spese condominiali competenza?

Discussione in 'Dillo a Fisco e Tasse' iniziata da Patrizia, 6 Marzo 2006.

  1. Patrizia

    Patrizia Ospite

    Il costo delle spese condominiale segue il criterio di cassa o competenza? A me risulta competenza ma quindi ,secondo voi, se il preventivo spese da sostenere comprende il periodo maggio 2005 aprile 2006 (poi il tutto rateizzato) come faccio a suddividere la competenza? Grazie.

    [%sig%]
     
  2. Andy

    Andy Ospite

    Per il condominio, espressamente definito dalla giurisprudenza "ente di gestione", deve essere riferito il criterio di cassa, attraverso il quale l'amministratore rende il conto ai propri condomini committenti di come è stato impiegato il loro denaro; ciò è ricavabile dal combinato disposto dei commi 3 e ultimo dell'art. 1130, secondo le cui disposizioni è compito dell'amministratore pretendere dai condomini ed erogare le somme necessarie per la gestione (art. 1130 n.3) e che della sua gestione debba rendere conto ogni anno (art. 1130 u.c.). Il criterio di cassa, pertanto, impone che l'amministratore debba limitarsi a riportare, in sede di rendiconto, soltanto le somme effettivamente percepite e quelle effettivamente corrisposte, evitando di registrare capitoli di spesa per obbligazioni già maturate ma non ancora estinte...ciao
     
  3. Patrizia

    Patrizia Ospite

    Grazie Andy, quindi io per l'anno 2005 scalerò, come costo, le solo rate "pagate" nel 2005 e a fine anno con le scritture di assestamento e rettifica non devo rilevare niente.
    Grazie ancora Patrizia
     

Condividi questa Pagina

CHIUDI E CONTINUA LA NAVIGAZIONE