Malesya al passo con il transfer pricing

di Lorenzo Riccardi CommentaIn Fiscalità Estera

Governo a lavoro per intraprendere un nuova direzione in materia. Il lavoro è solo all’inizio e la strada è ancora lunga, ma il governo malese sembra avere la chiara volontà di proseguire la sua attività di audit sui transfer pricing. Nello sforzo di ottenere informazioni sull’adeguamento alla normativa vigente, il Comitato Governativo alle attività economiche ha annunciato l’avvio di un’inchiesta volta a conoscere l’effettiva implementazione dei termini sul transfer-pricing. Questo costituirà il punto di partenza per la successive attività di ispezione a livello nazionale.

Tra le linee guida innanzitutto il livello di conoscenza e adeguamento all’attuale legislazione in materia. Questa sfera si estenderà anche a livello internazionale ai paesi con cui vengono intrattenute relazioni commerciali. Una seconda dimensione riguarda poi il coinvolgimento del top management nella determinazione dei transfer prices. Infine I soggetti di imposta verranno interrogati su se e come avvenga l’adeguamento alle procedure dalle società holding e controllate estere e su come i compensi per gli scambi intra gruppo vengano effettivamente stabiliti nelle sigole transazioni.

 

Al termine di questa fase preliminare, le autorità procederanno quindi con le verifiche vere e proprie dalle quali emergerà la situazione generale. Da uno sguardo ravvicinato alla questione emerge come gli ultimi provvedimenti non fossero previsti dalla nomativa vigente introdotta solamente lo scorso anno. Lo stato della materia appare quantomai in fase di transizione e seguiranno pertanto ulteriori sviluppi.

Autore dell'articolo
identicon

Lorenzo Riccardi

Dottore commercialista specializzato in fiscalità internazionale. E’ Professore Associato presso Xian Jiao Tong-Liverpool University dove insegna taxation e advanced taxation ed è autore di articoli e saggi su tematiche di vario genere relative agli investimenti stranieri in Asia Orientale. Vive e lavora a Shanghai, dove si occupa di diritto commerciale e tributario, seguendo gli investimenti stranieri in Cina e Sud Est Asiatico. Ricopre il ruolo di sindaco e consigliere per diversi gruppi societari ed è socio dello Studio di consulenza RSA, specializzato in Asia e paesi emergenti. Ha pubblicato “Guida alla fiscalità di Cina, India e Vietnam” edito da IlSole24Ore ed è membro dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di Milano, del Registro dei Revisori dei Conti in Italia, dell’accountants association del Vietnam e dell’Hong Hong Institute of CPAs in Hong Kong. Tiene seminari e convegni su economia e diritto tributario in Oriente ed è responsabile della sezione “Asia” della banca dati online “Fisco e Tasse” (Maggioli Editore).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *