HOME

/

FISCO

/

PACE FISCALE 2022

/

LA PRESCRIZIONE DELLE CARTELLE ESATTORIALI

La prescrizione delle cartelle esattoriali

Quando possiamo dire che le somme richieste a mezzo cartella esattoriale sono prescritte? Il punto e un elenco dei termini di prescrizione delle principali imposte e contributi

Ricordiamo che l’art. 2953 del codice civile in merito agli effetti del giudicato sulle prescrizioni brevi dispone che “I diritti per i quali la legge stabilisce una prescrizione più breve di dieci anni, quando riguardo ad essi è intervenuta sentenza di condanna passata in giudicato, si prescrivono con il decorso di dieci anni”.
 Orbene, sulla prescrizione delle somme richieste tramite cartella esattoriale dal Concessionario della Riscossione esiste, come noto, un acceso dibattito giurisprudenziale in merito all’applicabilità del summenzionato art. 2953 c.c.

Ti segnaliamo il file excel con guida di accompagnamento Rateazione cartelle: calcolo indice Liquidità e Alfa utile per conoscere il numero massimo di rate che l’Agente della riscossione potrà concedere in fase di valutazione della richiesta di rateizzazione presentata.

Visita anche il Focus Difendersi dal Fisco con tanti e-book di approfondimento:

1) Orientamento prevalente

L’orientamento prevalente è per l’inapplicabilità generalizzata della prescrizione decennale alla cartella esattoriale che richiede somme non derivanti  da accertamento divenuto definitivo ovvero da cartelle non opposte.

In merito,  si segnala la   pronuncia della C.T.R. Di Napoli del n. 7121 del 19.07.2016, la quale riprendendo le motivazioni delle precedenti statuizioni (cfr. ex multis Trib. Ordinario Trento Sez. Lavoro 8/03/2016, Trib. Roma sez. I 6/05/2015, Trib. Cosenza sez. Lavoro 01.04.2015, Corte di Appello di Lecce Sez. I sentenza n. 668 14/03/2014, CTP La Spezia n. 367 27/03/15, CTR Lazio Sez. XXIX n. 4721 del 10/09/15, Cass. 11687/08, Cass. 23984/14) ha sancito che “il termine di prescrizione delle pretese esattoriali è quinquennale salvo che la pretesa non discenda da titoli fondati su un accertamento incontrovertibile (sentenza passata in giudicato oppure atto tributario non impugnato)”.

La materia del contendere riguardava l’impugnativa di un avviso di di intimazione di pagamento per nullità del procedimento di notifica nonché per intervenuta prescrizione della cartella esattoriale.

Il Collegio giudicante, pur respingendo l’eccezione di nullità della cartella per vizi di notifica confermava l’accoglimento delle doglianze in merito all’intervenuta prescrizione che non era decennale come sostenuto da Equitalia ma quinquennale.

In giudizio, infatti, era stata prodotta la sola relata di notifica con annesso estratto di ruolo e non la cartella, pertanto, non era possibile appurare la presenza di “…omissis… titoli di accertamento-condanna (amministrativo o giudiziario ) divenuti definitivi non già invece a cartelle esattive che — se adottate in virtù di procedure che consentono di prescindere dal previo accertamento dell’esistenza del titolo- non possono per questo considerarsi rette dall’irretrattabilità e definitività del titolo di accertamento e ripetono la loro legittimità (sotto il profilo della tempestività della procedura di notifica alla parte destinataria) dalla legge che le regola…omissis…”

A completare il quadro, bisogna aggiungere che su un caso analogo di cartella esattoriale non opposta, la Cassazione VI sezione, con ordinanza interlocutoria del 29 gennaio 2016 n. 1799, ha trasmesso gli atti al Primo Presidente affinché si valutasse  l’opportunità di ricorso alle Sezioni Unite, la quale si è pronunciata adottando una soluzione intermedia statuendo che il termine prescrizionale dipenderà dalla natura del credito azionato, ( cfr.  Cass. Sent. n. 23397/2016.).   Sicché, generalmente per i tributi erariali sarà di 10 anni mentre per i tributi locali di 5 anni, così come per quelli contributivi, (INAIL ed INPS).

2) I termini di prescrizione di imposte e contributi

Per completezza ricordiamo gli attuali termini di prescrizione di imposte e contributi

  • Irpef: 10 anni
  • Iva: 10 anni
  • Ires: 10 anni
  • Irap: 10 anni
  • Imposta di bollo: 10 anni
  • Imposta di registro: 10 ann
  • Contributi Camere di Commercio: 10 anni
  • Tosap: 10 anni
  • Canone Unico Patrimoniale: 10 anni
  • Imu: 5 anni
  • Tasi: 5 anni
  • Tari: 5 anni
  • Contributi Inps: 5 anni
  • Contributi Inail: 5 anni
  • Contravvenzioni stradali (cosiddette multe stradali): 5 anni
  • Sanzioni amministrative: 5 anni
  • Bollo auto: 3 anni
  • Imposta catastale: 10 anni
  • Imposta sugli apparecchi audiovisivi (Canone RAI): 10 anni
  • Sentenze di condanna del giudice per impugnazioni (rigettate) contro cartelle di pagamento: 10 anni.

Il Dies a Quo per la prescrizione decorre dall’avvenuto decorso del termine dei 60 giorni dalla notifica della cartella, per i tributi locali nel termine dei cinque anni da quando il tributo è dovuto.  Si ricorda che per le cartelle esattoriali riguardanti imposte dovute ex art. 36 bis e 36 ter opera la prescrizione quinquennale

L’avvenuta prescrizione comporterà la perdita dell’esecutività della cartella, ma il pagamento della stessa non renderà ripetibili le somme pagate.

Per quanto concerne il modus operandi,  le doglianze in merito all’intervenuta prescrizione della pretesa contenuta nella cartella esattoriale potrà essere eccepita a mezzo ricorso presentato  alla Commissione Tributaria competente, in seguito alla notifica di un avviso di intimazione ovvero in sede di opposizione agli atti esecutivi, in alternativa,  presentando apposita istanza in autotutela presso l’Ente Creditore. Sfumerà definitivamente, salvo rare eccezioni, la possibilità di annullamento delle cartelle prescritte tramite impugnazione dell’ estratto di ruolo alla luce delle recenti modifiche del DL Fiscale 146/2021 “Misure urgenti in materia economica e fiscale, a tutela del lavoro e per esigenze indifferibili” in corso di definitiva approvazione.

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LE RIFORME DEL GOVERNO DRAGHI · 05/04/2022 Rottamazione e notifica cartelle: le novità della legge di conversione del Sostegni ter

Guida alle novità della legge di conversione del Decreto Sostegni-ter con le modifiche apportate in materia di rottamazione e saldo e stralcio, cartelle di pagamento e dilazioni

Rottamazione e notifica cartelle: le novità della legge di conversione del Sostegni ter

Guida alle novità della legge di conversione del Decreto Sostegni-ter con le modifiche apportate in materia di rottamazione e saldo e stralcio, cartelle di pagamento e dilazioni

Rottamazione ter e saldo e stralcio: tempo fino al 9 maggio per le rate del 30.04

Il Sostegni ter ridisegna il calendario dei pagamenti della Rottamazione ter e del saldo e stralcio. Per le rate in scadenza al 30 aprile c'è tempo fino al 9 maggio

Cartelle di pagamento, rateizzazioni e rottamazione: le Faq dell'Agenzia con le novità

Le FAQ dell'Agenzia con i chiarimenti sulle novità della Legge n. 25/2022 in materia di definizione agevolata; rottamazione, termini di pagamento delle cartelle e rateizzazioni

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.