HOME

/

DIRITTO

/

TRUST E PATRIMONI 2022

/

I REQUISITI MINIMI DEL TRUST IN ITALIA

I requisiti minimi del trust in Italia

Quali sono gli elementi minimi perché si possa parlare di trust in Italia secondo la Convenzione de l'Aja (parte seconda)

Nel precedente articolo "Il trust nell’ordinamento italiano", pubblicato il 7 luglio, abbiamo trattato il riconoscimento giuridico del trust in Italia dopo la Convenzione de l’Aja, ora vediamo quali sono gli elementi minimi (“ as a minimum ”) di fronte ai quali, sempre ai fini della Convenzione, si possa avere un trust.

1) Gli elementi minimi per avere un trust

individua i c.d. elementi minimi (“ as a minimum ”) di fronte ai quali, sempre ai fini della Convenzione, si possa avere un trust, ossia che i beni in trust:
  1. costituiscano una massa distinta e non siano parte del patrimonio del trustee;
  2. siano intestati al trustee o ad un altro soggetto per conto del trustee;
  3. che questi sia investito del potere e onerato dell'obbligo di amministrare e disporre dei beni in conformità alle disposizioni dell'atto istitutivo e secondo le norme della legge regolatrice.

Sussistenti questi, il rapporto così sorto deve essere riconosciuto quale trust, con l'effetto e della piena efficacia dell'intervenuta segregazione patrimoniale e della possibilità per il trustee di agire nella propria qualità, a prescindere da conflitti di norme.

Da ciò ne consegue (art. 11, comma II, della Convenzione) che

  • i creditori personali del trustee non possano rivalersi sui beni in trust,
  • che i beni rimangano segregati anche in ipotesi di insolvenza o fallimento del trustee,
  • che non rientrano nel regime matrimoniale o nella successione del trustee,
  • che la rivendicazione dei beni in trust sia consentita nella misura in cui il trustee violando le obbligazioni risultanti dal trust, abbia confuso i beni in trust con i propri o ne abbia disposto e che i diritti e gli obblighi del terzo possessore siano disciplinati dalla legge applicabile in base alle norme di conflitto del foro.

Va precisato che mentre gli elementi minimi di cui all'art. 2 Convenzione trovano applicazione sic et simpliciter con il riconoscimento, quelli di cui all'art. 11 solo nei termini previsti dalla legge applicabile al trust, ma, per il terzo possessore, a condizione che quest'ultima sia più favorevole della lex fori.

Tali effetti trovano, tuttavia, un invalicabile limite nella disposizione dell'art. 15 Convenzione che fa salve le c.d. norme imperative dettate dai singoli ordinamenti in materie la cui tutela non può essere oggetto di deroghe negoziali.

Da ciò ne discende che il trust che violi tali norme non sia nullo, ma semplicemente “ inefficaci taluni suoi effetti rispetto ai diritti tutelati dalle norme imperative, con il preciso dovere del Giudice di cercare di attuare in altro modo gli scopi del trust ” (così I. Valas, in M. Monegat, G. Lepore, I. Valas (a cura di), Trust. Aspetti sostanziali e applicazioni nel diritto di famiglia e delle persone , I, Torino, 2007, p. 69).

Del pari analoga tutela hanno le c.d. norme di applicazione necessaria , ossia quelle norme interne che, ai sensi dell'art. 17 legge 218/1995, trovano applicazione sempre e comunque, anche qualora la fattispecie presenti elementi di internazionalità, escludendo, per l'effetto, l'applicazione delle norme di diritto internazionale privato.

Nulla prevede, invece, la Convenzione sulla giurisdizione, ossia su quale sia il Giudice che debba decidere la legge individuata dall'applicazione della Convenzione stessa.

Al riguardo si dovrà fare riferimento alla Convenzione di Bruxelles del 27 settembre 1968, alla legge 31 maggio 1995 nr. 218 e, con riferimento agli Stati facenti parte della Unione europea, al recente regolamento (UE) n.1215/2012, noto anche come “ Regolamento Bruxelles I bis ”.

Hai un quesito sul trust?
Scrivi una mail a [email protected] con la richiesta dettagliata e riceverai un preventivo per la risposta.
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

TRUST E PATRIMONI 2022 · 09/05/2022 Qual è la definizione di Trust?

L'inquadramento dell'istituto del trust

Qual è la definizione di Trust?

L'inquadramento dell'istituto del trust

Fiscalità e adempimenti del trust

Un Manuale completo sul Trust e appena uscito nella collana Maggioli. Vengono affrontati gli aspetti giuridici e fiscali con una trattazione completa degli adempimenti dichiarativi

Chi sono gli attori del trust?

Le figure del trust, l’atto di trust e il diritto di informativa

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.