HOME

/

FISCO

/

BOLLO E CONCESSIONI GOVERNATIVE

/

AUMENTO IMPOSTA DI BOLLO SU DEPOSITO TITOLI SOLO PER DOSSIER SOPRA I 50.000 EURO, NESSUN AUMENTO PER PORTAFOGLIO SOTTO I 50.000 EURO: APPROVATA LA MODIFICA DELLA MANOVRA CORRETTIVA.

Aumento imposta di bollo su deposito titoli solo per dossier sopra i 50.000 euro, nessun aumento per portafoglio sotto i 50.000 euro: approvata la modifica della manovra correttiva.

L’incremento dell’imposta di bollo sulle comunicazioni relative ai depositi titoli colpisce solo i dossier titoli superiori a 50.000 euro. Dopo vari emendamenti e modifiche, il testo definitivo della manovra stabilisce l’esenzione dall’aumento dei dossier inferiori a 50.000 euro. Sono esclusi, così, dal rincaro i piccoli risparmiatori con portafogli titoli minori.

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della manovra, avvenuta il 16 luglio 2011, il bollo su deposito titoli inferiore a 50.000 euro rimane lo stesso, con le seguenti alternative:

  • 34,20 euro annuale;
  • 17,10 euro semestrale; 
  •  8,55 euro trimestrale;
  • 2,85 mensile.

1) Sopra i 50.000 €, aumenti immediati e quelli ulteriori dal 2013

Sopra la soglia dei 50.000 euro, il carattere progressivo del superbollo prevede aumenti immediati:

  • per depositi tra i 50.000 e i 150.000 euro: 70 euro annui, da subito;
  • per depositi tra i 150.000 e i 500.000 euro: 240 euro annui, da subito;
  • per depositi sopra i 500.000 euro: 680 euro annui, da subito;

Per i dossier titoli superiori a 50.000 euro, ci saranno ulteriori aumenti dal 2013:

  • per depositi tra i 50.000 e i 150.000 euro: 230 euro annui;
  • per depositi tra i 150.000 e i 500.000 euro: 780 euro annui;
  • per depositi sopra i 500.000 euro: 1.100 euro annui;

2) Quali sono le conseguenze di questo provvedimento definitivo?

Le modifiche apportate al testo della manovra, che inizialmente sembrava colpire in modo pesante i piccoli risparmiatori, hanno introdotto un criterio di progressività. Chi ha un deposito titoli sotto i 50.000 euro continuerà a pagare la stessa imposta di bollo, fermo restando che per investimenti minimi risulta comunque difficile un guadagno.
Chi ha un dossier titoli superiore a 50.000, verrà colpito in modo maggiore dalla misura. Tuttavia, dato che il valore nominale o di rimborso viene considerato per la singola banca, probabilmente molti dei risparmiatori maggiori studieranno alternative per “aggirare l’ostacolo”, suddividendo i depositi più consistenti in depositi minori, per evitare l’imposta di bollo, anche se andranno considerate le altre spese di gestione.

Resta da vedere cosa accadrà con il nuovo sistema di tassazione dei redditi da investimento. La delega per la riforma fiscale prevede un’aliquota unica al 20% (esclusi i Titoli di Stato, che dovrebbero restare al 12,5%). Forse molti risparmiatori vedranno come più appetibili conti correnti e deposito, sui quali il prelievo ora è del 27%.

Allegato

Manovra Correttiva 2011 - Legge n. 111 del 15 luglio 2011
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA
Commenti

Luigi - 10/11/2011

E' un'ingiustizia: chi ha sperperato i propri risparmi non verrà toccato, mentre chi ha risparmiato per una vita intera deve essere "ancora" tassato. A mio parere è meglio se aumentavano l'Iva.

roberto - 01/11/2011

Investendo 50.000€ in Bot a scadenza annuale, con rendimento lordo supposto al 2%, nel 2013 avremmo un introito di 1.000€ cui vanno sottratti i seguenti gravami: - spesa di commissione bancaria 150€ (3 x mille) - nuova imposta di bollo 230€ - tassa sul rendimento 125€ (12,5%) In totale ben 505€, quindi vedremmo dimezzata in un sol colpo la % di rendita iniziale (dal 2% lordo all'1% netto). Faccio notare che se il Titolo suddetto fosse quotato all'1% lordo (anzichè al 2% ipotizzato all'inizio) il rendimento netto calerebbe drasticamente allo 0,115% (cioè di ben 8,7 volte). Ricordo che l'inflazione è ormai al 3,5%. Alla luce di questi dati sarebbe giusto finanziare e prestare soldi col proprio risparmio (leggi col sudore della fronte ed il sangue dei propri sacrifici) a questi soggetti e a queste condizioni?

ruggero bianchi - 08/10/2011

Il bollo sulla "giacenza" titoli è una vera follia. - 150.000 è il controvalore o il nominale ? - Chi ha 151.000 € pagherà 70 o 230 € all'anno ? - se il deposito è cointestato ed ha un saldo di 98.000 € non si paga niente o 70 euro ? - ma lo sanno che sarebbe stato sufficiente e più semplice applicare un permillare a fasce ? ... poveretti !

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA RUBRICA DEL LAVORO · 23/09/2022 Contributo Consap periti assicurativi 2022

Fissato l'importo del contributo di gestione CONSAP da parte dei periti assicurativi per l'anno 2022

Contributo Consap periti assicurativi 2022

Fissato l'importo del contributo di gestione CONSAP da parte dei periti assicurativi per l'anno 2022

Imposta di bollo fatture elettroniche: agevolazioni dal 1 gennaio 2023

Sale a 5.000 euro la soglia che consente i pagamenti cumulativi della imposta di bollo sulle fatture elettroniche senza sanzioni e interessi. In vigore dal 1 gennaio 2023

Imposta di bollo fatture elettroniche 2° trimestre 2022: pagamento entro il 30 settembre

Imposta di bollo e-fatture 2022: entro il 30 settembre versamento dell'imposta di bollo sulle fatture elettroniche del 2° trimestre 2022, e il punto sulle principali novità

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.