HOME

/

FISCO

/

ACCERTAMENTO E CONTROLLI

/

CARTELLE: QUANDO E COME RICHIEDERE LA RATEIZZAZIONE

Cartelle: quando e come richiedere la rateizzazione

Breve guida per imprese e professionisti per la rateizzazione dei debiti tributari da cartelle di pagamento

Le imprese e i professionisti che hanno ricevuto una cartella di pagamento e abbiano necessità di rateizzare il debito, possono procedere nel modo seguente:

  • inviare la richiesta di rateizzazione via pec, attraverso gli specifici indirizzi riportati in ciascun modello di rateizzazione, 
  • presentarla presso uno degli sportelli dell'Agenzia della Riscossione

Dalla richiesta di rateizzazione e, finché si è in regola con i pagamenti delle rate:

  • non si è considerati inadempiente verso gli enti creditori 
  • l'Agenzia delle entrate-Riscossione non iscrive fermi o ipoteche, 
  • né attiva qualsiasi altra procedura di riscossione.

Relativamente ai piani di rateizzazione in essere al 31 dicembre 2020 o richiesti entro il 31 dicembre 2021, il contribuente beneficia del maggior periodo di decadenza stabilito nel mancato pagamento di dieci rate, anche non consecutive, invece delle cinque ordinariamente previste (tale maggior periodo è stato previsto dal decreto rilancio, con proroga da parte del decreto agosto e del decreto 125/2020 e infine dal decreto ristori)

Si specifica inoltre che per i provvedimenti di accoglimento relativi a richieste di rateizzazione presentate a decorrere dal 30 novembre 2020, il pagamento della prima rata del piano di rateizzazione determina l’estinzione delle procedure esecutive precedentemente avviate a condizione che non si sia ancora tenuto l'incanto con esito positivo o non sia stata presentata istanza di assegnazione, ovvero il terzo non abbia reso dichiarazione positiva o non sia stato già emesso provvedimento di assegnazione dei crediti pignorati.
In presenza di una sospensione giudiziale o amministrativa, può interrompere i pagamenti delle rate, limitatamente ai tributi interessati, per tutta la durata del relativo provvedimento.

1) Rateizzazione ordinaria

Per debiti fino a 100 mila euro si può richiedere la rateizzazione presentando una domanda (on-line oppure tramite gli specifici indirizzi pec riportati nel modello di rateizzazione), senza aggiungere alcuna documentazione, salvo che la Società non sia in liquidazione, e dichiarando la temporanea situazione di obiettiva difficoltà economica. 

In questo caso, si accede automaticamente al piano ordinario che consente di pagare il debito fino a un massimo di 72 rate (6 anni).
Concorre a determinare la soglia di 100 mila euro, oltre all’importo per cui si richiede la rateizzazione, anche il debito residuo di piani di dilazione già in corso.
E' bene specificare che si può scegliere tra rate costanti o rate crescenti

SCARICA IL MODULO R1

Questo modello può essere presentato tramite posta elettronica certificata (PEC), insieme alla copia del documento di identità o di riconoscimento:

  • alla casella PEC dell’area territoriale relativa alla provincia di emissione della cartella/avviso di cui si chiede la rateizzazione (l’elenco delle caselle PEC è riportato in allegato); 
  • oppure agli sportelli dell’Agenzia delle entrate-Riscossione.

Si ricorda, inoltre, che in presenza dei relativi requisiti, è possibile richiedere e ottenere la rateizzazione secondo un piano ordinario per importi fino a 100.000 euro, in modo semplice e veloce, accedendo al servizio on-line “Rateizza adesso”presente nella propria area riservata del portale www.agenziaentrateriscossione.gov.it, senza necessità di allegare alcuna documentazione. 

2) Rateizzazione straordinaria

Per debiti superiori a 100 mila euro la rateizzazione può invece essere richiesta:

  • presentando una domanda
  • e allegando i documenti che attestino la temporanea situazione di obiettiva difficoltà economica:
    • per le ditte individuali con regimi fiscali semplificati è necessaria la certificazione relativa all’Indicatore della situazione reddituale (ISEE);
    • per le altre imprese (ivi comprese le ditte individuali in contabilità ordinaria) è necessario il prospetto per la determinazione dell’indice di liquidità e dell’indice Alfa e copia dell’ultimo bilancio approvato e depositato presso il registro delle imprese.

Se la richiesta è accolta, si accede al piano ordinario che consente di pagare il debito fino a un massimo di 72 rate (6 anni).
Concorre a determinare la soglia di 100 mila euro, oltre all’importo per cui si richiede la rateizzazione, anche il debito residuo di piani di dilazione già in corso.
Puoi scegliere tra rate costantirate crescenti.

SCARICA IL MODULO R2

Questo modello può essere presentato tramite posta elettronica certificata (PEC), insieme alla copia del documento di identità o di riconoscimento:

  • alla casella PEC della Direzione Regionale relativa alla provincia di emissione della cartella/avviso di cui si chiede la rateizzazione (l’elenco delle caselle PEC è riportato in allegato);
  • oppure agli sportelli dell’Agenzia delle entrate-Riscossione.

3) Allungamento del numero delle rate

Se non si è in grado di sostenere il pagamento del debito secondo un piano ordinario in 72 rate mensili, si può ottenere una rateizzazione fino a 120 rate di importo costante.

È necessario possedere i requisiti indicati dal decreto del ministero dell'Economia e delle Finanze del 6 novembre 2013 che stabilisce il numero di rate concedibili in base alla situazione economica.

Si dovranno presentare dei documenti che attestino la comprovata e grave difficoltà legata alla congiuntura economica per ragioni estranee alla propria responsabilità, e in presenza delle seguenti condizioni:

  • per le ditte individuali con regimi fiscali semplificati: quando l’importo della singola rata è superiore al 20% del reddito mensile, risultante dall’Indicatore della situazione reddituale (ISR) riportato nel modello ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente);
  • per le altre imprese (ivi comprese le ditte individuali in contabilità ordinaria): quando la rata è superiore al 10% del valore della produzione rapportato su base mensile e l’indice di liquidità, ricavato dai dati di bilancio è compreso tra 0,5 e 1.

4) Proroga della rateizzazione

Se le condizioni economiche dell’impresa peggiorano e il piano di rateizzazione non è decaduto, si può  chiedere di allungare i tempi di pagamento delle rate.
La proroga, può essere richiesta una sola volta e può essere:

  1. ordinaria, fino a un massimo di ulteriori 72 rate (6 anni) 
  2. straordinaria, fino a un massimo di 120 rate (10 anni).

Per la richiesta di proroga è necessario presentare una domanda motivata allegando alcuni documenti che attestino il peggioramento delle condizioni di difficoltà economica.

Per dimostrare l’aggravamento della condizione economica:

  • i titolari di ditte individuali in regimi fiscali semplificati devono produrre un nuovo modello ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) di valore inferiore, solo se sono trascorsi 12 mesi dalla precedente certificazione, diversamente è necessario documentare gli eventi che hanno determinato una radicale modifica della situazione reddituale e patrimoniale che non consentono di sostenere più il pagamento della dilazione in corso (improvvisa e oggettiva crisi di mercato anche di carattere locale, cessazione dell’attività della ditta individuale, ecc);
  • le altre imprese e le ditte individuali in contabilità ordinaria devono presentare la situazione economico patrimoniale aggiornata, se rispetto alla precedente sono trascorsi almeno sei mesi.

La richiesta di proroga viene analizzata secondo i parametri dell’Indice di Liquidità (che deve essere inferiore al precedente) e dell’Indice Alfa (il cui valore determina soltanto il numero massimo di rate concedibili in proroga).

Infine si specifica che a seconda che la proroga richiesta sia ordinaria o straordinaria, le rate possono essere, rispettivamente, costanti/crescenti oppure solo costanti.

5) Le novità dei decreti legge n 73/2021, 34/2021 e 137/2020

Il decreto Sostegni bis (DL n. 73/2021 convertito con modificazioni dalla Legge n. 106/2021) prevede che il pagamento delle rate sospese, cioè quelle con scadenza tra l’8 marzo 2020 e il 31 agosto 2021, dovrà essere effettuato entro il mese successivo alla scadenza del periodo di sospensione e, dunque, entro il 30 settembre 2021.
Le rate con scadenza successiva al periodo di sospensione devono essere versate nel rispetto delle date riportate sui bollettini/moduli di pagamento allegati al provvedimento di accoglimento.

Leggi anche Sospensione cartelle al 31 agosto e nuovi termini definizione agevolata: aggiornate le FAQ

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

PACE FISCALE 2021 · 17/09/2021 Condono cartelle: bollo auto e debiti annullati. Entro il 30.09 resi noti gli esclusi

Entro il 31.10 annullati i debiti fino a 5.000 euro. Lo prevede il decreto pubblicato in GU n 183 del 2 agosto. Entro il 30.09 la lista degli esclusi. Vediamo le regole del condono

Condono cartelle: bollo auto e debiti annullati. Entro il 30.09 resi noti gli esclusi

Entro il 31.10 annullati i debiti fino a 5.000 euro. Lo prevede il decreto pubblicato in GU n 183 del 2 agosto. Entro il 30.09 la lista degli esclusi. Vediamo le regole del condono

Spid, CIE, Cns: dal 1 ottobre per accesso ai servizi on line di Entrate e Riscossione

Le Entrate informano che dal 1 ottobre per tutti i cittadini l'accesso ai servizi on line sarà possibile solo con Spid, Cie e Cns. Vediamo i dettagli

Sospendere una cartella: ecco i servizi on line per contribuenti di Agenzia Riscossione

Agenzia della Riscossione offre servizi on line per i contribuenti: sospendere una cartella, oltre a richiedere chiarimenti e documenti. Vediamo come

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.