La settimana del fisco dal 26 al 30 Maggio 2014

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Parliamo di ..., Settimana del Fisco

Amici e Colleghi,

Ben ritrovati! Vediamo insieme le principali novità fiscali di questa settimana.

Il premier Matteo Renzi, nel corso della conferenza stampa di venerdì scorso sul “bilancio” dei primi 80 giorni di governo, ha confermato che ci sarà la proroga a ottobre dell’acconto TASI nei circa 6.000 Comuni che non hanno approvato in tempo la delibera. Non sono previste, invece. proroghe per le abitazioni principali, pertanto per esse resta confermato che, se il Comune ha approvato la delibera entro il 23 maggio, l’acconto TASI va pagato entro il 16 giugno, altrimenti si paga tutto entro il 16 dicembre in unica soluzione.
Nel frattempo, sulla Gazzetta Ufficiale n. 122 del 28 maggio è stato pubblicato il decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 23 maggio con cui sono stati approvati i nuovi bollettini postali per il pagamento della TASI. Il Comune può inviare i modelli precompilati ai contribuenti. Negli allegati al decreto, c’è, infatti, sia il bollettino “normale” sia quello che i Comuni possono utilizzare per la precompilazione. Il versamento con bollettino postale potrà avvenire anche per via telematica, con il canale di Poste spa.

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 121 del 27 maggio 2014 è stata pubblicata la Legge n. 80 del 23 maggio 2014 di conversione del D.L. n. 47/2014 (c.d. “Piano Casa”). Il decreto convertito in legge contiene anche la norma che prevede la riduzione dell’aliquota della cedolare secca dal 15% al 10% sui contratti a canone concordato. Viene poi soppresso il limite posto al bonus mobili dalla Legge di Stabilità 2014, pertanto la spesa agevolabile può essere anche superiore alla spesa sostenuta per i connessi lavori di ristrutturazione dell’immobile.

E’ stato predisposto e reso disponibile on line il software UnicOnLine Pf, insieme alla sua procedura di controllo. Le due procedure informatiche possono essere scaricate direttamente dal web senza installazioni e aggiornamenti.

Sono stati resi disponibili sul sito dell’Agenzia delle Entrate gli elenchi definitivi degli enti del volontariato e delle associazioni sportive dilettantistiche che hanno chiesto di accedere al beneficio del 5 per mille per il 2014. Le liste aggiornano e integrano quelle pubblicate lo scorso 14 maggio. I nuovi elenchi tengono conto delle correzioni di eventuali errori anagrafici, segnalati dagli interessati alla Direzione regionale dell’Agenzia territorialmente competente.

L’articolo 6 del decreto ACE (decreto MEF 14.03.2014) stabilisce, per le società e per gli enti che partecipano al consolidato nazionale, che l’eventuale eccedenza di agevolazione ACE rispetto all’importo determinato dalla singola società sia “trasferita alla fiscal unit, nei limiti di quanto trova capienza a livello di gruppo, ed è ammessa in deduzione dal reddito complessivo globale netto di gruppo fino a concorrenza dello stesso”. Nella recente Circolare n. 12/E/2014, l’Agenzia delle Entrate precisa che l’eccedenza non trasferita, in quanto non trova capienza a livello di gruppo, risulterà riportabile nei periodi d’imposta successivi dalle singole società che compongono il consolidato fiscale, e potrà essere trasferita nuovamente nei periodi d’imposta successivi alla fiscal unit. L’attribuzione delle eccedenze alla fiscal unit è obbligatoria; in caso contrario, tali importi, nell’ipotesi in cui vi sia capienza a livello di gruppo, non potranno essere riportate in diminuzione nei periodi seguenti dalle società appartenenti al consolidato. Si tratta di un’interpretazione antielusiva, che evita la tentazione di scegliere il consolidato con il solo fine del risparmio d’imposta.

Da giugno i contribuenti potranno effettuare il versamento dei tributi con il modello F24 anche attraverso i canali telematici messi a disposizione dall’Istituto di Pagamento InfoCamere. E’ stato, infatti, siglato un apposito accordo tra Agenzia delle Entrate e l’Istituto per facilitare gli adempimenti dei cittadini e incentivare sistemi di pagamento online alternativi all’uso del contante. Grazie a tale iniziativa, l’Agenzia delle Entrate allarga ulteriormente i servizi di pagamento on line del modello unificato, che si affiancano ai servizi già offerti dal sistema bancario e postale.

 

Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *