Mancata proroga degli sgravi contributivi per i lavoratori iscritti nelle liste della “piccola mobilità”.

di Rag. Giuseppina Giorgi 9 CommentiIn Lavoro, Riforma Fornero

Gli sgravi contributivi per i lavoratori in mobilità dopo la Finanziaria 2013.

La Finanziaria 2013, c.d. legge di Stabilità, (n. 228 del 24/12/2012) non ha riproposto, come avvenuto nell’ultimo decennio, la proroga della Legge 236/1993 che consentiva la possibilità di iscrizione nelle liste di mobilità dei lavoratori licenziati individualmente, per giustificato motivo oggettivo, sia da aziende con meno che più di 15 dipendenti .

Tale iscrizione agevolava i lavoratori nella ricerca di un’altra occupazione in quanto, in caso di nuova assunzione, riconosceva al datore di lavoro uno sgravio contributivo per la durata di 18 mesi, se assunti a tempo indeterminato e di 24 mesi, se assunti a tempo determinato e successivamente trasformati a tempo indeterminato.

L’agevolazione consisteva nel pagamento dei contributi INPS nella misura del 10%, pari a quella prevista per gli apprendisti, in luogo del contributo pieno (ad es.: 28,98% per il settore commercio, 29,56% impiegati industria, ecc.).

Questo creava una sorta di canale preferenziale sulle imprese per l’assunzione di questi lavoratori, determinato appunto dall’attribuzione degli sgravi contributivi.

A seguito della norma in esame:

• gli incentivi per i lavoratori iscritti nelle liste di mobilità a seguito di licenziamento individuale rimangono applicabili alle assunzioni, proroghe e trasformazioni avvenute entro il 31 dicembre 2012;

• mentre non è più possibile beneficiare degli sgravi contributivi per le assunzioni, proroghe e trasformazioni effettuate dal 1° gennaio 2013.

Ci preme sottolineare che, non potranno più dare luogo agli sgravi contributivi, non solo le assunzioni fatte dal 1° gennaio 2013, ma anche le proroghe o le trasformazioni avvenute nel 2013 di lavoratori assunti nel corso del 2012. Pertanto, in questi casi, dal mese di gennaio 2013, verranno applicate le aliquote INPS intere.

Non è escluso che, in un prossimo futuro, possano intervenire disposizioni che modifichino l’attuale situazione. Siamo a conoscenza che, al momento, i Centri per l’Impiego, per i lavoratori licenziati dal 1 gennaio 2013, in forma individuale, provvedono a ritirare le domande di iscrizione nelle liste di mobilità e a tenerle sospese in attesa di nuovi orientamenti.

 


Autore dell'articolo
identicon

Rag. Giuseppina Giorgi

Consulente del Lavoro in Bologna - dal 1978 esercita la professione in forma associata con il rag. Giuliano Vitelli e la rag. Federica Vitelli. Attiva nell’associazionismo professionale ha rivestito per anni la carica di consigliere dell’unione provinciale dell’Associazione Nazionale Consulenti del Lavoro di Bologna, venendo chiamata al ruolo di presidente negli anni 1991/1992/1993. Sede dello Studio Via Toscana 42/7, Bologna (BO) Tel. 051/475933 – Fax 051/475307 - [email protected]

Comments 9

  1. che schifo!!!!!!! e così noi lavoratori assunti per il rotto della cuffia dopo aver perso un lavoro stabile che durava da anni, rischiamo nuovamente che a causa dei mancati sgravi contributivi gli attuali datori di lavoro ci lascino di nuonvo a casa perchè a tempo determinato!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  2. vergognatevi, voi che sulla vostra poltrona al parlamento e al governo non avete di questi problemi!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  3. Licenziata nel 2011,adesso vengo esclusa da agevolazioni pur trovandoci nel 2013..nessuno ci assumerà cosi

  4. sono TITOLARE di una piccola societa’ (3 dipendenti).
    ho assumo una ragazza con le agevolazioni sulla mobilita’ a dicembre del 2012, contratto a tempo determinato x 1 anno.
    il mese scorso il consulente delle paghe mi comunica che non ho piu’ le agevolazioni .
    vergognoso! pure retroattiva!!

  5. SONO DISOCCUPATA DAL SETTEMBRE 2012, HO 41 ANNI, NON RIUSCIRO’ MAI PIU’ A TROVARE UN LAVORO!!!! DATECI VOCE, VERAMENTE, PROTESTIAMO PER QUESTE INGIUSTIZIE!!! DOVE SCRIVERE PER POTER AVERE DELLE RISPOSTE?OGGI QUALCHE PERSONA SI E’ SUICIDATA…VEDETE UN PO’ CHE FARE.

  6. Credo che sia giusto che le agevolazioni contributive per la mobilità vengono annullate, dovrebbe essere così anche per l’apprendistato, così tutti potremo avere le stesse possibilità.

  7. NON CAPISCO PERCHE’ I DIPENDENTI LICENZIATI DA AZIENDE CON MENO DI 15 DIPENDENTI DEVONO ESSERE DI SERIE B.
    LA LEGGE E’ UGUALE PER TUTTI…LE TASSE SONO UGUALI PER TUTTI… ANCHE LE AGEVOLAZIONI O NON AGEVOLAZIONI DEVONO ESSERE UGUALI PER TUTTI I DIPENDENTI

  8. E’ PAZZESCO PRIMA TI DICONO ASSUMI LE PERSONE IN MOBILITA’ CHE HAI LE AGEVOLAZIONE….. POI TI RITROVI CON I CONTRIBUTI DA PAGARE…. SE NON E’ TRUFFA QUESTA…..-

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *