Un decreto tira l’altro

di Sergio Massa CommentaIn Manovre Fiscali, Parliamo di ...

Continuiamo la divulgazione della corposa mole di norme emanate negli ultimi due mesi.
Di questo passo impiegheremo tutto il nostro tempo nell’aggiornamento e non ci restera’ che qualche scampolo di ora per lavorare. Con l’augurio che questo scampolo non sia assorbito, come sta succedendo, dai vari elenchi, comunicazioni, dichiarazioni che, in modo opprimente e quasi isterico, periodicamente ci vengono imposti nel nome di una lotta serrata all’evasione fiscale, il tutto tra le centinaia di difficolta’, trappole ed insidie disseminate lungo la strada dei ridondanti adempimenti fiscali, con le immancabili relative sanzioni.
Piuttosto che uno spot televisivo sull’evasione gradiremmo invece vedere che, quando ci troviamo di fronte ad un ufficio fiscale, non siamo guardati come evasori fino a che non riusciamo a dimostrare il contrario, che quando dobbiamo avere un rimborso ci venga dato con sollecitudine e non dopo anni di insistenza o addirittura negato, che le norme vengano emanate per tempo e siano chiare e non retroattive, che il reddito non sia presunto ma effettivo, anche a costo di subire una verifica, e cosi’ via.
Non solo le tasse sono troppe, ma è anche assai difficile riuscire a pagarle in quanto l’Italia è uno dei Paesi con la piu’ alta complessità dell’apparato tributario, che risulta un vero e proprio labirinto, a tratti aggressivo anche per chi vi si addentra con le migliori intenzioni.
Probabilmente non ci si rende conto che effettivamente in molti non riescono più a far fronte alle esose richieste fiscali e previdenziali e che molte aziende hanno difficolta’ a tirare avanti.

Infatti temiamo a giugno 2012 di vedere numerose richieste di rateizzazione delle imposte, considerando il salasso che ci attende: oltre ai soliti pagamenti, avremo il versamento del 17% Irpef rinviato del 30 novembre, il versamento del saldo 2011 e dell’acconto 2012 Irpef, il probabile raddoppio della tassazione IMU rispetto a quella ICI, il raddoppio delle addizionali locali e la continua elevazione dei contributi previdenziali.

Per far fronte a cio’ consigliamo fin d’ora di mettere da parte i risparmi perche’ ne avremo presto bisogno.

 

Autore dell'articolo
identicon

Sergio Massa

Dott. Sergio Massa, iscritto all'Albo Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Bologna col n. 214/A, Revisore Svolge attività di consulenza nei confronti di societa', imprese e professionisti in materia contabile, amministrativa, tributaria e societaria, contenzioso tributario,revisione società, procedure concorsuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *