Nuova sospensione feriale dei termini processuali

Nuova sospensione feriale valida anche per il processo tributario

di Mario La Manna CommentaIn Accertamento, Attualità, Contenzioso

La nuova sospensione feriale, introdotta dall’articolo 16 del Decreto Legge n. 132/2014, ha efficacia anche nel processo tributario.
Il Legislatore in particolare ha, con efficacia 1° Gennaio 2015, ridotto la pausa estiva da 46 a 31 giorni: all’articolo 1 della legge 7 ottobre 1969, n. 742 le parole «dal 1° agosto al 15 settembre di ciascun anno» sono sostituite dalle seguenti: «dal 1º al 31 agosto di ciascun anno».

La novità si applica alle scadenze per:

– Ricorso: se il termine scade tra il 1° e il 31 Agosto, o se questo periodo è compreso nel termine per impugnare, il contribuente ha atri 31 giorni;
Costituzione in giudizio;
Presentazione di documenti e memorie;
Fissazione dell’udienza: la novità incide anche sulle ferie di avvocati e magistrati che beneficeranno di un periodo di ferie di 30 giorni;
Appello.

Anche la procedura di reclamo/mediazione prevista dall’articolo 17-bis del Decreto Legislativo n. 546/1992 – in virtù della locuzione contenuta nella disposizione in base alla quale “si applicano le disposizioni sui termini processuali” – subirà la riduzione della pausa estiva.

In merito invece alla procedura di accertamento con adesione si sottolinea come, recentemente, la Cassazione con l’Ordinanza n. 11632 del 5 Giugno 2015, superando il diverso avviso espresso dalla prassi amministrativa (Risoluzione n. 159/E del 1999 e con la Circolare n. 65/E del 2001), ha ritenuto inapplicabile la sospensione feriale dei termini processuali all’accertamento con adesione stante la sua natura amministrativa.

Si sottolinea come l’ordinanza sia singolare sotto tutti i punti di vista, essendo contraria anche all’orientamento consolidato della stessa Suprema Corte che ha trovato ancora una volta conferma in due recenti sentenze (nn. 10360 e 11403 del 2015).
Le stesse, pur non affrontando direttamente la questione, presuppongono l’adesione alla tesi della cumulabilità.

 

Autore dell'articolo
identicon

Mario La Manna

Twitter

Dottore Commercialista e Revisore Legale dei Conti. Risiede a Nola (NA), classe '88, Laurea Specialistica in "Consulenza e Management Aziendale" conseguita a pieni voti presso l'Università degli Studi di Salerno. Si occupa principalmente di consulenza fiscale e contenzioso tributario. Iscritto dal 2011 all'A.N.CO.T.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *