Nella giungla del Fisco

di Francesca Romana Bottari CommentaIn Attualità, Dichiarazioni, Parliamo di ..., Vignette

Il Modello 730 e Unico sono in scadenza. Si stratificano e sovrappongono norme e revisioni della disciplina fiscale preesistente.
Privilegiare la quantità o la qualità?
Diventa difficile dare la giusta risposta se si lavora con coscienza e ossequio della norma.
Una nota del Ministero dell’Economia ci aiuta: “Più tempo per consegnare il modello 730/2013 per dichiarare i redditi 2012 ai Caf e ai professionisti abilitati a prestare assistenza fiscale.
Slitta, infatti, dal 31 maggio al 10 giugno 2013, il termine per la consegna da parte dei contribuenti dei documenti per ricevere l’assistenza fiscale. A loro volta, gli intermediari fiscali possono consegnare al contribuente la dichiarazione dei redditi elaborata fino al 24 giugno 2013, e non più entro il 17 giugno. Viene infine prorogata anche la trasmissione dei modelli e del risultato contabile: la nuova scadenza slitta dal 30 giugno all’8 luglio 2013″.
Il Dpcm concernente il rinvio del 730 al 10 giugno è in corso di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.
Dipendenti, assimilati e pensionati che avevano presentato il 730 portando l’IMU in compensazione hanno più tempo a disposizione per far ricompilare la loro dichiarazione presentata a CAF e professionisti abilitati.
Chi ha consegnato al sostituto d’imposta, invece, dovrà ricevere copia della dichiarazione e prospetto di liquidazione entro il14 giugno e non più il 31 maggio .

Ora stanno valutando anche se posticipare la presentazione di Unico 2013 dal 17 giugno all’8 luglio senza maggiorazione, mentre dal 9 luglio al 20 agosto scatterebbe la maggiorazione dello 0,40% (come nel 2012).
Una segnalazione delle difficoltà che questa pressione temporale comporterebbe nella qualità del servizio reso, era già stata fatta nei giorni scorsi per due motivi:
• ritardo nel rilascio del software Gerico per gli Studi di Settore, l’Agenzia delle Entrate è corsa ai ripari rendendolo disponibile con i modelli definitivi;
• coincidenza con la scadenza della prima rata IMU del 17 giugno, tributo con quadro applicativo «tutt’altro che chiaro»,«anche per effetto dei recenti provvedimenti modificativi».
Sarebbe opinabile anche una proroga per l’acconto IMU.
Francesca Romana Bottari

Autore dell'articolo
identicon

Francesca Romana Bottari

Docente Universitario in Tributario a Londra. Dottore Commercialista e Certified Accountant. Ha formato la sua esperienza professionale svolgendo attività di consulenza aziendale all'estero ed in Italia Autore di numerose pubblicazioni tecniche, e ricerche E' 1,000 Curricula Eccellenti Fondazione Bellisario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *