HOME

/

FISCO

/

RIMBORSO IVA 2022

/

RIMBORSO IVA TR: ENTRO IL 30 APRILE L’ISTANZA RELATIVA AL 1° TRIMESTRE 2012 CON IL NUOVO MODELLO

Rimborso IVA TR: entro il 30 aprile l’istanza relativa al 1° trimestre 2012 con il nuovo modello

Deve essere presentata entro il 30 aprile 2012 l’istanza di rimborso o compensazione del credito Iva infrannuale relativo al 1° trimestre 2012. L’istanza deve essere presentata utilizzando il nuovo modello IVA TR approvato con Provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 20 marzo 2012.

Con il Provvedimento del 20.03.2012, l’Agenzia delle Entrate ha approvato il nuovo modello IVA TR (con le relative istruzioni), che sostituisce la precedente versione approvata con Provvedimento del 19.03.2009. La predisposizione di un nuovo modello è stata resa necessaria per poter adeguare la struttura ed il contenuto del modello IVA TR alle modifiche recentemente intervenute nella disciplina Iva.

1) Il modello IVA TR

Il modello IVA TR può essere utilizzato esclusivamente dai contribuenti IVA che hanno maturato, nel 1°, 2° o 3° trimestre del periodo d’imposta (2012 nel nostro caso), un credito IVA superiore a € 2.582,28 e che rispettano determinati requisiti, indicati dall’art. 30, comma 3, lett. a), b), c), e) e, a seguito della Legge Comunitaria 2010 (come vedremo nel prossimo paragrafo), anche lett. d), del D.P.R. n. 633/1972.
In particolare, tali soggetti possono, in tutto o in parte:

  • richiedere il rimborso del credito Iva;
  • ovvero, portarlo in compensazione nel modello F24 con altri tributi, contributi e premi.

Per richiedere il rimborso o la compensazione del credito Iva trimestrale maturato o la sua compensazione è necessario presentare apposita istanza con il modello IVA TR, che deve essere presentato esclusivamente in via telematica entro l’ultimo giorno del mese successivo alla chiusura del trimestre di riferimento. Di conseguenza, scade il prossimo 30 aprile 2012 il termine per presentare il modello IVA TR relativamente al credito Iva maturato nel 1° trimestre 2012.
A tal fine, dovrà essere utilizzato il nuovo modello IVA TR predisposto dall’Agenzia delle Entrate per recepire le novità apportate recentemente alla disciplina Iva e approvato con Provvedimento del 20.03.2012.

2) Le novità recepite nel nuovo modello

Le principali modifiche al modello IVA TR hanno riguardato:

  • l’estensione, per effetto della Legge Comunitaria 2010 (art. 8, comma 2, lett. h), della L. n. 217 del 15.12.2011), della possibilità di richiedere il rimborso del credito IVA trimestrale anche in relazione alle operazioni non soggette ad Iva ex artt. da 7 a 7-septies del D.p.r. 633/72; in particolare, il rimborso è ora ammesso anche per i servizi eseguiti da soggetti passivi italiani a soggetti passivi non stabiliti in Italia riguardanti:
    • lavorazioni relative a beni mobili materiali;
    • trasporto di beni e relative prestazioni di intermediazione;
    • servizi accessori ai trasporti di beni e relative prestazioni di intermediazione;
    • servizi creditizi, finanziari e assicurativi resi a soggetti extra Ue o relativi a beni da esportare fuori dall’UE;

purché di importo superiore al 50% dell’ammontare di tutte le operazioni effettuate (nuovo rigo TD5Operazioni non soggette”).
In merito, si precisa che le operazioni di questo tipo da considerare relativamente al 1° trimestre 2012 sono quelle effettuate dal 17.03.2012 (data di entrata in vigore della Legge n. 217/2011) al 31.03.2012;

  • la modifica apportata dal Decreto fiscale (art. 8, commi 18-20, D.L. n. 16/2012) al limite del credito IVA fino al quale non è richiesta la preventiva presentazione dell’istanza infrannuale per l’utilizzo dello stesso in compensazione c.d. “orizzontale”, con una riduzione di tale limite da € 10.000 a € 5.000 (novità recepita nelle istruzioni alla compilazione del rigo TD7); in sostanza:
    • i crediti IVA > € 5.000, possono essere compensati solo a partire dal giorno 16 del mese successivo a quello di presentazione dell’istanza di rimborso infrannuale dalla quale il credito emerge, ed esclusivamente attraverso i canali telematici dell’Agenzia delle Entrate;
    • i crediti IVA ≤ € 5.000, possono essere compensati liberamente, senza attendere il giorno 16 del mese successivo a quello di presentazione della dichiarazione annuale o dell’istanza infrannuale da cui il credito emerge;
  • la nuova aliquota Iva del 21% (in luogo di quella al 20%) in vigore dal 17.09.2011 e introdotta dalla Manovra di Ferragosto 2011 (art. 2, comma 2-bis, D.L. n. 138/2011, convertito nella Legge n. 148/2011) (rigo TA11).

3) Le scadenze ed i codici tributo

Le scadenze 2012 per la presentazione del modello IVA TR sono le seguenti:

  • il 30.04.2012, per il 1° trimestre 2012 (codice tributo per la compensazione: 6036);
  • il 31.07.2012, per il 2° trimestre 2012 (codice tributo per la compensazione: 6037);
  • il 31.10.2012, per il 3° trimestre 2012 (codice tributo per la compensazione: 6038);
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA TASSAZIONE DELLE PMI · 04/01/2022 La detraibilità dell’IVA prima dell’inizio dell’attività in assenza di operazioni attive

È detraibile l’IVA sugli acquisti del periodo preparatorio all’inizio dell’attività, anche in assenza di ricavi, al realizzarsi di alcuni requisiti e in assenza di finalità abusive

La detraibilità dell’IVA prima dell’inizio dell’attività in assenza di operazioni attive

È detraibile l’IVA sugli acquisti del periodo preparatorio all’inizio dell’attività, anche in assenza di ricavi, al realizzarsi di alcuni requisiti e in assenza di finalità abusive

Legittimo il rimborso delle imposte versate per errore con Ravvedimento operoso

Le somme versate per errore con ravvedimento possono essere richieste a rimborso, in quanto errore formale che non implica riconoscimento del debito d’imposta

Anche il rimborso IVA è contestabile dal fisco senza limiti di tempo

Il fisco può opporre rifiuto al rimborso dell’IVA anche quando sono superati i termini decadenziali, ma solo in relazione alla verifica dei requisiti sostanziali

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.