Le novità sul fisco dal 21 al 25 settembre 2015

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Parliamo di ..., Settimana del Fisco

Amici e Colleghi,

Ben ritrovati! Vediamo quali sono state le principali novità relative al Fisco  dell’ultima settimana.

Il Consiglio dei Ministri del 22 settembre scorso ha approvato in via definitiva gli ultimi cinque decreti attuativi della Delega fiscale, quelli su: riforma delle sanzioni amministrative e penali, riscossione, interpelli e contenzioso, riorganizzazione delle agenzie fiscali e monitoraggio dei risultati della lotta all’evasione e delle tax expenditures. Alla fine sono stati 11 i provvedimenti varati   in materia di Fisco, a cominciare da quello sul 730 precompilato e le semplificazioni, anche se comunque spicca la mancata attuazione del nuovo catasto, dell’Iri, delle norme sui giochi e la riscrittura dei regimi fiscali semplificati.

Una novità dell’ultima ora del decreto legislativo sulla riscossione è stata l’apertura di una nuova chance di rateazione con Equitalia per chi è decaduto negli ultimi due anni. In particolare, dalla data di entrata in vigore del provvedimento (15 giorni successivi alla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale) decorreranno i 30 giorni entro i quali i contribuenti che sono decaduti da un precedente piano di rateazione nei 24 mesi precedenti potranno ottenere un nuovo piano di rateazione fino a 72 rate mensili.

Il decreto sulla riscossione, inoltre, stabilisce che l’aggio riconosciuto agli agenti della riscossione scenderà con le cartelle che saranno emesse dal 1° gennaio 2016 dall’8 al 6 per cento. Se si paga nei 60 giorni, l’aggio sarà pari al 3% per la riscossione coattiva e all’1% per quella spontanea.

Nel frattempo, è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 220 del 22 settembre 2015 il decreto Internazionalizzazione. Si tratta del D.Lgs n. 147 del 14.09.2015 contenente “Disposizioni recanti misure per la crescita e l’internazionalizzazione delle imprese”. Il decreto entrerà in vigore il prossimo 7 ottobre. Tra le principali norme previste riguardanti il Fisco , c’è quella che dispone che dal 2016 la possibilità di dedurre gli interessi passivi relativi a mutui ipotecari o leasing su immobili destinati alla locazione, senza sottostare alle regole di cui all’articolo 96 del Tuir, sarà riservata esclusivamente alle società immobiliari in cui, sia a livello patrimoniale che economico, la parte prevalente sia costituita proprio dalla locazione (art. 4, comma 4).

Il premier Matteo Renzi ha ribadito che il Governo vuole puntare alla ripresa dell’edilizia come pilastro della politica economica per la crescita. In tal senso, il Fisco si muoverebbe con una proroga della detrazionedel 65% per gli interventi di risparmio energetico degli edifici, da inserire nella prossima Legge di Stabilità 2016. Non è chiaro se la conferma piena riguarderà anche il bonus fiscale del 50% per le ristrutturazioni abitative, ma si sta lavorando per questo e per un ampliamento ulteriore dei due strumenti: da una parte il bonus mobili esteso anche alle giovani coppie in affitto, dall’altra l’estensione dello stesso ecobonus ai condomini e alle imprese.

E’ atteso al Consiglio dei Ministri di oggi o, al più tardi, di lunedì, il decreto legge che prorogherà la finestra temporale della voluntary disclosure. Sul contenuto del decreto di proroga della collaborazione volonatria c’è ancora un forte dibattito. L’unico punto certo sarebbe quello della durata della nuova finestra (quasi certamente al 31 dicembre prossimo, rimettendo alla legge di conversione l’eventuale ulteriore allungamento).

 

Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *