HOME

/

FISCO

/

RIMBORSO IVA 2022

/

RIMBORSI IVA 2016: RISCHIO SOSPENSIONE IN CASO DI ACCERTAMENTO

Rimborsi IVA 2016: rischio sospensione in caso di accertamento

A rischio il rimborso IVA nei casi in cui il contribuente riceva avvisi di accertamento o comunicazioni di irregolarità. I chiarimenti dell’Agenzia.

Il tema del rimborso IVA è stato profondamente modificato nel corso del 2015 con il D.Lgs 158 che ha introdotto alcune importanti novità nei casi in cui al contribuente siano stati notificati atti da parte dell’Ufficio come ad esempio avvisi di accertamento, cartelle di pagamento e comunicazioni di irregolarità . Cambiamenti sono stati introdotti anche nelle ipotesi in cui il contribuente stia sanando la propria posizione tramite un pagamento rateizzato.

In questo approfondimento trattiamo questi temi alla luce dei recenti chiarimenti offerti dall’Agenzia delle Entrate con la Circolare n. 33/E del 22 luglio 2016 (in allegato).

L'articolo continua dopo la pubblicità

Per approfondire l'argomento ti segnaliamo l'eBook La procedura di rimborso dell'Iva - II edizione 2016, dove viene fornito un quadro completo degli adempimenti e delle comunicazioni da intraprendere con gli Uffici, per il rimborso dell'IVA.

Segui sempre il Dossier sul Rimborso IVA con tanti approfondimenti, notizie e aggiornamenti.

1) Rimborso e accertamento

Nei casi in cui al contribuente a cui spetta un rimborso IVA sia stato notificato un accertamento, il contribuente ha due possibilità. La prima consiste nella presentazione all’ufficio di una fideiussione a tempo indeterminato con il conseguente ottenimento del rimborso del credito vantato. La seconda consiste nel non presentare alcuna garanzia, ma in questa ipotesi occorre dividere i casi a seconda che gli atti notificati siano definitivi o meno.

Atti non definitivi: La prima novità consiste nel fatto che il pagamento del rimborso IVA può essere sospeso sia temporaneamente che definitivamente, anche nel caso in cui gli atti non siano definitivi. Nello specifico l’ufficio può sospendere il pagamento del credito IVA nei casi in cui:

  • Sia stato notificato al contribuente un atto di contestazione,
  • Sia stato notificato al contribuente un atto di irrogazione della sanzione,
  • Sia stato notificato al contribuente un provvedimento con il quale vengono accertati maggiori tributi.

La sospensione del rimborso IVA disposta dal competente ufficio sulla base degli elementi e dei dati risultanti agli atti o dall’Anagrafe Tributaria; deve essere notificato al contribuente.

Atti definitivi: nel caso in cui l’atto sia diventato definitivo, l’ufficio può prevedere la compensazione tra il credito IVA e l'importo accertato nell'atto.

La principale novità riguarda l’importo della sospensione/compensazione del rimborso IVA: infatti l’ufficio può sospendere/compensare un valore pari alla somma di tutti gli importi dovuti in base all’atto cioè:

  • imposta,
  • sanzioni,
  • interessi.

Prima della riforma, invece, poteva essere sospeso solamente un importo pari a quanto dovuto a titolo di sanzione.

2) Rimborso e comunicazioni di irregolarità

Gli avvisi di irregolarità sono emessi dall’Ufficio ai sensi dell’art. 36 bis e 36 ter. Com’è noto:

  • l’art. 36 bis riguarda gli avvisi di irregolarità emessi a seguito del controllo automatizzato tra i dati risultanti dalla dichiarazione del contribuente e quelli in possesso dell’amministrazione da altre fonti.
  • L’art.36 ter riguarda i controlli formali tra i dati indicati in dichiarazione e la documentazione conservata dal contribuente e messa a disposizione dell’Ufficio o con l’incrocio dei dati desunti dal contenuto delle dichiarazioni presentate da altri soggetti (sostituti d’imposta, enti previdenziali e assistenziali, banche, imprese assicuratrici, ecc.).

Entrambi gli avvisi consentono al contribuente di produrre, entro 30 giorni, le proprie ragioni e fare annullare gli avvisi di irregolarità senza ulteriori conseguenze.

Anche tali avvisi tuttavia possono interferire sui rimborsi Iva e portare a esiti differenti in base al comportamento del contribuente:

  • Se il contribuente → ha riconosciuto le ragioni dell’Ufficio e ha intrapreso un piano di rateazione che sta onorando, l’ufficio, in assenza di ulteriori cause ostative, procede con l’esecuzione del rimborso.
  • Se il contribuente → non è riuscito a dimostrare le proprie ragioni scaduti i trenta giorni, l’ufficio può procedere con la sospensione totale o parziale del rimborso IVA.
  • Se il contribuente → è decaduto dal beneficio dalla rateazione, l’ufficio può procedere con la sospensione totale o parziale del rimborso IVA.

3) Rimborsi e istituti definitori: accertamento con adesione, acquiescenza, conciliazione giudiziale, reclamo, mediazione

La circolare offre alcuni chiarimenti anche nel caso in cui il contribuente a cui spetta il rimborso iva, stia facendo un pagamento rateizzato a seguito di un accertamento con adesione, di acquiescenza, di conciliazione giudiziale o di reclamo /mediazione.

In generale le rate non pagate degli istituti sopra elencati non sono considerate carichi pendenti ai fini del rimborso iva e pertanto non comportano la sospensione del rimborso.

Questa regola generale non vale nei casi in cui l’omesso o il ritardato pagamento di rate comporti la decadenza dal beneficio della rateazione.  La decadenza dalla rateazione, infatti, può implicare:

  • la sospensione totale o parziale del rimborso
  • l’iscrizione a ruolo delle somme ancora dovute o l’intimazione ad adempiere. (a seconda dei casi).

Occorre specificare che nel caso di lieve inadempimento non si determina la decadenza dalla rateazione, ma l’iscrizione a ruolo dell’eventuale frazione non pagata, con l’applicazione della sanzione e dei relativi interessi.

Disciplina analoga è prevista anche per gli avvisi di liquidazione delle dichiarazioni di successione. Infatti in caso di rateazione dell’avviso, le rate non ancora pagate non comportano la sospensione totale o parziale del rimborso IVA, tranne nel caso in cui l’inadempimento del contribuente determini la decadenza dal beneficio della rateazione.

In particolare la decadenza dalla rateazione si verifica (tranne nei casi di lieve adempimenti):

  • in caso di mancato pagamento della somma pari al 20%  dell’imposta liquidata,
  • in caso di mancato pagamento di una delle rate entro il termine di pagamento della rata successiva.

4) Rimborsi e cartelle di pagamento

Ai fini dei rimborsi IVA, anche le rate non ancora versate di una cartella di pagamento non sono considerate carichi pendenti e non comportano, pertanto, la sospensione totale o parziale del rimborso. Come sopra l’unica eccezione consiste nelle ipotesi in cui l’inadempimento del contribuente determini la decadenza dalla rateazione.

Si precisa inoltre che non comportano la sospensione del rimborso neanche gli atti la cui riscossione è stata oggetto di sospensione amministrativa o giudiziale.

Allegato

Circolare Agenzia delle Entrate del 22/07/2016 n. 33/E
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA TASSAZIONE DELLE PMI · 04/01/2022 La detraibilità dell’IVA prima dell’inizio dell’attività in assenza di operazioni attive

È detraibile l’IVA sugli acquisti del periodo preparatorio all’inizio dell’attività, anche in assenza di ricavi, al realizzarsi di alcuni requisiti e in assenza di finalità abusive

La detraibilità dell’IVA prima dell’inizio dell’attività in assenza di operazioni attive

È detraibile l’IVA sugli acquisti del periodo preparatorio all’inizio dell’attività, anche in assenza di ricavi, al realizzarsi di alcuni requisiti e in assenza di finalità abusive

Legittimo il rimborso delle imposte versate per errore con Ravvedimento operoso

Le somme versate per errore con ravvedimento possono essere richieste a rimborso, in quanto errore formale che non implica riconoscimento del debito d’imposta

Anche il rimborso IVA è contestabile dal fisco senza limiti di tempo

Il fisco può opporre rifiuto al rimborso dell’IVA anche quando sono superati i termini decadenziali, ma solo in relazione alla verifica dei requisiti sostanziali

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.