La tassazione degli immobili dei non residenti nel Regno Unito

di Angelo Chirulli CommentaIn Fiscalità Estera, Testata

Panoramica sulle leggi relative alla cessione di beni immobili situati nel Regno Unito da parte di individui ed entita’ non residenti

Evoluzione della legge

Prima del mese di Aprile 2013, le società non residenti nel Regno Unito non rientravano nel campo di applicazione dell’imposta sulle plusvalenze, a meno che non si trattasse di immobili che venivano utilizzati da una stabile organizzazione presente su territorio Britannico.

Questa esenzione offriva un incentivo importante alle società non residenti che volevano investire in immobili nel Regno Unito. Tuttavia, a partire dall’Aprile 2013 è stata messa in atto una erosione graduale di questo vantaggio fiscale.

Le seguenti misure legislative hanno ridotto l’attrattività dell’investire nei beni immobili locati nel Regno Unito da parte di persone/entita’ non residenti:

  • A partire dal 6 aprile 2013, la cessione di un immobile residenziale ad alto valore da parte di una società non residente o di una partnership con un socio corporate è soggetta ad una tassa sulla plusvalenza con aliquota del 28%, laddove l’immobile sia soggetto all’Imposta annuale sulle abitazioni residenziali di cospicuo valore denominata ATED vedi mio precedente articolo ATED – Annual Tax on Enveloped Dwellings;
  • A partire dal 6 aprile 2015, una tassa sulla plusvalenza denominata Non Resident Capital Gain Tax è applicata più in generale ai non residenti che vendano immobili residenziali in UK. La tassa si applica ad una classe più ampia di non residenti e indipendentemente dal valore dell’immobile residenziale posseduto. A partire da tale data, gli individui non residenti, le società non residenti controllate da massimo 5 quotisti ed i trustees rientrano comunque nel campo di applicazione della tassa sulle plusvalenze (Capital Gain Tax – CGT).

Previa doppia consultazione, il Governo Inglese ha introdotto nuove regole tramite il Financial Act 2019, Schedule 1, per estendere ulteriormente il campo d’applicazione delle imposizioni fiscali sui non residenti proprietari di interessi immobiliari nel Regno Unito.

Questi cambiamenti sottopongono le cessioni di immobili commerciali Inglesi da parte di soggetti non residenti all’applicazione di imposte per la prima volta. Di conseguenza, dal 6 aprile 2019, un numero ben più alto di entita’ non residenti sono soggetti alla tassa sulle plusvalenze.

Questa nota orientativa offre una breve analisi di queste norme con particolare riguardo alla loro applicazione alle società.

Riassunto della normativa inerente la Non Residential Capital Gain Tax (NRCGT) introdotta dal Financial Act 2019 (FA2019)

Il regime FA19 NRCGT si applica alle cessioni rilevanti effettuate a partire dal 6 aprile 2019.

In sintesi, a partire dalla succitata data:

  • le cessioni dirette di immobili presenti sul suolo Britannico, sia residenziali che commerciali, da parte di soggetti non residenti saranno assoggettate alle imposte Britanniche;
  • le cessioni indirette attraverso società da parte di entita’ non residenti in UK sono assoggettate alle imposte Britanniche se esse possiedono una partecipazione di almeno il 25% nella succitata società di diritto Inglese. Un’esenzione è prevista laddove i terreni posseduti dalla società siano usati a fini commerciali;
  • per le cessioni sia dirette che indirette, le società sono soggette al pagamento della Corporation Tax (19%) sui Capital Gains e le entità non corporate sono soggette all’imposta sulle plusvalenze;
  • gli investitori non residenti hanno diritto, se alcune condizioni vengono rispettate, a richiedere uno sgravio fiscale sulla plusvalenze che in precedenza era disponibile solo per i residenti del Regno Unito;
  • il relativo regime ATED è abolito e non si applica sulle cessioni effettuate a partire da questa data.

Aliquote di imposta

Le aliquote di imposta applicabili sono le stesse aliquote che si applicano ai contribuenti residenti nel Regno Unito.

Per le società non residenti si applica un’aliquota fissa del 19% dell’imposta sulle società, indipendentemente dal tipo di cessione.

Tuttavia, per i soggetti non-corporates, un’aliquota più alta della tassa sulla plusvalenza si applica laddove sia effettuata una cessione diretta di immobili residenziali.

Per gli individui non residenti che procedano ad effettuare una cessione diretta di immobili residenziali, l’aliquota di imposta su ogni plusvalenza è del 18% per i basic rate tax payers e del 28% per i contribuenti con un reddito superiore alla fascia di base.

Per le cessioni dirette o indirette di proprietà non residenziali, le plusvalenze sono soggette ad un’aliquota del 10% e del 20% a seconda del reddito della persona non residente.

I guadagni e le perdite sono calcolati in base alle normali regole fiscali Inglesi che si applicano a queste tipologie di entita’.

Eccezioni

Le norme non hanno effetto sugli investitori che prima dell’entrata in vigore delle norme stabilite dal FA 2019 erano esonerati da ogni imposta sui redditi di capitale nel Regno Unito (per esempio, fondi pensioni esteri) o che non rientrano nell’ambito di applicazione dell’imposta Britannica per motivi diversi dall’essere non residenti.

Punti chiave da prendere in considerazione :

  • le valutazioni delle proprietà immobiliari previste dalle leggi in esame potrebbero essere necessarie nuovamente a partire dal 5 aprile 2019 per alcune delle succitate;
  • per le società non residenti, tutte le cessioni imponibili sono a tutt’oggi soggette all’imposta sul reddito delle società del Regno Unito piuttosto che alla tassa sulla plusvalenza. Per le società in possesso di immobili residenziali che avrebbero dovuto rientrare nell’ambito delle disposizioni ATED applicabili prima del 6 aprile 2019, il regime NRCGT FA19 offre un significativo risparmio in termini di aliquote fiscali applicabili (quanto riportato appare evidente confrontando l’imposta sul reddito delle società del 19% sulle cessioni effettuate a partire dal 6 aprile 2019 rispetto all’aliquota del 28% della tassa sulla plusvalenze per cessioni precedenti a tale data);
  • Per le cessioni effettuate a partire dal 6 aprile 2019, qualsiasi plusvalenza o minusvalenza deve essere riportats ad HMRC secondo le normali procedure di autovalutazione dell’imposta sulle società anziché essere riportato entro 30 giorni dalla data di completamento della transazione.

Quali cessioni sono imponibili?

Il regime NRCGT si applica a tutte le cessioni rilevanti effettuate a partire dal 6 aprile 2019.

Una cessione NRCGT e’ una cessione diretta o indiretta di un “interesse in terreni/abitazioni presenti nel Regno Unito” e la persona/entita’ effettuante la transazione non è residente in UK.

Interest in UK Land

Un “interest in UK land” è definito in modo molto ampio e comprende qualsiasi proprietà, interesse, diritto o potere in o su terreni ed abitazioni locate nel Regno Unito.

Non residenza

Affinché le società siano conformi alle norme del regime NRCGT, la cessione deve avvenire in un momento in cui la società non è residente.

Per le persone non residenti, la cessione deve avvenire nell’anno fiscale in cui la persona fisica è non residente o nella parte passata all’estero dell’intero anno.

Minusvalenze su cessioni da parte di società non residenti

A partire dal 6 aprile 2019 qualsiasi perdita NRCGT derivante da cessioni da parte di società non residenti può essere utilizzata fiscalmente allo stesso modo di qualsiasi altra minusvalenza.

Pertanto, le minusvalenze scaturenti dalla cessione di beni imponibili saranno utilizzabili per compensare i guadagni della società non residente stessa e, laddove le condizioni rilevanti siano soddisfatte, le eventuali plusvalenze di altri membri del gruppo societario.

Società che diventano residenti nel Regno Unito

Al fine di non disincentivare l’onshoring, le società che diventano residenti nel Regno Unito a partire dal 5 aprile 2019 potranno comunque conservare la possibilita’ di utilizzare i metodi di rebasement per le cessioni dirette e indirette.

I metodi di rebasing da utilizzare saranno correlati al fatto che si tratti di una cessione diretta o indiretta di UK land (terreni/abitazioni) e in caso di cessione diretta, se la UK Land sia da considerarsi residenziale in tutto o in parte prima del 6 aprile 2019.

Questa opzione è disponibile solo per le società.

Nessuna norma equivalente si applica agli individui non residenti o ad altre persone soggette alle imposte sui redditi di capitale.

Conformità

Società

Per le società non residenti, ogni cessione imponibile effettuata a partire dal 6 aprile 2019 deve essere segnalata ad HMRC.

Individui e altri soggetti privati

Per quelle entita’ che sono soggette all’imposta sui redditi di capitale, un quadro di conformità assai più rigoroso e’ applicabile.

Il regime di conformità richiederà in tal caso la segnalazione e il pagamento di tutte le imposte sulle cessioni entro 30 giorni dalla data del completamento della transazione (completion date).


Autore dell'articolo
identicon

Angelo Chirulli

Dottore Commercialista e Consulente del Lavoro operante a Londra. Abilitazioni Inglesi: ACA, MAAT e CIPD. Iscritto sia all’Ordine Italiano dei Commercialisti che all’Ordine Inglese dei Chartered Accountants (ICAEW). Iscritto inoltre all’Ordine AAT e CIPD in UK. Mail: [email protected] Website: https://www.wilkinskennedy.com/about-us/ Website: www.wilkinskennedy.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *