IN PRIMO PIANO:

Domanda e Risposta Pubblicato il 24/03/2020

Cedolare secca 2020: ok per le locazioni brevi

Tempo di lettura: 1 minuto
locazioni brevi codice tributo ritenuta

Locazioni brevi 2020: possibile scegliere la cedolare secca al 21%

Commenta Stampa

Il settore delle locazioni brevi è stato regolamentato dal DL 50/2017. Rientrano in questo ambito i contratti con durata inferiore ai 30 giorni nell'anno con lo stesso inquilino, contratti che per la loro durata sono esclusi dall'obbligo di registrazione. Rientrano nella categoria dei contratti brevi come delineati dalle norme:
  • i contratti con durata non superiore ai 30 giorni senza l'offerta di servizi aggiuntivi;
  • i contratti con durata non superiore ai 30 giorni con la prestazione di servizi di pulizia e biancheria;
  • i contratti di sublocazione con queste stesse caratteristiche di durata ed eventuali servizi;
  • i contratti stipulati dal comodatario per la cessione a terzi dell'immobile a titolo oneroso con le stesse caratteristiche di durata ed eventuali servizi.
Il decreto riconosce la possibilità di applicare la cedolare anche agli inquilini o ai comodatari che a loro volta danno in locazione l'immobile con la formula degli affitti brevi. In pratica a fronte di questa tipologia di affitto il reddito da sublocazione invece che nell'ambito dei “redditi diversi” può essere fatto rientrare, a fronte dell'opzione per la cedolare, nell'abito dei redditi fondiari.
Anche per i contratti che rientrano nella tipologia degli affitti brevi, il decreto prevede l'applicabilità della cedolare secca con l'aliquota ordinaria del 21%, possibilità, peraltro, già prevista dall'Agenzia delle entrate nei suoi documenti di prassi. Come per le altre tipologie di contratto si tratta comunque di un'opzione, e poiché per i contratti brevi resta confermata l'esclusione dall'obbligo di registrazione, chi ritiene di optare per la cedolare, quando questa non è applica alla fonte, potrà farlo in sede di dichiarazione dei redditi. 
Allo stesso modo chi ha “subìto” la cedolare applicata direttamente dall'intermediario, potrà scegliere in sede di dichiarazione dei redditi la tassazione ordinaria, che può risultare più conveniente quando si hanno redditi bassi e spese da detrarre e in questo caso l'importo della cedolare verrà considerato come versato a titolo di acconto. 

Per aggiornamenti, notizie e approfondimenti segui il Dossier Locazioni immobili 2020 e il Dossier Dossier Cedolare secca 2020

Acquista subito in promozione il Pacchetto Tutto locazioni contenente 2 ebook sulle locazioni abitative e locazioni brevi, 1 file excel per il calcolo della convenienza della cedolare e Formule. Per la gestione dei contratti di locazione di immobili potrebbe interessarti il nostro Software Contratto.Cloud, scegli l'opzione più adatta alle tue esigenze.



Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra
 Franco Tollardo Franco Tollardo - 19/08/2020
<div>Il mio caso é il seguente. L'Agenzia intermediaria incaricata di affittare per brevi periodi il mio immobile mi propone questo modus operandi - il contratto di locazione viene stipulato tra l'Agenzia che, in virtù del contratto di un mandato con rappresentanza, si sostituisce fra proprietario e cliente. - l'importo del canone, su cui viene operata la trattenuta del 21% che viene versata dall'Agenzia al fisco in sostituzione del proprietario, è una voce distinta e separata. - nel contratto poi viene inserita la voce costi di mediazione interamente a carico del cliente e che a titolo indicativo corrispondono al 30% del corrispettivo. - per questo motivo la provvigione non viene considerata come canone e non è soggetta al 21%, cioè si tratta di un importo che non compete al proprietario e che l'Agenzia incassa per sè. - l'Agenzia rilascerà al proprietario, per ogni locazione conclusa con il pagamento totale del canone (quindi dopo l'arrivo degli ospiti), una certificazione in cui viene dato atto del periodo di locazione, del canone e dell'importo trattenuto e versato al fisco del 21% sul canone, tale per cui la differenza costituirà l'importo del bonifico che l'Agenzia farà al proprietario. Come si concilia quanto sopra con questi due passaggi della normativa vigente in materia di cedolare secca? ........la cedolare non può essere scelta da: società di persone, società di capitali, imprenditori e lavoratori autonomi...... ........Il regime della cedolare non può essere applicato ai contratti di locazione conclusi con conduttori che agiscono nell’ esercizio di attività di impresa o di lavoro autonomo In sostanza, esiste il rischio che il fisco mi contesti il fatto - che io locatore benefici della impropria applicazione della cedolare secca al 21% (invece della mia aliquota IRPEF) e soprattutto, calcolata non sul canone reale ma su un canone depurato della commissione dell'intermediario del 30% (!!!!!), stante il fatto che io affitto di fatto alla Agenzia (impresa, e non soggetto privato)? e - che tutto il castello messo in piedi dalla agenzia non sia altro che una scappatoia per non pagare tutto il dovuto?</div>
Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Superbonus 110 per cento: calcolo del beneficio (Excel)
In PROMOZIONE a 89,90 € + IVA invece di 99,90 € + IVA fino al 2020-09-30
Credito imposta affitto immobili - DL Rilancio e Agosto
In PROMOZIONE a 18,90 € + IVA invece di 21,90 € + IVA fino al 2021-12-31
Rivalutazione beni ammortizzabili DL 104/2020 (Excel)
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,00 € + IVA fino al 2020-12-31
Sospensioni fiscali - Calcolo rate (Excel)
In PROMOZIONE a 16,90 € + IVA invece di 24,90 € + IVA fino al 2020-10-01

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE