La tassazione delle imprese in Vietnam

di Lorenzo Riccardi CommentaIn Fiscalità Estera, Fiscalità Estera

Le principali forme di tassazione e imposizione per le imprese nel regime fiscale vietnamita sono: la Enterprise Income Tax, la Value Added Tax (VAT) e i dazi su import/export.

La Law on Enterprise Income Tax, approvata nel maggio 2008 dal governo vietnamita, ha sensibilmente modificato lo scenario fiscale nel paese del sud-est asiatico. Le principali modifiche hanno riguardato la tassazione delle persone giuridiche e le concessioni di incentivi fiscali in base alla localizzazione dell’investimento, al settore di appartenenza ed in base a particolari politiche sociali incoraggiate.

In Vietnam l’Imposta sul Valore Aggiunto (VAT) si applica a tutte le attività imprenditoriali nonché a tutti i beni di importazione introdotti nel paese. Sono previste tre aliquote VAT come di seguito delineate:

– 0% – Tale aliquota è applicata ai beni esportati inclusi i beni venduti ad imprese prive di una stabile organizzazione in Vietnam (comprese le imprese operanti all’interno di zone franche), ai beni trasformati per l’esportazione, ai beni venduti a negozi duty-free, ai servizi esportati, alle opere di costruzione e istallazione effettuate all’estero e ai servizi internazionali di trasporto aereo e marittimo;

– 5% – Tale aliquota è applicata in via generale ad alcuni settori economici interessati alla fornitura di beni e servizi essenziali quali ad esempio: acqua potabile, produzione di fertilizzanti, sussidi didattici, libri, prodotti alimentari, medicine e attrezzature mediche, vari prodotti e servizi agricoli; servizi tecnico scientifici, ecc.;

– 10% – Tale aliquota standard è applicata alle attività non specificate come esenti o soggette alle precedenti aliquote dello 0% e del 5%.

La politica doganale vietnamita in termini di importazioni e esportazioni è differente a seconda delle tipologie di merci e delle relazioni esistenti tra Vietnam e la controparte commerciale.

Le importazioni sono soggette all’applicazione di tre differenti aliquote:

1) ordinaria;

2) preferenziale, per le merci importate da paesi nel novero del “Most Favoured Nation”;

3) preferenziale speciale, per i paesi appartenenti all’ASEAN.

Sono previste inoltre ipotesi di totale esenzione e di rimborso dei dazi sulle importazioni.

Per le esportazioni, il Vietnam prevede un dazio solo su alcune tipologie di merci elencate dalla rispettiva normativa.

 

L’articolo completo può essere letto sulla Rivista Fiscalità Estera n. 5/2013 di cui si riporta il Sommario Completo:

– Tassazione in Olanda di Cristina Rigato

– La tassazione delle imprese in Vietnam di Lorenzo Riccardi

– Lettonia: la nuova participation exemption e l’abolizione della ritenuta d’acconto dal 2013 di Fulvio Degrassi

– The financial statements di Francesca Romana Bottari

– Strategie di successo che creano valore di Stefano Grigoletti

– Il nuovo programma CO.SME. dell’Unione Europea per il sostegno alle PMI di Ricci Sergio

– Investire in Russia: Oblast di Novosibirsk di Ana Maria Pérez Magdalena

– Quesiti

La Rivista è disponibile anche in Abbonamento

 

Autore dell'articolo
identicon

Lorenzo Riccardi

Dottore commercialista specializzato in fiscalità internazionale. E’ Professore Associato presso Xian Jiao Tong-Liverpool University dove insegna taxation e advanced taxation ed è autore di articoli e saggi su tematiche di vario genere relative agli investimenti stranieri in Asia Orientale. Vive e lavora a Shanghai, dove si occupa di diritto commerciale e tributario, seguendo gli investimenti stranieri in Cina e Sud Est Asiatico. Ricopre il ruolo di sindaco e consigliere per diversi gruppi societari ed è socio dello Studio di consulenza RSA, specializzato in Asia e paesi emergenti. Ha pubblicato “Guida alla fiscalità di Cina, India e Vietnam” edito da IlSole24Ore ed è membro dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di Milano, del Registro dei Revisori dei Conti in Italia, dell’accountants association del Vietnam e dell’Hong Hong Institute of CPAs in Hong Kong. Tiene seminari e convegni su economia e diritto tributario in Oriente ed è responsabile della sezione “Asia” della banca dati online “Fisco e Tasse” (Maggioli Editore).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *