Riforma del finanziamento ai partiti e aumento dell’aliquota per le donazioni alle onlus:tutto in una nuova legge

di Dott. Sergio Ricci 4 CommentiIn No Profit, Parliamo di ...

Dopo i recenti fatti di cronaca relativi all’utilizzo ad-personam dei finanziamenti ai partiti e movimenti politici, è’ stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 9 luglio 2012 n. 158 la Legge 6 luglio 2012 n. 96 “Norme in materia di riduzione dei contributi pubblici in favore dei partiti e dei movimenti politici, nonché misure per garantire la trasparenza e i controlli dei rendiconti dei medesimi. Delega al Governo per l’adozione di un testo unico delle leggi concernenti il finanziamento dei partiti e dei movimenti politici e per l’armonizzazione del regime relativo alle detrazioni fiscali”, norma recante la diminuzione dei finanziamenti pubblici ai partiti, da più parti invocata.

L’entrata in vigore del provvedimento è fissata per il prossimo 24 luglio 2012

All’interno del provvedimento, oltre ai partiti e movimenti politici, trovano spazio anche le onlus e gli enti non profit.

Infatti, a partire dal 2013 le donazioni alle onlus saranno detraibili in una quota più alta di oggi ed equiparata a quella per le erogazioni liberali ai partiti. L’articolo 15 estende le nuove percentuali fissate per le erogazioni liberali in favore di partiti e movimenti politici a quelle effettuate nei confronti di Onlus e di iniziative umanitarie, religiose o laiche, gestite da fondazioni, associazioni, comitati ed enti individuati con Dpcm, nei Paesi non appartenenti all’Ocse. L’aliquota di detraibilità sale al 24% per l’anno 2013 ed al 26% a partire dal 2014.

Il limite massimo finanziario annuo su cui calcolare la detrazione resta fissato a 2.065 euro, mentre è confermato, in costanza con l’orientamento normativo, che il versamento dell’erogazione va effettuato tramite banca, ufficio postale o altri sistemi di pagamento tracciabili (carte di debito, di credito, prepagate, eccetera).

La donazione, infatti è valida per la onlus o l’ente non profit qualunque sia il modo in cui viene incassata, ma ricordiamo che il donatore la detrazione è consentita a condizione che il versamento di tali erogazioni sia eseguito tramite banca o ufficio postale ovvero mediante gli altri sistemi di pagamento previsti dall’articolo 23 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, e secondo ulteriori modalità idonee a consentire all’Amministrazione finanziaria lo svolgimento di efficaci controlli.

La nota stonata

Questa volta non c’è una nota stonata. Finalmente una legge riesce a dare contemporaneamente due buone notizie e non è cosa facile in Italia. La prima è che vengono ridotti i contributi pubblici ai partiti politici, provvedimento che da più parti veniva invocato dalla cittadinanza stremata anche dalla tassazione costante ed in aumento a fronte di una credibilità sempre più bassa della classe politica.

La seconda è che si è preso spunto per elevare l’aliquota della detraibilità per le Onlus e per tutti gli enti non profit sopra richiamati. Quantomeno si è stabilito che l’utilità sociale di una donazione ad un ente non profit oppure ad una Onlus non è inferiore di quella fatta ad un partito o ad un movimento politico. Come era finora.

 

Autore dell'articolo
identicon

Dott. Sergio Ricci

Google+

Il dr. Sergio Ricci è uno degli esperti italiani del settore non profit e cooperativo con particolare riferimento agli aspetti manageriali, organizzativi , finanziari, tributari e contabili. Come consulente di direzione è iscritto Apco 2012/0019 ed è qualificato internazionalmente (Certified management consultant). In tale veste di esperto collabora da circa venti anni con le più importanti riviste e testate, italiane e anche straniere, vantando circa 350 pubblicazioni sul tema del non profit. Tra le riviste e testate dove vi sono suoi articoli e commenti, si segnalano : la rivista Terzo Settore del Sole 24 Ore, Il Consulente Non profit del Quotidiano Avvenire, la Rivista della Guardia di Finanza dell’Ente Editoriale della Guardia di Finanza, la rivista Enti Non Profit di Ipsoa Wolters Kluver Editore, la rivista Non Profit di Maggioli Editore, il giornale Volontariato Oggi del Centro Nazionale del Volontariato, la Rivista Associazioni & Sport di Euroconference Editore, solo per citarne alcune. Tra le altre pubblicazioni, è autore del libro “Trust e Non Profit” ( gennaio 2013) pubblicato da Maggioli Editore ed è curatore del Codice del Non Profit pubblicato da Novecento Media Editore ( gennaio 2014). Tiene altresì molti corsi di formazione e seminari sul tema degli enti non profit, in particolare è docente al Corso di Specializzazione sul Terzo Settore e Non Profit tenuto presso l’Università Cattolica di Milano ed al Corso di Perfezionamento “Diritto, Fisco e Società Civile nel Terzo Settore” tenuto presso l’Università Statale di Milano. Lo Studio Professionale del dr. Ricci Sergio, da sempre specializzato nel non profit e nella cooperazione, è lo studio di consulenza che segue molte importanti realtà del terzo settore e dell’economia sociale italiana. Lo Studio professionale opera, in conformità alla legge 4/2013, fornendo un’assistenza complessiva a tutte le tipologie di enti non profit con particolare riferimento alla gestione direzionale, organizzativa, manageriale, contabile, finanziaria e tributaria ivi compresa l’assistenza allo sviluppo dell’economia innovativa e sociale. Maggiori informazioni si possono trovare anche su : www.riccisergio.com oppure su www.studioriccinonprofit.com

Comments 4

  1. E’ possibile avere delle delucidaizoni riguardo a due punti:
    1) da dove è tratto l’importo massimo di 2.065€

    2) la nuova legge sui partiti ha riformato l’articolo 78 del TUIR (la parte inerente l’IRES), che ora suona così: “Dall’imposta lorda si detrae fino a concorrenza del suo ammontare un importo pari al 19 per cento dell’onere per le erogazioni liberali in denaro in favore dei partiti e movimenti politici di cui all’articolo 15, comma 1-bis, per importi compresi tra 51,65 euro e 103.291,38 euro”. Come va interpetata questa modifica? Come uno spostamento dell’assurda capacità di detrarre 100mila euro dalle persone fisiche alle imprese (ergo ai soli imprenditori)?

    Grazie.

  2. Inviato il 10/08/2012 alle 14:53

    rispondo per punti rispetto ai quesiti per punti: 1) in calce l’ ART. 15 comma 3, dove c’è l’indicazione. 2) L’art. 78 è relativo alle società ed agli enti commerciali e quindi come tale , il riferimento è sicuramente a loro, con i vincoli richiamati dalla norma e dall’art. 78 Tuir.
    Grazie per seguire il sito. Faremo magari approfondimenti sul tema per illustrare meglio la questione. Cordialità. Sergio Ricci

    Art. 15 LEGGE 6 luglio 2012, n. 96
    3. Dopo il comma 1 dell’articolo 15 del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, e successive modificazioni, e’ inserito il seguente:
    «1.1 Dall’imposta lorda si detrae un importo pari al 24 per cento, per l’anno 2013, e al 26 per cento, a decorrere dall’anno 2014, per le erogazioni liberali in denaro, per importo non superiore a 2.065 euro annui, a favore delle organizzazioni non lucrative di utilita’ sociale (ONLUS), delle iniziative umanitarie, religiose o laiche, gestite da fondazioni, associazioni, comitati ed enti individuati con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, nei Paesi non appartenenti all’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE). La detrazione e’ consentita a condizione che il versamento di tali erogazioni sia eseguito tramite banca o ufficio postale ovvero mediante gli altri sistemi di
    pagamento previsti dall’articolo 23 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, e secondo ulteriori modalita’ idonee a consentire all’Amministrazione finanziaria lo svolgimento di efficaci controlli, che possono essere stabilite con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze da emanare ai sensi dell’articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400».

  3. Scusandomi per l’ignoranza, ma dettata dalla realtà che parecchie onlus sono “gestite” da volontari attempati e che precedentemente svolgevano altro lavoro senza dimestichezza con leggi e/o regolamenti, sono a chiedere: l’aumento della aliquota delle detrazioni per le onlus è applicabile già dalla denuncia dei redditi 2013 su quanto percepito nel 2012, o dal 2014 sul 2013? Ringrazio e resto in attesa della cortese rispota. Claudio UBOLDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *