apertura associazione culturale no profit - non riconosciuta

Discussione in 'Dillo a Fisco e Tasse' iniziata da utente76, 9 Novembre 2011.

  1. utente76

    utente76 Utente

    ho intenzione di aprire un'associazione culturale no profit (non riconosciuta)
    senza attività commerciale - il suo patrimonio è costituito dalle quote d'iscrizione e dalle donazione di soci sostenitori, privati ed enti (se si può).
    ho intenzione di fare richiesta del codice fiscale all'ag. delle entrate per poter subire eventuali fatture ed emettere ricevute (con rit. acconto?)
    Nel caso in cui si volesse rimborsare spese ai soci fondatori ed eventualmente subire dai soci ricevute per prestazioni occasionali è possibile? Devo registrare l'associazione all'ufficio delle imprese? E se non lo faccio cosa comporta?

    Grazie
    G.
     
  2. Luigia

    Luigia Amministratore Membro dello Staff

    Si l'associazione deve essere registrata e per godere di eventuali agevolazioni deve compliare anche il mod. Eas. (entro 30 giorni dalla costituzione)
    Richiesta codice fiscale ok se non si fa attivita commerciale.
    Il rimborso spese è ammesso, le ricevute occasionali per prestazioni è invece problematico. Bisogna valutare esattamente il caso con attenzione.
     
  3. Luigia

    Luigia Amministratore Membro dello Staff

    Cos'è il modello Eas
    L'adempimento è stato introdotto dall'articolo 30 del decreto legge 185/2008: gli enti associativi di natura privata, con o senza personalità giuridica, per poter continuare a fruire dei benefici di legge (non imponibilità dei corrispettivi, delle quote e dei contributi - articolo 148 del Tuir e articolo 4 del Dpr 633/1972), devono possedere i requisiti qualificanti previsti dalla normativa tributaria e sono tenuti a comunicare all'Agenzia delle Entrate i dati e le notizie rilevanti ai fini fiscali, per consentire gli opportuni controlli.
     

Condividi questa Pagina

CHIUDI E CONTINUA LA NAVIGAZIONE