Perché Renzi ha ragione ?

di Prof. Dott. Francesco Verini CommentaIn Attualità, Parliamo di ...

Perché è giovane, determinato, attivo, disposto a correggere gli errori……..
Tante sono le risposte che si sentono quando si parla del Presidente del Consiglio Renzi e, normalmente, i suoi detrattori manifestano una protesta senza dare una risposta alternativa.
Molti sono quelli che, vedendo sfuggire di mano la loro “rendita di posizione o posizione di rendita” che dir si voglia, sono preoccupati della loro carriera o delle elezioni anticipate che sarebbero una sicura sconfitta, perché sono disorganizzati in una tale situazione operosa.
Finalmente si è dimezzata l’età di chi ha la responsabilità governativa del Bel Paese come accadeva da molto tempo negli Stati Uniti o in Inghilterra e nei giovani, che non hanno una posizione sociale consolidata, è più forte il sentimento solidaristico. Chi vuole impegnarsi politicamente oggi, non può pensare prima a sé ma deve pensare a risolvere i problemi della comunità, per troppo tempo passati in secondo ordine rispetto alle ambizioni personali. Il “suo” verrà dopo, se ampiamente meritato.
Anche per questo non sono mai state fatte le riforme di sistema che attualmente si affrontano con attenzione, determinazione e rapidità.
Il cittadino incomincia a comprendere che la protesta non basta più, bisogna ottenere dei risultati anche rischiando di fare qualche errore in buona fede, sempre correggibile. Chi protesta, soltanto, senza dare risposte alternative, trattandosi del bene del Paese, nasconde interessi personali.
E’ una questione di trasparenza che promuove chi non ha niente da nascondere e vuole portare all’attenzione di tutti, le questioni più rilevanti. Chi dice che farà le sue proposte quando sarà in maggioranza vuole che gli si firmi una cambiale in bianco.
Per non parlare di coloro che dicono che hanno fatto per primi alcune scelte per lo sviluppo dell’Italia ma i risultati non si sono visti e sono passate le legislature, anche regionali, con i bei proclami divenuti, fortunosamente, il fondamento dell’alternanza.
Non sappiamo se si stia riformando la Democrazia Cristiana o il Penta(- in un unico) Partito, fatto sì è che siamo arrivati al culmine ! Qui o si fa l’Italia o si muore e proprio grazie al sacrificio di chi ci ha creduto fino in fondo, fino all’estremo, questa volta l’Italia si (ri)farà davvero !
“L’utopia dei deboli è la paura dei forti !” (del grande economista Ezio Tarantelli) quando diventa impegno per una democrazia efficace che promuove lo sviluppo di una intera comunità.
Riproduzione riservata.


Autore dell'articolo
identicon

Prof. Dott. Francesco Verini

Twitter

Dottore Commercialista e Revisore Legale dei Conti, Revisore degli Enti Locali in Roma, L’Aquila e Pescara. Ha svolto le funzioni di Giudice Tributario in grado di appello a L’Aquila. Componente dell’Osservatorio Regionale per gli Studi di Settore presso l’Agenzia delle Entrate - Direzione Regionale Abruzzo. Libero Docente di Economia. Docente di Conciliazione Civile e Commerciale, di ADR Network con sede in Roma, accreditato al Ministero della Giustizia. Componente della Commissione Consultiva sul Processo Tributario presso L'Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Roma. Economista. Giornalista Pubblicista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *