HOME

/

FISCO

/

RIMBORSO IVA 2022

/

RIMBORSI IVA 2019: VINCOLI, SOGLIE E GARANZIE

Rimborsi IVA 2019: vincoli, soglie e garanzie

Credito Iva 2018: ecco come chiedere il rimborso e le garanzie necessarie

Il diritto al rimborso dell’IVA può essere esercitato solamente in presenza di determinate condizioni, in difetto delle quali i contribuenti sono “abilitati” solamente a riportare a nuovo il credito IVA per scomputarlo nell'esercizio successivo.

Una specifica eccezione è prevista – con la spettanza comunque del diritto al rimborso – se il contribuente ha cessato l'attività nel corso dell'anno.
Il rimborso può essere chiesto sia in sede di dichiarazione annuale, sia in presenza di crediti infrannuali nei primi tre trimestri dell’anno (mentre il credito relativo al quarto trimestre può essere richiesto a rimborso in sede di dichiarazione annuale).

Può esserti utile il foglio di calcolo per il rilascio del Visto di conformità IVA e altri crediti  - (excel)

Potrebbero interessarti i seguenti prodotti:

1) Requisiti per chiedere il rimborso Iva 2019

I requisiti previsti per ottenere il rimborso dell’IVA sono di seguito indicati:

  • requisito oggettivo: il credito IVA deve ammontare almeno ad euro 2.582,28 (art. 30, comma 3, D.P.R. n. 633/1972);
  • requisito soggettivo: è necessario che sia verificata almeno una delle seguenti condizioni (nell’anno o nel trimestre, in caso di rimborso infrannuale):
    • esercizio in via esclusiva o prevalente di attività che comportino l'effettuazione di operazioni soggette ad IVA con aliquote inferiori a quelle dell'imposta relativa agli acquisti ed alle importazioni;
    • effettuazione di operazioni non imponibili per un ammontare superiore al 25% dell'ammontare complessivo di tutte le operazioni effettuate;
    • acquisto od importazione di beni ammortizzabili (nonché di beni e servizi per studi e ricerche), limitatamente alla relativa imposta;
    • effettuazione in prevalenza di operazioni non soggette ad IVA a norma dell'art. 7, D.P.R. 633/1972;
    • nomina di un rappresentante fiscale, secondo quanto previsto dall’art. 17, comma 2, D.P.R. n. 633/1972.

Al di fuori dei casi indicati, la richiesta di rimborso può essere validamente effettuata se dalle dichiarazioni dei due anni precedenti risultano eccedenze a favore del contribuente, nei limiti dell'ammontare del credito risultante dalla dichiarazione annuale e, comunque, per un importo non superiore alla minore delle eccedenze (art. 30, comma 4, D.P.R. n. 633/1972).

2) L’importo rimborsabile IVA

Per determinare l’importo rimborsabile non devono essere considerati solamente gli acquisti di beni ammortizzabili effettuati nell’anno, ma anche quelli relativi ad anni precedenti, a meno che la relativa imposta non sia stata utilizzata in detrazione su importi a debito o compensata con altre imposte.

Se quindi con la dichiarazione relativa all’anno di imposta X viene richiesto il rimborso di un’imposta relativa all’acquisto di beni ammortizzabili effettuato nell’anno X - 1, la dichiarazione Iva di quell’anno deve evidenziare un credito di importo uguale o superiore a quello richiesto per il bene ammortizzabile.
Gli (eventuali) utilizzi in compensazione con altre imposte non devono intaccare l’importo relativo al bene ammortizzabile.

3) Le garanzie previste per i rimborsi IVA 2019

Il contribuente che presenta un credito IVA in un dato periodo di imposta e che decide, in tutto o in parte, di chiederlo a rimborso, nel rispetto dei requisiti previsti dall’art. 30 del D.P.R. n. 633/1972, deve verificare la necessità di presentare specifica garanzia.

L’art. 38-bis del D.P.R. n. 633/1972 stabilisce le condizioni per l’esonero o la presentazione della garanzia.
In alcune ipotesi, la procedura intesa ad ottenere il rimborso dell’IVA è subordinata all’apposizione, da parte dei professionisti a ciò abilitati, del visto di conformità.

Secondo il vigente art. 38-bis del D.P.R. n. 600/1973), il rimborso del credito IVA fino a 30.000 euro è erogato senza prestazione di garanzia e senza ulteriori adempimenti (dichiarazione sostitutiva).

Il limite di 30.000 euro è riferito non alla singola richiesta, ma alla somma delle richieste di rimborso effettuate per l’intero periodo d’imposta.

In tali casi, i controlli del “certificatore” per il rilascio del visto di conformità devono essere finalizzati, oltre che ad evitare errori materiali e di calcolo nella determinazione dell'imponibile, nonché nel corretto riporto delle eccedenze di credito, anche a verificare la regolare tenuta e conservazione delle scritture contabili obbligatorie ai fini IVA.

È pertanto necessario verificare:

  • la regolare tenuta e conservazione delle scritture contabili obbligatorie;
  • la corrispondenza dei dati esposti nella dichiarazione alle risultanze delle scritture contabili;

la corrispondenza dei dati esposti nelle scritture contabili alla relativa documentazione.

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA TASSAZIONE DELLE PMI · 04/01/2022 La detraibilità dell’IVA prima dell’inizio dell’attività in assenza di operazioni attive

È detraibile l’IVA sugli acquisti del periodo preparatorio all’inizio dell’attività, anche in assenza di ricavi, al realizzarsi di alcuni requisiti e in assenza di finalità abusive

La detraibilità dell’IVA prima dell’inizio dell’attività in assenza di operazioni attive

È detraibile l’IVA sugli acquisti del periodo preparatorio all’inizio dell’attività, anche in assenza di ricavi, al realizzarsi di alcuni requisiti e in assenza di finalità abusive

Legittimo il rimborso delle imposte versate per errore con Ravvedimento operoso

Le somme versate per errore con ravvedimento possono essere richieste a rimborso, in quanto errore formale che non implica riconoscimento del debito d’imposta

Anche il rimborso IVA è contestabile dal fisco senza limiti di tempo

Il fisco può opporre rifiuto al rimborso dell’IVA anche quando sono superati i termini decadenziali, ma solo in relazione alla verifica dei requisiti sostanziali

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.