Proroga incentivi fiscali per le ristrutturazioni edilizie e il risparmio energetico

di Camurri Dott. Matteo 2 CommentiIn Attualità, Dichiarazioni, La Casa, Le detrazioni per risparmiare, Parliamo di ..., Ristrutturazione

Per il risparmio energetico aumento della detrazione al 65%, per le ristrutturazioni edilizie proroga fino al 31.12.2013 della detrazione del 50% e del tetto di 96.000 euro cumulabile con il bonus per l’acquisto dei mobili.

Tempo di crisi?

Sì certo lo sappiamo bene, ma non sempre la crisi è foriera di cattive notizie. Infatti, buone notizie  all’orizzonte per chi intende apportare migliorie alla propria abitazione. Ulteriori detrazioni fiscali alle porte, insomma si inizia a ragionare in maniera positiva ed il tutto fa prevedere un supporto alla ripresa economica del Paese, specie per quanto riguarda il settore energetico.

É stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 130 del 5 giugno 2013, il  Decreto-legge 4 giugno 2013, n. 63 recante “Disposizioni urgenti per il recepimento della Direttiva 2010/31/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 19 maggio 2010, sulla prestazione energetica nell’edilizia per la definizione delle procedure d’infrazione avviate dalla Commissione europea, nonché altre disposizioni in materia di coesione sociale”.

I punti che analizziamo in questo post sono quelli relativi alla proroga degli incentivi fiscali, una vera boccata d’aria per tutti, ed infatti gli articoli 14, 15 e 16 trattano nel dettaglio gli incentivi fiscali per le ristrutturazioni edilizie ed il risparmio energetico .

Si tratta di provvedimenti inaspettati. Diamo brevemente uno sguardo a quel che riportano gli articoli su citati.

L’articolo 14 norma il potenziamento delle detrazioni fiscali, se prima era stato previsto un 55% di detrazioni sino al 30 giugno 2013, ora si arriva al 65% e lo si può ottenere per il lavoro di intervento a potenziamento e miglioria della classe energetica sino al 31 dicembre 2013. Dunque non solo una potenziamento della quota detraibile ma anche una proroga di ulteriori sei mesi.  Dalle detrazioni sono esclusi solo quegli interventi che vedono la sostituzione di impianti di riscaldamento con pompe di calore ad alta efficienza ed impianti geotermici a bassa entalpia, esclusi dal pacchetto anche le sostituzioni di scaldacqua tradizionali con quelli collegati a pompe di calore che generano acqua per sanitari.

Gli interventi dove la detrazione aumenta sono sicuramente quelli che vedono le migliorie edilizie per l’implementazione dell’involucro protettivo altresì denominato “cappotto”.  Insomma una casa ben coibentata sino al 31 dicembre 2013 non è un sogno ma un ottimo investimento.

Ottime novità anche per chi sta compiendo un lavoro di ristrutturazione edilizia. Il bonus è valido sino al 31 dicembre 2013, solo però se le modifiche edilizie comprendono migliorie importanti a tutto lo stabile. Il rimborso delle detrazioni sarà pari a 10 quote annuali di pari importo.

Da notare poi anche l’aumento del bonus ristrutturazioni che rende conveniente apportare modifiche alle strutture abitative: sino a 96mila euro di lavori si potrà ottenere il recupero del 50%. Insomma una ottima soluzione. Sgravi anche per l’acquisto dei mobili conseguenti alle modifiche apportate con la ristrutturazione, e qui si hanno ulteriori 10mila euro di bonus cumulabili con gli altri 96mila.

Ottime notizie dunque per chi si appresta a compiere lavori di ristrutturazione.

Visita anche il Dossier dedicato alle Ristrutturazioni Edilizie ricco di approfondimenti, Normativa, risposte alle domande piu’ frequenti.

Se hai un dubbio e vuoi porre un quesito vai alla Sezione del Forum dedicato alle Detrazioni sulle ristrutturazioni edilizie e Risparmio energetico

Autore dell'articolo
identicon

Camurri Dott. Matteo

Commercialista e Revisore Contabile in Reggio Emilia. Opera professionalmente nella consulenza aziendale, fiscale, societaria e del contenzioso tributario. Curatore fallimentare per il Tribunale di Reggio Emilia iscritto nell'elenco dei mediatori della CONSOB e delle Camera di Commercio di Reggio Emilia, Parma e Modena.

Comments 2

  1. sono un inquilino e’ vorrei migliorare l’appartamento dove vivo secondo le normative ho diritto agli scavi fiscali?

    1. La risposta è positiva. Possono beneficiare della detrazione:
      – il proprietario o il nudo proprietario
      – il titolare di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie)
      – l’inquilino o il comodatario
      – i soci di cooperative divise e indivise
      – i soci delle società semplici
      – gli imprenditori individuali, solo per gli immobili che non rientrano fra quelli strumentali o merce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *