Le tasse sul lavoro in Inghilterra: 13 risposte alle domande ricorrenti

di Angelo Chirulli 3 CommentiIn Fiscalità Estera, Fiscalità Estera, Lavoratori all'estero, Testata

1)       Quali sono le Tasse sul Lavoro in Inghilterra?

I datori di lavoro in UK  devono sottrare la Personal Income Tax (equivalente all’Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche Italiana) e il National Insurance contribution (equivalente ai contributi pensionistici Italiani) attraverso un sistema chiamato PAYE (Pay as you earn – Paga per cio’ che quadagni).

2)       Cosa è PAYE?

PAYE è il sistema utilizzato dalla HM Revenue e Customs (HMRC ossial l’’equivalente della Italiana Agenzia delle Entrate) per poter raccogliere l’Income Tax e il National Insurance Contribution sull’ammontare totale del reddito annuale lordo spettante al lavoratore (Employee).

I datori di lavoro dovranno utilizzare il sistema PAYE per poter erogare le buste paga: nel momento in cui si pagheranno gli employees (impiegati) tramite busta paga, anche le aziende dovranno eseguire le relative detrazioni attraverso il PAYE.

3)       Come e’ possible registrarsi per il PAYE?

Le aziende dovranno registrarsi come datori di lavoro con  HM Revenue and Customs per ottenere i dati di login da utilizzare per il PAYE Online.

Le aziende potranno autorizzare anche un agente esterno, come ad esempio un commercialista. Un agente necessita di un PAYE Reference Number e di un  Accounts Office Reference Number per poter ottenere l’autorizzazione.

4)       Come vengono segnalati ad HMRC i salari che vengono erogati?

Le relative segnalazioni all’HMRC devono essere inviate prima di ogni pagamento effettuato agli impiegati.

I datori di lavoro sono legalmente responsabili  del completamento di tutti i  relativi pagamenti richiesti dal sistema PAYE anche se vi e’ un agente esterno pagato per occuparsene.

5)       Quando bisogna pagare le tasse sui salari?

Le aziende devono pagare gli importi dovuti relativi al PAYE ad HM Revenue and Customs entro il 22esimo giorno del mese per tutti i salari pagati il mese prima.

Il mese non è definito come un mese di calendario, ma come un periodo che va dal sesto giorno di un mese al quinto giorno del mese successivo. Le piccole imprese che devono pagare meno di £1,500 al mese in totale potranno pagare trimestralmente.

6)       Quali altri incarichi di segnalazione hanno I datori di lavoro in UK?

Le aziende devono informare l’HMRC se un nuovo impiegato viene assunto o se la situazione  di un impiegato cambia (ad esempio se raggiunge il pensionamento o diventa direttore).

Le informazioni che devono essere inviate all’HMRC sono: il nome completo dell’impiegato, data di nascita,  National Insurance (NI) Number, il sesso e il suo indirizzo.

Le aziende dovranno inviare un rapporto annuale alla fine dell’anno includendo tutte le informazioni riguardanti gli stipendi ed i benefits erogati.

I datori di lavoro dovranno pagare la  Class 1A e 1B National Insurance una volta al’anno sui salari e sui benefits erogati ai loro impiegati.

La percentuale di riferimento dell’anno 2016-2017 è 13,8%

7)       Quali sono le voci ricorrenti in una Payslip (Busta paga)?

Gross salary: stipendio lordo
Tax due: ammontare delle tasse dovute
National Insurance detto NI: è il contributo che serve a pagare la pensione, la maternità e la disoccupazione. Il NIN di conseguenza è una sorta di codice fiscale inglese, obbligatorio per chi lavora e paga le tasse in UK
Personal allowance: ovvero il reddito esente da tassazione (£11,000 annui per il 2016/2017). Per controllare a quanto ammonta il Personal Allowance, bisogna andare a leggere il relativo Tax Code sulla busta paga: si tratta di un codice alfanumerico (ad esempio 1100L) e moltiplicando la cifra nel codice per 10, si ottiene la Personal Allowance, ovvero il reddito esente da tassazione

8)       Cos’è la National Insurance?

La National Insurance (NI) è un sistema di contributi pagati dai lavoratori e dai datori  di lavoro per poter usufruire di alcuni benefici forniti dallo stato.

Era inizialmente un sistema di contributi esclusivo per l’assicurazione dalle malattie e dalla disoccupazione, ma con il passare del tempo e’ stato variato per poter permettere di pagare le pensioni di vecchiaia e a fornire altri benefici.

9)       Contributi inerenti la Class 1 National Insurance

Si paga la Class 1 in base al salario, commissioni, bonus e straordinari ed anche in base agli importi ricevuti  per le malattie e la maternità/paternità dagli impiegati.

La  National Insurance è calcolata sul reddito lordo prima delle tasse per guadagni superiori alla soglia  prevista per il 2016/2017 ossia £155 a settimana o £8,060 lordi all’anno.

Se il guadagno e’ maggiore della succitata soglia si paghera’ il 12% del reddito lordo compreso tra £8,060 e £43,000.
Qualsiasi cifra superiore a £43,000 aumenta del 2% la tassa finale da dover pagare.
Se il reddito lordo e’ al di sotto della soglia non dovranno essere versati i contributi per la  National Insurance.
10)    Contributi della Class 2 National Insurance

Pagano i contributi della Class 2 solo i lavoratore autonomi.

I contributi per la Class 2 sono £2.80 a settimana.

Se il reddito lordo e’ inferiore a £5,965 l’anno non devono essere versati i contributi per la National Insurance.

11)    Contributi della Class 3 National Insurance

Questi sono contributi volontari che verrano cumulati con i contributi complessivi.

I contributi per la Class 3 National Insurance possono essere pagati solo se attualmente non si sta lavorando, se non si puo’ lavorare, se si e’ esclusi dal pagamento dei contributi della Class 1 o della Class 2, o se si vive all’estero.

Il costo della Class 3 National Insurance per l’anno 2016-2017 è di £14.10 a settimana.

 

12)    Contributi della Class 4 National Insurance

Se si e’ un lavoratore autonomo, si devono anche pagare i contributi della  Class 4 una volta che il profitto raggiungerà un certa soglia..

Nel 2016-2017 I contributi della Class 4 rappresentano il 9% dei profitti tassabili compresi tra £8,060 e le £43,000.

Sui profitti superiori alla soglia di £43,000 ci sara’ da pagare un 2% aggiuntivo.

 

13)    Possono le aziende non residenti registrarsi per il PAYE?

Un’azienda non residente non può registrarsi per il PAYE  a meno che non abbia una sede fisica nel Regno Unito.

Le aziende non residenti nel Regno Unito  possono registrarsi solo per il cosidetto “National Insurance only scheme”.  Il motivo è che una azienda non residente non ha il potere giuridico per poter agire come sostituto di imposta per cui i dipendenti dovranno pagare le loro tasse in maniera

Ti potrebbe interessare la nostra collana di e-Book dedicata al lavoro


Autore dell'articolo
identicon

Angelo Chirulli

Dottore Commercialista e Consulente del Lavoro operante a Londra. Abilitazioni Inglesi: ACA, MAAT e CIPD. Iscritto sia all’Ordine Italiano dei Commercialisti che all’Ordine Inglese dei Chartered Accountants (ICAEW). Iscritto inoltre all’Ordine AAT e CIPD in UK. Mail: [email protected] Website: https://www.wilkinskennedy.com/about-us/ Website: www.wilkinskennedy.com

Comments 3

  1. Salve vorrei sapere se i contributi lavorativi pagati in UK saranno riconosciuti dall INPS una volta il lavoratore torni in Italia ed uniti a quelli già pagati in Italia.

  2. Articolo veramente ben scritto. Il Dr. Chirulli e’ sempre ben preparato. Grazie ancora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *