Tassazione del lavoro subordinato in Svizzera

La tassazione del lavoro subordinato nella Confederazione Elvetica

di Rag. Luigi Rodella CommentaIn Fiscalità Estera, Fiscalità Estera

Esempio di fiscalità nel Canton Ticino.
La fiscalità in Svizzera riflette la struttura federalista della Confederazione e viene attuata su tre livelli:

– confederale,
– cantonale
– e comunale.

L’applicazione di differenti metodi di calcolo (basi di calcolo, deduzioni) e tariffe, genera spesso confusione e insicurezza.
Ciascuno dei 26 Cantoni mantiene una propria legislazione tributaria che grava diversamente il reddito, la sostanza, le successioni, gli utili in capitale, gli utili immobiliari nonché altri oggetti fiscali; analogamente i Comuni, che nel 2015 si sono ridotti a 2.324, possono prelevare imposte comunali o decidere supplementi nell’ambito della tariffa base cantonale rispettivamente dell’imposta cantonale dovuta.

Gli introiti della Confederazione sono finanziati in gran parte dalle imposte indirette, imposte sul consumo come l’imposta sul valore aggiunto (IVA); i Cantoni e i Comuni coprono le loro uscite essenzialmente con i proventi delle imposte dirette (imposte sul reddito e sulla sostanza).

La fonte di entrate più importante nell’ambito delle imposte dirette è senza dubbio l’imposta sul reddito delle persone fisiche, che rappresenta quasi la metà del gettito complessivo dell’ente pubblico.

Nel sistema fiscale svizzero i cittadini decidono in votazione quali imposte possono essere prelevate dallo Stato, il quale, a sua volta, esige dai cittadini l’obbligo del pagamento delle imposte previste dalla Costituzione e dalle leggi. I cittadini hanno inoltre un ruolo attivo nella votazione delle modifiche costituzionali, sia a livello federale che cantonale (referendum obbligatorio).

Nella maggior parte dei casi il popolo può addirittura pronunciarsi in merito alla determinazione delle tariffe, delle aliquote e dei coefficienti d’imposta.

La legge di armonizzazione delle imposte dirette (Laid)

Il sistema fiscale previsto nella Confederazione, prevedeva in passato che le leggi tributarie cantonali, fossero tra loro molto diverse; nel caso delle imposte dirette non era quindi insolito che per la determinazione della base imponibile (ad es. del reddito), le basi di calcolo o il carico fiscale differissero tra loro.

Per questa ragione, nel mese di giugno del 1977, i Cantoni e la popolazione hanno approvato in votazione, l’introduzione di un articolo costituzionale concernente l’armonizzazione fiscale delle imposte sul reddito e la sostanza, come pure sull’utile ed il capitale, con l’obiettivo di canalizzare e di armonizzare l’imposizione.

In attuazione del mandato costituzionale il Parlamento ha approvato il 14 dicembre 1990 la legge federale sull’armonizzazione fiscale delle imposte dirette dei Cantoni e dei Comuni (Laid).

 

L’articolo completo può essere letto sulla Rivista mensile di Fiscalità Estera n. 5/2015.

Inoltre ti segnaliamo anche il nostro e-book “La fiscalità immobiliare in Svizzera (E-Book)” che si propone di offrire una panoramica completa della fiscalità immobiliare in Svizzera, occupandosi in particolare di illustrare la modalità di tassazione indiretta e diretta.

Autore dell'articolo
identicon

Rag. Luigi Rodella

Google+

Consulente del lavoro – Da oltre venti anni si occupa della gestione del “rapporto di lavoro estero”, collaborando con Istituti di formazione alla redazione di pubblicazioni, all’attività di formazione e di consulenza sugli expatriates. In importante Gruppo industriale italiano, ha ricoperto il ruolo di Responsabile di “Amministrazione dirigenti e compensation”. Successivamente come professionista, ha assistito Commissari governativi alla definizione di processi di ristrutturazione, che prevedevano la cessione e la ricollocazione dei lavoratori in esubero. mail to: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *