Regole più flessibile per transazioni commerciali tra China Hong Kong e Cina Macao

di Lorenzo Riccardi CommentaIn Fiscalità Estera

A seguito della promulgazione del GACC Announcement N.66 e dei suoi effetti sui Closer Economic Partnership Agreement (CEPAs) tra Cina e Hong Kong e tra Cina e Macao, a partire dal 1 Gennaio 2014 è significativamente aumentato il numero di beni manifatturieri prodotti ad Hong Kong e a Macao che possono entrare nel Mercato Cinese in regime di duty free. Tale manovra è indubbiamente finalizzata a supportare settori di interesse strategico come l’industria chimica, oltre che ad incentivare il settore della produzione di vino ad Hong Kong e quello dell’industria tessile a Macao Nello specifico per effetto del CEPAs Cina Hong Kong potranno entrare per la prima volta nel mercato cinese in regime di duty free:
• Particelle colloidali di plastica PVB
• Lucido di scarpe
• Alcuni tipi di monitor monocromo.
Sempre nell’ambito delle stesse riforme sono state rese più flessibili le regole riguardanti altri prodotti, in modo da avviarli ad essere riconosciuti più facilmente all’ interno dei CEPAs. Esempi concreti sono:
• Uva da vino, per i quali è stato stabilito che il vino bianco fatto da uva prodotta ad Hong Kong, in Cina e in alcuni zone riconosciute dalla Cina come Free Trade Area (FTA) possono essere comprese all’ interno dei CEPAs dimostrando che la fermentazione e la successiva produzione di vino sia avvenuta ad Hong Kong, mentre prima rientravano all’ interno degli accordi solo l’uva da vino raccolta prodotta ad Hong Kong;
• Altri Polimeri di propilene in forma primaria; per questa tipologia di beni sono state introdotti criteri alternativi che prevedono percentuali più flessibili per facilitare il riconoscimento al’ interno dei criteri CEPA;
• Lubrificanti estesi in gomma termoplastica stirene butadiene in forma primaria , per i quali sono stati introdotti nuove classificazioni basati sulle fasi del processo produttivo in modo da rendere meno rigida le normativa di riconoscimento come beni in regime di duty free;
• Altre gomme sintetiche in forma primaria; per questi prodotti, relativamente alle fasi del processo produttivo, sono stati introdotte nuove metodologie di classificazioni che rendono meno rigidi i parametri per rientrare all’interno dei CEPAs;
• Prodotti di gemme e semi-gemme, per i quali le vecchie disposizioni sono state integrate da nuove disposizioni che riguardano le fasi di assemblaggio,modellamento e intarsiatura al fine di ampliare la quantità di beni che potranno beneficiare dell’ esenzione dai dazi d’ ingresso nel mercato cinese.
Il CEPA tra Cina e Macao si è invece prevalentemente focalizzato sul settore tessile, prevedendo che 24 tipologie di tessuti e di prodotti tessili in seta,lana,cotone, altre fibre vegetali ,fibre lavorate a mano godranno ora di criteri più flessibili per poter godere dell’ esenzione dai dazi doganali in Cina qualora, per ciascun codice di prodotto, rispettino alcuni criteri di produzione specifici in base alla tipologia di materiale con il quale sono prodotti e allo specifico processo di produzione .

Autore dell'articolo
identicon

Lorenzo Riccardi

Dottore commercialista specializzato in fiscalità internazionale. E’ Professore Associato presso Xian Jiao Tong-Liverpool University dove insegna taxation e advanced taxation ed è autore di articoli e saggi su tematiche di vario genere relative agli investimenti stranieri in Asia Orientale. Vive e lavora a Shanghai, dove si occupa di diritto commerciale e tributario, seguendo gli investimenti stranieri in Cina e Sud Est Asiatico. Ricopre il ruolo di sindaco e consigliere per diversi gruppi societari ed è socio dello Studio di consulenza RSA, specializzato in Asia e paesi emergenti. Ha pubblicato “Guida alla fiscalità di Cina, India e Vietnam” edito da IlSole24Ore ed è membro dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di Milano, del Registro dei Revisori dei Conti in Italia, dell’accountants association del Vietnam e dell’Hong Hong Institute of CPAs in Hong Kong. Tiene seminari e convegni su economia e diritto tributario in Oriente ed è responsabile della sezione “Asia” della banca dati online “Fisco e Tasse” (Maggioli Editore).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *