IMU su casa ereditata

Discussione in 'IMU' iniziata da scarmi1, 4 Settembre 2013.

  1. scarmi1

    scarmi1 Utente

    Mia moglie ha il 12.5% della casa di papà e mamma, che purtroppo non ci sono più. Nella casa ci vive oggi la sorella, che detiene anch'ella il 12.5% (mentre il restante 75% è di una zia).

    Per la sorella è semplice: la casa è prima casa (ha residenza e dimora stabilmente), quindi IMU pari a zero.

    Ho un dubbio invece su mia moglie: tecnicamente la casa è una casa data in uso gratuito a congiunti (in quanto la sorella tecnicamente non gode del diritto di abitazione, in quanto da quel che so non si trasferisce da genitori a figli, ma solo da uno dei genitori al coniuge superstite, ma non è questo il caso), quindi dovrebbe pagare la sua parte come seconda casa.....

    Oppure non paga nulla, perche' essendo prima casa per la sorella, che la usa al 100%, "pagherebbe" tutto lei (quindi essendo l'IMU cancellata, nessuno paga nulla)....

    Quale delle due? per me la prima, ma non ne sono certo

    grazie
     
  2. val79

    val79 Utente

    se non c'è usufrutto deve pagare come seconda casa, in relazione al possesso.
     
  3. scarmi1

    scarmi1 Utente

    Ok, come immaginavo.
    Ora, supponiamo che .... la prima rata non sia stata pagata. Cosa mi consigliate?
    1. pagarla ora, col ravvedimento operoso
    2. pagare la seconda rata di settembre, e poi conguagliare tutto a dicembre
    3. pagare tutto a dicembre e basta

    Io sarei per la 3: piu' semplice, pochi calcoli, ecc. ecc.
    Poi , se dovessero rilevare infrazioni..... vista l'esiguità del pagamento, non mi sembra sia un grosso problema.

    che ne dite?
     

Condividi questa Pagina

CHIUDI E CONTINUA LA NAVIGAZIONE