

17.10.2022 (+ interessi 2,31%)

9 rata

16.11.2022 (+ interessi 2,64%)

IN UNICA SOLUZIONE

al 30.06.2022

30.06.2022

+ maggiorazione dello 0,40% per ogni mese o frazione di mese intercorsa tra il 16.03.2022 e la data di versamento (quindi interessi dell'1,60% se il pagamento avviene il 30.06.2022).

IN FORMA RATEALE (max 6 rate)
a partire dal 30.06.2022

Maggiorazione del saldo Iva 2021 dello 0,40% per ogni mese o frazione di mese intercorsa tra il 16.03.2022 e la data di versamento e poi suddivisione in rate mensili di uguale importo da versare:

1 rata

30.06.2022
(senza interessi di rateazione)

Rate successive

Entro il 16 di ogni mese successivo + interessi mensili dello 0,33%

IN UNICA SOLUZIONE
al 30.07.2022

30.07.2022 [1]

+ maggiorazione dello 0,40% per ogni mese o frazione di mese intercorsa tra il 16.03.2022 e la data di versamento (quindi interessi del 2% se il pagamento avviene il 30.07.2022).

IN FORMA RATEALE (max 5 rate)
a partire dal 30.07.2022

Maggiorazione del saldo Iva 2021 dello 0,40% per ogni mese o frazione di mese intercorsa tra il 16.03.2022 e la data di versamento e poi suddivisione in rate mensili di uguale importo.

[1] pur considerando che, cadendo il 30.07.2022 di sabato, i versamenti che scadono in tale data sono rimandati al 01.08.2022, venendo ulteriormente dilazionati al 22.08.2022 (in quanto anche il 20.08.2022 è un sabato).

Per approfondire leggi anche:

4) Saldo Iva 2021: un esempio pratico di rateazione

Vediamo un esempio pratico elaborato con il supporto del nostro tool in excel “Calcolo Versamento saldo Iva 2021” che consente di determinare l'importo da versare del saldo Iva 2021, a seconda della scelta della data e della modalità di pagamento (in unica soluzione o rateale).

Supponiamo il caso di un contribuente che debba versare un saldo Iva a debito pari a 4.000,00 euro.

  • Nel caso di versamento rateale differito al 30.06.2022 in 4 rate, si presenterà questa situazione:
    • prima di tutto l'importo del saldo dovrà essere maggiorato dello 0,40% per ogni mese o frazione a partire dal 17 marzo, di conseguenza l'importo complessivo da prendere come riferimento e da rateizzare sarà pari a 4.000,00 x 1,6% (dato dallo 0,40% x 4) = 4.064,00 euro, 
    • avendo optato per il pagamento in 4 rate, ogni rata sarà quindi pari a 1.016,00 euro,
    • alle rate successive alla prima dovranno essere applicati gli interessi dello 0,33% mensile.

L'immagine con i relativi calcoli è stata elaborata con il nostro tool excel “Calcolo Versamento saldo Iva 2021”

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

ADEMPIMENTI IVA 2022 · 07/11/2022 Anomalie IVA periodo 2019: in arrivo le comunicazioni per l'adempimento spontaneo

Pronte le istruzioni dell'Agenzia per correggere le anomalie IVA per il periodo d'imposta 2019 oppure per ravvedersi con riduzione di sanzioni

Anomalie IVA periodo 2019: in arrivo le comunicazioni per l'adempimento spontaneo

Pronte le istruzioni dell'Agenzia per correggere le anomalie IVA per il periodo d'imposta 2019 oppure per ravvedersi con riduzione di sanzioni

Frodi nell'UE: disposizioni correttive al Dlgs n 75/2020

In GU n 248 del 22 ottobre i correttivi alle disposizioni del Dlgs n 75/2020 di attuazione della Direttiva PIF con misure di lotta contro le frodi nell'UE

Omessa dichiarazione e credito IVA: si può portare in detrazione

La mancata presentazione della dichiarazione annuale non preclude il diritto di detrarre il credito IVA nel periodo d’imposta successivo

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.