terreno edificabile

Plusvalenza per cessione di terreni edificabili

di Giovanni Emmi CommentaIn Dichiarazioni

Il Decreto legge 70/2011 ha rinnovato la possibilità di affrancare le plusvalenze derivanti dalla cessione di terreni edificabili mediante il pagamento di una imposta sostitutiva pari al 4% della perizia giurata di stima del valore del terreno all’01 luglio 2011.

Il pagamento della imposta sostitutiva poteva essere effettuato in unica soluzione entro il 02 luglio 2012 o in tre rate con cadenza annuale entro il 02 luglio 2012 ed entro il 30 giugno dei due anni successivi. Il mancato pagamento delle rate successive alla prima può essere sanato con il ravvedimento operoso. Il mancato pagamento della prima o della unica rata, invece, comporta la decadenza dal beneficio dell’affrancamento, pur in presenza di perizia giurata.

In tal caso il contribuente è obbligato al versamento dell’imposta sui redditi calcolata sulla plusvalenza ricavata dalla cessione a titolo oneroso del bene.

Il contribuente deve inserire il reddito derivante dalla plusvalenza di cessione nel quadro RM del Modello Unico, con possibilità di optare per la tassazione separata.

Nel caso di versamento di imposta sostitutiva la base imponibile è rappresentata dal valore risultante dalla periziagiurata. L’imposta sulle plusvalenze si calcola sulla differenza tra valore di cessione e valore di perizia.

Nel caso non venga redatta perizia giurata o non sia stata versata la prima rata entro il 02 luglio 2012 il valore della plusvalenza, base imponibile per il calcolo della imposta sui redditi, è determinato come differenza tra il costo di acquisto rivalutato al tasso di interesse legale ed incrementato delle spese sostenute per il terreno (atto notarile, prestazioni professionali di tecnici, spese recinzione, ecc.) ed il prezzo di cessione come risultante dall’atto di vendita.

A cura di Partitaivaonline.com


Autore dell'articolo
identicon

Giovanni Emmi

Dottore commercialista e revisore legale dei conti, è titolare dal 1999 di studio professionale in provincia di Catania, e si occupa di consulenza fiscale, tributaria, societaria e del lavoro. Nel corso degli anni ha maturato particolare esperienza in ambito start-up aziendale (pratiche telematiche, finanziamenti agevolati, business plan e studi di fattibilità), anche con riferimento alle attività che maggiormente si stanno sviluppando negli ultimi anni in ambito web: e-commerce, webmaster, affiliazioni web e servizi web in generale. E' fondatore del portale partitaivaonline.com, attraverso il quale offre in tutta Italia servizi di consulenza per start-up e, in generale, sugli aspetti burocratici e fiscali di impresa. Ha inoltre alle spalle pubblicazioni su siti internet specializzati nel settore fisco e impresa, ed è moderatore attivo in sezioni fiscali/tributarie di forum.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *