Scopri il nostro network Home Business Center Blog Site Center

Superbonus - rescissione da parte impresa

triccola

Utente
Buongiono a tutti,
spero che qualcuno possa darmi una mano.

Nel mio condominio è in corso una ristrutturazione con superbonus.
La ditta appaltatrice, dopo una mia costatazione (civile, educata, non pretenziosa e non minatoria) per dei lavori non eseguiti a regola d'arte, ha minacciato di voler rescindere il contratto (solo con me).

Lo può fare?
Può NON continuare i lavori solo sulle parti comuni e private che riguardano me, dopo mesi di attività, lasciando il lavori al 75% ed un'unità immobiliare ormai semitrasformata?
Si può stalciare da un contratto d'appalto, che riguarda opere comuni e non di un intero condominio, soltanto la mia parte?

Secondo me, viste le difficoltà che la ditta sta attraversando, tant'è che i lavori (per tutto il condominio) procedono da mesi a singhiozzo, è solo un pretesto.

Cosa dovrei e potrei fare?

Grazie infinitamente a chi saprà darmi una mano.
 
Ultima modifica:
Buongiorno, in prima battuta ti consiglierei di contattare l'amministratore di condominio e far presente a lui le anomalie esecutive; poi occorre verificare i termini contrattuali: ci sarà un termine dei lavori e ci sarà pure una penale per ogni singolo giorno di ritardo sempre se il ritardo dipenda da cause riconducibili all'impresa. Se l'impresa si tira indietro, salvo che non provi che il singolo condomino o addirittura l'intero condominio stia ostacolando i lavori, anche qui ritengo che contrattualmente debba pagare delle salatissime penali e cmq nessun pagamento per i lavori fatti...
Questo così senza avere le carte sotto mano... è solo un parere ovviamente.
 

luis2000

Utente
triccola,
la prima cosa da fare è informare il Direttore dei lavori con email-pec o raccomandata a.r. chiedendo anche il rispetto dei termini contrattuali per i lavori.
 

triccola

Utente
Intanto grazie per le prime risposte.
Le irregolarità sono state già comunicate via pec all'impresa, al direttore dei lavori e all'amministratore.
Non ho mai ricevuto una risposta ma ho appreso verbalmente che l'impresa, come reazione, si sta muovendo per la rescissione.
Parlo di pretesto perchè nella comunicazione non ho minacciato nessuno, non mi sono rivolto ad un legale e non ho chiesto risarcimenti, ho solo chiesto di prendere visione e provvedere al ripristino dei danni causati.
L'impresa non ha ancora riscosso i nostri cerditi (regolarmente accreditati) e minaccia di "restituirli" (non so bene il termine ma il senso è questo). E' possibile? Cosa rischiamo?
 
Ultima modifica:

triccola

Utente
Buongiorno, in prima battuta ti consiglierei di contattare l'amministratore di condominio e far presente a lui le anomalie esecutive; poi occorre verificare i termini contrattuali: ci sarà un termine dei lavori e ci sarà pure una penale per ogni singolo giorno di ritardo sempre se il ritardo dipenda da cause riconducibili all'impresa. Se l'impresa si tira indietro, salvo che non provi che il singolo condomino o addirittura l'intero condominio stia ostacolando i lavori, anche qui ritengo che contrattualmente debba pagare delle salatissime penali e cmq nessun pagamento per i lavori fatti...
Questo così senza avere le carte sotto mano... è solo un parere ovviamente.
@gianni1968 A questo punto il problema non sono le anomalie ma il rischio che ci lasci a piedi.
Lo può fare pagando le dovute penali? Come si incastra con lo strumento del superbonus per il quale ancora non ha riscosso i nostri crediti?
Se rescindesse uniletarlmente, potremmo continuare i lavori con un'altra ditta? Anche quelli lasciati a metà (ho 2 infissi nuovi e 3 vecchi da cambiare ancora) o questi dovrebbero essere ultimati?

Gazie
 
Ultima modifica:
Ti consiglio di interfacciarti con l'amministratore/direttore dei lavori che spero siano di tua fiducia; la "moneta fiscale" non è stata da loro riscossa, quindi se Vi lasciano a piedi bisogna vedere chi dovrà pagare materiale + manodopera per i lavori fin qui svolti.
Bisogna vedere il contratto cosa dice...
 

luis2000

Utente
triccola,
concordo con informazioni e considerazioni di Gianni e aggiungo che la situazione è articolata e delicata ma per poter dare pareri e consigli corretti bisognerebbe conoscere nel dettaglio la documentazione contrattuale nonché lo stato di avanzamento dei lavori.
 
Alto