La settimana fiscale dal 9 al 14 Luglio 2012

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Nuove srl, Parliamo di ..., Settimana del Fisco

Amici e Colleghi,

ben ritrovati! Vediamo insieme le novità fiscali della settimana appena trascorsa.

Il 9 luglio 2012 è scaduto il termine entro il quale versare le imposte derivanti da UNICO 2012 senza maggiorazione dello 0,40%. Dal 10 luglio al 20 agosto, infatti, il versamento è ancora possibile maggiorando l’importo dovuto dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo. L’Agenzia delle Entrate ha, tuttavia, pubblicato il 10 luglio un comunicato stampa con cui afferma che i soggetti che applicano gli studi di settore e che ritengono opportuno adeguarsi ai ricavi o ai compensi stimati sulla base della versione 1.0.2 di GERICO (sempre che gli stessi siano diversi da quelli calcolati con la versione 1.0.1) potranno farlo versando le maggiori imposte dovute per adeguamento entro il termine del 20 agosto 2012 senza il pagamento della maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo. La decisione è stata presa a causa dei malfunzionamenti del software Gerico che hanno reso necessaria la sua ripubblicazione in data 5 luglio nella versione 1.0.2.

Il Notariato, nello studio n. 113-2012/I, ha commentato i riflessi della nuova disciplina del sindaco unico nelle Srl sulle cooperative. In particolare, ha confermato che anche le cooperative beneficiano delle semplificazioni inerenti l’introduzione del sindaco unico nelle Srl e la possibilità di attribuire al collegio sindacale le funzioni dell’organismo di vigilanza 231, semplificazioni disposte dal D.L. n. 5/2012 a partire dal 1° gennaio 2012. In particolare, il Notariato afferma che la nomina del sindaco unico è di fatto l’opzione principale per le coop-Srl, mentre è preclusa alle coop-Spa.

Come tutti sappiamo, sui beni concessi ai soci o familiari per l’utilizzo anche a scopi personali delle auto aziendali, esiste ad oggi un problema di doppia tassazione derivante dal fatto che le auto aziendali scontano già una deducibilità ridotta (fino al 40%) dal reddito d’impresa e, ora, si aggiunge la nuova disciplina sui beni ai soci in vigore dal 2012, che prevede una penalizzazione per soci o familiari che utilizzano beni d’impresa concessi ad un corrispettivo inferiore ai valori di mercato: indeducibilità dei costi per l’azienda e tassazione come reddito diverso della differenza tra canone pagato e valore di mercato in capo al socio o familiare. Sempra che l’Agenzia delle Entrate stia, studiando un chiarimento per risolvere il problema di tale doppia tassazione.Vedremo e ci aggiorneremo sul punto appena possibile.

Il Consiglio di Stato n. 3169 del 10 luglio 2012 ha affrontato il tema della riforma delle professioni, “smontando” alcuni punti cardine del provvedimento relativo alle liberalizzazioni delle attività professionali, attuativo dell’art. 3 del D.L. n. 138/2011. In particolare, in merito al tirocinio, ha affermato che il tetto massimo di 3 tirocinanti contemporaneamente per ciascuno studio professionale non è sorretto da adeguata giustificazione e il Ministero della Giustizia deve valutare se fissare tale tetto massimo in un numero superiore di tirocinanti. Il Consiglio di Stato sostiene, inoltre, che la durata di 18 mesi è solo quella “massima”. E’ ritenuto, poi, improprio considerare obbligatorio il tirocinio per tutte le professioni regolamentate, comprese quelle per cui oggi non è previsto, come ingegneri e architetti.
Sempre in merito al tirocinio, il Ministero della Giustizia, con una circolare emanata il 4 luglio 2012, ha precisato che le nuove regole sul tirocinio per l’accesso alle professioni regolamentate sono retroattive. Di conseguenza, anche i tirocinanti che hanno avviato la pratica prima dell’entrata in vigore della disciplina potranno sostenere l’esame di Stato dopo i 18 mesi previsti dall’art. 9, comma 6, del D.L. n. 1/2012 (Decreto liberalizzazioni). Il Ministero ha così rivisto il suo precedente parere espresso circa un mese fa in cui affermava che le nuove regole sul tirocinio di 18 mesi si applicassero ai tirocini iniziati dopo il 24 gennaio 2012.

Nella Gazzetta Ufficiale n. 158 del 9 luglio 2012, è stata pubblicata la Legge n. 96 del 6 luglio, che stabilisce la riduzione dei contributi pubblici in favore di partiti e movimenti politici e impartisce misure per garantire la trasparenza e i controlli dei relativi rendiconti. Agli articoli 7 e 15, tuttavia, il provvedimento aumenta dal 2013 la percentuale di detrazione fiscale per le erogazioni liberali effettuate dai contribuenti in favore delle formazioni politiche e delle Onlus: 24% nel 2013 e 26% dall’anno successivo. Scende, però, a 10mila euro l’importo massimo agevolabile per le erogazioni ai partiti, mentre tale limite è pari a 2.065 euro per le erogazioni a favore delle Onlus.

L’Agenzia delle Entrate, con provvedimento del 12 luglio 2012, dà attuazione al nuovo regime premiale per favorire la trasparenza fiscale, introdotto dal decreto salva Italia (art. 10 commi 9-13 del d.l. 201/2011). Il provvedimento, infatti, individua le attività per le quali chi comunica fedelmente i dati rilevanti ai fini dell’applicazione degli studi di settore, dichiara ricavi o compensi congrui e risulta coerente con gli specifici indicatori, è ammesso ai benefici previsti da tale regime per il periodo d’imposta 2011: preclusione accertamenti basati su presunzioni semplici, riduzione di 1 anno dei termini di decadenza per l’attività di accertamento, ammissione della determinazione sintetica del reddito complessivo a condizione che il reddito accertabile ecceda di almeno 1/3 (invece di 1/5) quello dichiarato.
Un caro saluto a tutti!

Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *