La settimana del fisco dall’8 al 12 settembre 2014

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Parliamo di ..., Settimana del Fisco

Amici e Colleghi,

Ben ritrovati! Vediamo quali sono state le principali novità fiscali di quest’ultima settimana.

I testi dei decreti legislativi di attuazione della delega fiscale sui tagli agli adempienti fiscali e sulla riforma del Catasto attendono un nuovo parere delle Camere. Le disposizioni sotto esame  riguardano: le società in perdita sistematica (regime di comodo solo dopo cinque esercizi, anziché tre); il 730 precompilato e la stretta per Caf e professionisti sanzionabili per gli inadempimenti del contribuente (tranne in caso di dolo); lo stop alla responsabilità solidale negli appalti per le ritenute (prevista però una responsabilità personale per il liquidatore); il nuovo limite annuo di 10.000 euro (anziché 500 euro nel periodo di riferimento) per la comunicazione delle operazioni con Paesi black list; lo stralcio della norma sulle società tra professionisti che prevedeva la parificazione del reddito da esse prodotto a quello delle associazioni professionali .
Tra le novità del decreto sulle semplificazioni vi è la nuova «Certificazione unica» (modello “CU”), che a partire dalla certificazione 2015 sostituirà l’attuale modello Cud e con cui i sostituti d’imposta dovranno certificare non solo i redditi erogati ai dipendenti, ma anche i corrispettivi pagati ai lavoratori autonomi e collaboratori. Viene stabilita anche la riduzione del contenuto informativo degli elenchi Intrastat relativi alle prestazioni intracomunitarie di servizi rese e ricevute.

E’ giunto all’esame del Parlamento  anche il disegno di legge delega per il Terzo settore, che contiene diverse novità sulla fiscalità, in particolare con riguardo alla razionalizzazione e semplificazione dei regimi di deducibilità e detraibilità per le donazioni. Attualmente, infatti, i regimi che consentono un risparmio fiscale sono numerosi.

Dopo aver liberalizzato con il D.L. Poletti le assunzioni con i contratti a tempo determinato, il Governo punta ora, con la prossima Legge di stabilità 2015, a rendere il contratto a tempo indeterminato più conveniente per le imprese premiando, con uno sconto Irap, gli imprenditori che hanno alle dipendenze lavoratori stabilizzati. E’ questa l’ipotesi allo studio del Governo, con due possibili strade: una è rendere totalmente irrilevante ai fini Irap il costo del lavoro per i lavoratori già assunti, operazione però dai costi rilevanti; l’altra è agire sulle attuali deduzioni riconosciute per ogni singolo assunto stabilizzato.

Con comunicato stampa dell’8 settembre 2014, il Ministero dello Sviluppo Economico ha annunciato che, dal prossimo 15 settembre alle ore 9.00 sarà disponibile l’applicazione on-line per la presentazione delle istanze per il credito d’imposta per l’assunzione di personale altamente qualificato (D.L. n. 83/2012, convertito, con modificazioni, dalla Legge n.134/2012), le cui modalità attuative sono state definite con Decreto direttoriale 28 luglio 2014.

E’ scaduto il mercoledì 10 settembre a mezzanotte il termine entro il quale i Comuni dovevano trasmettere la delibera con le aliquote TASI al Portale del federalismo fiscale gestito dal dipartimento Finanze. Ora, entro il 18 settembre, il dipartimento delle Finanze pubblicherà sul proprio sito tutte le delibere trasmesse dai Comuni. Entro il 16 ottobre dovranno versare l’acconto i contribuenti dei Comuni la cui delibera è stata pubblicata entro il 18 settembre. La scadenza non interessa i contribuenti dei 2.187 Comuni dove si è pagato l’acconto di giugno. Il saldo della TASI 2014 è poi dovuto entro il 16 dicembre. Se la delibera non sarà pubblicata entro il 18 settembre, si pagherà entro il 16 dicembre in rata unicacon l’aliquota dell’1 per mille senza detrazioni (su seconde case e altri immobili la somma di Tasi e Imu non può superare il 10,6 per mille).

Con comunicato stampa dell’11 settembre, Equitalia ha reso noto che da lunedì 15 settembre apriranno 6 nuovi “Sportello amico imprese”, precisamente a Verbania, Savona, Sassari, Perugia, Frosinone e Campobasso. Lo sportello è rivolto a commercianti, artigiani e pmi che intendano ottenere assistenza mirata e consulenza per risolvere casi di particolare difficoltà. Tale sportello è già attivo in altre 18 città italiane (Torino, Varese, Trento, Bergamo, Padova, Treviso, Pordenone, Firenze, Lucca, Modena, Reggio Emilia, Bologna, Chieti, Pesaro Roma, Bari, Lecce e Potenza).

Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *