Shanghai Free Trade Zone: dal 1° luglio si allarga a nuovi settori di investimento

di Lorenzo Riccardi CommentaIn Fiscalità Estera

Nella giornata del primo luglio è arrivata l’annunciata revisione della ‘Negative List’ operante nella Free Trade Zone ad opera delle autorità governative di Shanghai.

Nel complesso la rivisitazione ha visto una riduzione del 27% delle precedenti restrizioni (da 190 a 139).

Manifatturiero, Trasporti e Servizi Finanziari i settori che più beneficiati dalla riforma. Le autorità allargano quindi il numero di settori incoraggiati all’interno della Free Trade Zone. Malgrado salutata da sensazioni contrastanti, questa scelta può essere considerata un ulteriore passo in avanti nel programma di riforme economiche intrapreso dalla Cina.

La ‘Negative List’ adoperata in via sperimentale, opera secondo un approccio residuale, concedendo agli investitori stranieri lo stesso trattamento riservato alle imprese cinesi, ad esclusione dei casi esplicitimente enumerati. I maggiori interventi si sono registrati nei settori Manifatturiero, Trasporti, e Servizi.

Importanti novità nel settore finanziario, dove gli investimenti dall’estero sono ora permessi anche per banche di investimento, mediazione cambi, compagnie finanziarie e societá fiduciarie. Liberalizzati anche il settore medico e quello dei videogiochi. Trattamenti privilegiati infine per investimenti provenienti da Hong Kong e Macau.

Pur rimanendo in essere molte restrizioni, quale ad esempio il rapporto di capitale conferito nelle stock joint-ventures, questa importante modifica della Negative List a nemmeno un anno dall’introduzione della Free Trade Zone in Shanghai testimonia lo sforzo governativo volto verso una maggiore liberalizzazione del mercato e ad una piena apertura dell’economia verso gli investimenti dall’estero.

Autore dell'articolo
identicon

Lorenzo Riccardi

Dottore commercialista specializzato in fiscalità internazionale. E’ Professore Associato presso Xian Jiao Tong-Liverpool University dove insegna taxation e advanced taxation ed è autore di articoli e saggi su tematiche di vario genere relative agli investimenti stranieri in Asia Orientale. Vive e lavora a Shanghai, dove si occupa di diritto commerciale e tributario, seguendo gli investimenti stranieri in Cina e Sud Est Asiatico. Ricopre il ruolo di sindaco e consigliere per diversi gruppi societari ed è socio dello Studio di consulenza RSA, specializzato in Asia e paesi emergenti. Ha pubblicato “Guida alla fiscalità di Cina, India e Vietnam” edito da IlSole24Ore ed è membro dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di Milano, del Registro dei Revisori dei Conti in Italia, dell’accountants association del Vietnam e dell’Hong Hong Institute of CPAs in Hong Kong. Tiene seminari e convegni su economia e diritto tributario in Oriente ed è responsabile della sezione “Asia” della banca dati online “Fisco e Tasse” (Maggioli Editore).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *