Riapertura termini Ecobonus veicoli M1

di Giovanni Caruso CommentaIn Agevolazioni, Testata

A partire da oggi, 8 Luglio 2019, è aperta una nuova finestra di prenotazione relativa all’agevolazione per l’acquisto, anche in locazione finanziaria, di un veicolo a basso rilascio di emissioni di cui alla categoria M1, (Veicoli progettati e costruiti per il trasporto di persone, aventi al massimo otto posti a sedere oltre al sedile del conducente).

La riapertura della procedura telematica per ottenere l’ecobonus veicoli prevede una nuova disponibilità del Fondo, pari ad Euro: 39.870.000 che sarà disponibile, fino ad esaurimento delle risorse fino alla data del 20 novembre 2019.

Ma vediamo in breve chi sono i destinatari del provvedimento, la procedura per la richiesta del Voucher/contributo “ecobonus veicoli” e la relativa fruizione per il consumatore finale.

La legge 30 dicembre 2018, n. 145, ha previsto un contributo per l’acquisto anche in locazione finanziaria, e per l’immatricolazione, dal 1° marzo 2019 al 31 dicembre 2021, di un veicolo di categoria M1 a basse emissioni di CO2 (dai commi 1031-1037 dell’articolo 1), secondo i seguenti massimali, purché vengano rispettati, dai veicoli acquistati determinati massimali di emissioni di C02:

  • Per veicoli agevolabili che producono emissioni di CO2 non superiori a 20 g/km, verrà riconosciuto un contributo massimo fissato in 6.000 euro, in caso di rottamazione;
  • Per veicoli agevolabili che producono emissioni di CO2 superiori a 20 g/km e non superiori a 70 g/km, verrà riconosciuto un contributo massimo fissato in 2.500 euro, in caso di rottamazione.
  • Per l’acquisto di un veicolo agevolabile di categoria M1, in assenza della rottamazione di un veicolo della medesima categoria omologato alle classi Euro 1, 2, 3 e 4, sono riconosciuti i seguenti contributi:
  • Per veicoli agevolabili che producono emissioni di CO2 non superiori a 20 g/km, un contributo massimo fissato in 4.000 euro;
  • Per veicoli agevolabili che producono emissioni di CO2 superiori a 20 g/km e non superiori a 70 g/km, un contributo massimo fissato in 1.500 euro;

Destinatari degli ecobonus veicoli sono i soggetti che acquistano, anche in locazione finanziaria e immatricolati in Italia veicoli che, oltre al massimale di emissioni di CO2 non superiori a 70g/km, abbiano seguenti requisiti:

  • Siano nuovi di fabbrica;
  • Siano stati acquistati ed immatricolati in Italia dal 1° marzo 2019 al 31 dicembre 2021;
  • il cui prezzo (da listino prezzi ufficiale della casa automobilistica produttrice) sia inferiore a 50mila euro compresi optional (IVA esclusa).

La procedura per la domanda

Vediamo ora qual è il processo informatico per richiedere il beneficio ecobonus veicoli: si compone di 4 fasi:

Fase 1 – Prenotazione dei contributi:

I venditori si registrano preventivamente nell’Area Rivenditori; prenotano i contributi relativi ad ogni singolo veicolo, ottenendo, secondo la disponibilità di risorse, una ricevuta di registrazione della prenotazione; confermano l’operazione entro 180 giorni dalla prenotazione, comunicando il numero di targa del veicolo nuovo consegnato e allegando la documentazione prevista.

Fase 2 – Corresponsione dei contributi

Il contributo è corrisposto dal venditore all’acquirente mediante compensazione con il prezzo di acquisto.

Fase 3 – Rimborso al venditore dei contributi

Le imprese costruttrici o importatrici del veicolo nuovo rimborsano al venditore l’importo del contributo.

Fase 4 – Recupero dell’importo del contributo

Le imprese costruttrici o importatrici del veicolo nuovo ricevono dal venditore la documentazione necessaria e poi recuperano l’importo del contributo sotto forma di credito d’imposta.

Per la fruizione dei contributi per l’acquisto di veicoli nuovi di categoria M1 bisogna distinguere tra acquisto (o locazione finanziaria) con rottamazione o senza.

  • Con rottamazione

In caso di acquisto o di locazione finanziaria del nuovo veicolo con rottamazione, il veicolo da rottamare deve essere intestato da almeno 12 mesi allo stesso soggetto intestatario del nuovo veicolo o ad uno dei familiari conviventi; inoltre deve essere un veicolo della medesima categoria, omologato alle classi Euro 1,2,3 e 4.

Nell’atto di acquisto del veicolo nuovo deve essere espressamente dichiarato che il veicolo consegnato è destinato alla rottamazione, insieme alla misura dello sconto praticato in ragione del contributo statale.

I venditori, entro 15 giorni dalla data di consegna del veicolo nuovo, pena il mancato riconoscimento del contributo statale, hanno l’obbligo di:

  • Consegnare il veicolo usato ad un demolitore, che lo prende in carico all’esclusivo fine della messa in sicurezza, della demolizione, del recupero di materiali e della rottamazione;
  • Provvedere alla richiesta di radiazione per demolizione allo sportello telematico dell’automobilista (Regolamento di cui al Decreto del Presidente della Repubblica 19 settembre 2000, n.358).
  • Senza rottamazione

In caso di acquisto senza rottamazione bisogna indicare nell’atto di acquisto del veicolo nuovo lo sconto praticato, in ragione del contributo statale.

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito del Ministero dello sviluppo economico: www.mise.gov.it o nell’apposito portale relativo agli ecobonus: www.ecobonus.mise.gov.it


Autore dell'articolo
identicon

Giovanni Caruso

Iscritto presso l’Ordine dei Consulenti del Lavoro di Cosenza e nel registro dei tirocinanti dei Revisori Legali dei Conti. Laureato in Scienze dell’Amministrazione, in possesso di un Master in Diritto del Lavoro e Sindacale e diverse attestazioni in ambito Fiscale e Tributario, Privacy e Sicurezza sul Lavoro. Svolge l’attività di consulente aziendale in materia di Organizzazione, Certificazione, Gestione e Controllo, Sicurezza sui luoghi di lavoro, Finanza Aziendale e Privacy. Ha svolto incarichi di relatore in seminari e workshop rivolti a Professionisti ed Imprese. Autore del Volume edito da Maggioli Editore "La responsabilità Amministrative degli Enti - Guida Operativa al D.Lgs 231/01.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *