Le novità fiscali della settimana dal 7 all’11.9.2015

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Parliamo di ..., Settimana del Fisco

Amici e Colleghi,

Ben ritrovati! Vediamo quali sono state le principali novità fiscali dell’ultima settimana.

Come da attese, il Consiglio dei Ministri di venerdì 4 settembre ha approvato cinque decreti attuativi della delega fiscale, quelli su riscossione, agenzie fiscali, lotta all’evasione, sanzioni penali e amministrative e interpelli, che ora attendono gli ultimi pareri del Parlamento per fine mese.

Con particolare riguardo al decreto sulle sanzioni, la riforma scatterà in due tempi: la riforma dei reati tributari scatterà subito (15 giorni dopo la pubblicazione del decreto in Gazzetta ufficiale), mentre la revisione delle sanzioni amministrative scatterà dal 1° gennaio 2017. Il decreto introduce pene più pesanti per i sostituti d’imposta che, pur essendovi obbligati, non presentano il modello 770. E’ confermato l’innalzamento da 50mila a 250mila euro della soglia che scattare il reato penale in caso di omesso versamento dell’Iva, mentre per l’omesso versamento di ritenute il penale scatterà a partire da 150mila euro. Il decreto, inoltre, riscrive le sanzioni per il reverse charge, rendendole proporzionali alla gravità della violazione. Il testo rivede anche l’aggio sulla riscossione. Innanzitutto, cambia la nomenclatura: si parla, infatti, di “oneri di riscossione e di esecuzione”. Inoltre, la misura dell’aggio scende (dall’attuale 4,08%) al 3% sulle maggiori imposte iscritte a ruolo, sulle sanzioni e sugli interessi da ritardata iscrizione a ruolo nel caso di pagamento entro 60 giorni dalla notifica della cartella. Nel caso di pagamento oltre i 60 giorni, invece, l’aggio è pari al 6% (invece che 8%), da calcolare sempre non solo sulle maggiori imposte iscritte a ruolo, ma anche sulle sanzioni e sugli interessi da ritardata iscrizione a ruolo. Vi è poi un intervento sulle sanzioni in tema di reverse charge. La sanzione in misura proporzionale (dal 90 al 180% dell’imposta) rimane in vigore solo per le ipotesi di violazioni più gravi, in cui l’omissione o il ritardo generano pregiudizio per gli interessi erariali.

Il decreto legislativo attuativo della Delega fiscale relativo alla riforma degli interpelli, approvato dal Consiglio dei Ministri venerdì scorso, riduce a quattro le tipologie di interpelli: ordinario (che ora include quello qualificatorio), probatorio, anti-abuso e disapplicativo. In tal modo, sono stati eliminati tutti gli interpelli obbligatori “inutili” io dannosi per il contribuente e/o per l’Amministrazione finanziaria. Il testo approvato conferma la riduzione dei tempi di risposta per gli interpelli ordinari da 120 a 90 giorni e la certezza della risposta in 120 giorni per le altre tipologie di interpelli.

E’ stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 205 di venerdì 4 settembre il D.Lgs. n. 139/2015, ossia il decreto sulla riforma dei bilanci che recepisce la direttiva 2013/34. Le novità riguardano la contabilità, la presentazione del bilancio ed i sistemi informativi. Le norme del decreto entreranno in vigore dal 1° gennaio 2016.

E’ stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 208 dell’8 settembre la Legge n.141 del 18 agosto 2015, che prevede il debutto in Italia dell’impresa agricola sociale. Si tratta di quei soggetti giuridici che svolgono le attività agricole previste dall’articolo 2135 del Codice Civile oppure sotto forma di cooperativa sociale (Legge n. 381/1991) e che procedono all’inserimento socio lavorativo di lavoratori svantaggiati (regolamento Ue 651/2014). L’impresa agricola sociale è altresì indirizzata a formare progetti finalizzati all’educazione ambientale e alimentare, a salvaguardare la biodiversità nonché la diffusione della conoscenza del territorio attraverso l’organizzazione di fattorie sociali e didattiche rivolte ai bambini in età prescolare e alle persone in difficoltà fisica e psichica.

 

Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *