Scopri il nostro network Home Business Center Blog Site Center

Nota credito dopo un'anno

prc74

Utente
Salve,
ho una piccola attività, e non più di 7 anni fa ho messo al recupero credito una fattura, che ora è stata chiusa da un giudice al 50% del valore effettivo.
Mi chiedevo se posso emettere N.c. sul restante 50% o Nota di variazione o nessuna delle due.
Grazie.
 
A mio avviso, se il cliente è soggetto a procedura concorsuale o procedura esecutiva infruttuosa, puoi emettere tranquillamente la nota credito con iva; se invece trattasi di un accordo transattivo tra le parti, sopraggiunto in epoca successiva al contratto originario, puoi emettere nota credito ma senz'iva.
Gianni
 

prc74

Utente
A mio avviso, se il cliente è soggetto a procedura concorsuale o procedura esecutiva infruttuosa, puoi emettere tranquillamente la nota credito con iva; se invece trattasi di un accordo transattivo tra le parti, sopraggiunto in epoca successiva al contratto originario, puoi emettere nota credito ma senz'iva.
Gianni
Grazie Sig. Gianni,
ma ora mi chiedo : come può essere ciò : l'azienda che ho citato in giudizio è sana come un pesce (UNO SQUALO , direi) , l'iva non tocca a lei pagarla visto che la decisione non è dovuto d'accordo stragiudiziale ma da un giudice in carene ed ossa?
Grazie ancora per la sua disponibilità.
 
Buongiorno PRC74: ti invito (diamoci del tu, e lascia perdere il signore) a leggerti con attenzione l'art. 26 del DPR 633/72 che regola l'emissione della nota di credito (documento che non è obbligatorio emettere... al contrario della nota debito). Permettimi un appunto: non hai precisato se il debitore è soggetto a procedura concorsuale (ne dubito visto che dici essere azienda sana) o esecutiva (decreto ingiuntivo dal tuo avvocato).
Senza entrare troppo in dettagli, dovresti però specificare meglio la questione altrimenti è difficile esprimere un parere.
Ti allego il seguente link:
dal quale traggo
"In particolare, l'art. 26, commi 2 e 3, prevede la possibilità per il soggetto passivo di operare delle rettifiche in diminuzione dell’imponibile e/o dell’imposta qualora un’operazione per la quale sia stata emessa fattura, successivamente alla registrazione ex art. 23 e 24, venga meno in tutto o in parte, o se ne riduca l'ammontare imponibile. La norma fa al riguardo una distinzione: la variazione in diminuzione non può essere effettuata decorso un anno dall'operazione nel caso in cui l'evento che ha determinato la riduzione – dichiarazione di nullità, annullamento, revoca, risoluzione etc. – si verifichi in dipendenza di sopravvenuto accordo delle parti; al contrario, il limite dell’anno non opera qualora la diminuzione non trova la sua causa nella sopravvenuta volontà delle parti, ma è prevista dal contratto stesso. "
Tornando a bomba: cosa ha determinato la riduzione del tuo credito insorto 7 anni fa?
Ciao - Gianni
 

prc74

Utente
Buongiorno PRC74: ti invito (diamoci del tu, e lascia perdere il signore) a leggerti con attenzione l'art. 26 del DPR 633/72 che regola l'emissione della nota di credito (documento che non è obbligatorio emettere... al contrario della nota debito). Permettimi un appunto: non hai precisato se il debitore è soggetto a procedura concorsuale (ne dubito visto che dici essere azienda sana) o esecutiva (decreto ingiuntivo dal tuo avvocato).
Senza entrare troppo in dettagli, dovresti però specificare meglio la questione altrimenti è difficile esprimere un parere.
Ti allego il seguente link:
dal quale traggo
"In particolare, l'art. 26, commi 2 e 3, prevede la possibilità per il soggetto passivo di operare delle rettifiche in diminuzione dell’imponibile e/o dell’imposta qualora un’operazione per la quale sia stata emessa fattura, successivamente alla registrazione ex art. 23 e 24, venga meno in tutto o in parte, o se ne riduca l'ammontare imponibile. La norma fa al riguardo una distinzione: la variazione in diminuzione non può essere effettuata decorso un anno dall'operazione nel caso in cui l'evento che ha determinato la riduzione – dichiarazione di nullità, annullamento, revoca, risoluzione etc. – si verifichi in dipendenza di sopravvenuto accordo delle parti; al contrario, il limite dell’anno non opera qualora la diminuzione non trova la sua causa nella sopravvenuta volontà delle parti, ma è prevista dal contratto stesso. "
Tornando a bomba: cosa ha determinato la riduzione del tuo credito insorto 7 anni fa?
Ciao - Gianni
Ciao Gianni,
la bomba è stata dovuta che il cliente un bel giorno mi disse : NON TI PAGO! Giustamente avendo le carte in regola e ,sopratutto, aver eseguito in correttezza il mio servizio mi sono rivolto ad un legale per il recupero che un adorabile giudice a ritenuto opportuno far durare 7 anni. Alla fine, l'adorabile, ha deciso per il 50% e stremato dal perdurare del tempo ho accettato, perchè il mio legale mi diceva che potevo anche non accogliere la scelta del giudice ma , come hai ben capito, non avevo più tempo da perdere con loro. W L'ITALIA!
Ciao, Simone
N.b. : L'azienda che non mi pagava opera ancora e meglio di prima e io gli ho fatto un decreto ingiuntivo.
 
Ultima modifica:
Simone a mio avviso, nel tuo caso, rientriamo nelle procedure esecutive individuali infruttuose (parzialmente) - quindi puoi emettere nota di credito con evidenza dell'iva.
Ciao - Gianni
 

prc74

Utente
Grazie Gianni,
ne approfitto della tua disponibilità : cosa devo scrivere sulla N.C. oltre alla nr. fattura? Meglio : che articolo di legge faccio riferimento?
Grazie ancora. Simone
 
Mobile app for XenForo 2 by Appify
Alto