La settimana fiscale dal 28 maggio al 1 giugno 2012

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Parliamo di ..., Settimana del Fisco

Amici e Colleghi,

 

ben ritrovati! Vediamo insieme le novità fiscali che sono intervenute la  settimana scorsa.

 Innanzitutto nella circolare 17 e del 30 maggio l’Agenzia ha fornito ampi chiarimenti sul regime agevolato per l’imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità detto anche dei nuovi minimi, introdotto dal DL 98/2011. Tra gli argomenti analizzati la durata e gli adempimenti per lo start up. Per l’inizio attività attenzione perché va considerata l’attività effettiva (ad es. l’acquisto di beni strumentali) e non solo l’apertura della partita IVA. Inoltre l’agevolazione non è preclusa a chi nel triennio precedente ha svolto attività simili purché in forma occasionale e per non più di metà del periodo considerato.

Il 30 maggio 2012, esattamente alla vigilia della scadenza fissata per il pagamento della tassa sulle barche, l’Agenzia ha poi pubblicato la circolare 16/E con la quale ha fornito i primi chiarimenti sulla corretta applicazione della tassa suddetta. In particolare ha chiarito che sono soggette al tributo sia le barche in noleggio sia quelle in locazione, anche immatricolate all’estero e che, considerata l’esclusione dal pagamento per le imbarcazioni che costituiscono bene strumentale per le aziende di locazione e noleggio, sono altresì escluse le imbarcazioni utilizzate per lo svolgimento delle altre attività commerciali individuate dall’art. 2 del D.lgs. 171/2005, ossia quando l’imbarcazione è utilizzata per l’insegnamento professionale della navigazione da diporto o quando è utilizzata da centri di immersione e di addestramento subacqueo come unità di appoggio per i praticanti immersioni subacquee a scopo sportivo o ricreativo.

Con la Risoluzione n. 52/E pubblicata venerdì 25 maggio 2012, l’Agenzia delle Entrate ha istituito i codici tributo per il versamento dell’imposta sostitutiva del 5% da parte dei c.d. “nuovi minimi”, ovvero quei contribuenti che hanno aderito al c.d. “regime fiscale agevolato per l’imprenditoria giovanile ed i lavoratori in mobilità” di cui all’art. 27 del D.L. n. 98/2011. I codici istituti sono: 1793 per il versamento della prima rata d’acconto dell’imposta sostitutiva, 1794 per il versamento della seconda rata d’acconto e 1795 per il versamento del saldo.

Sul sito dell’Agenzia delle Entrate è disponibile il software per il calcolo degli studi di settore applicabili al periodo di imposta 2011  aggiornato i 69 studi   inseriti dal decreto ministeriale del 28 dicembre 2011 e le successive modifiche apportate dal DM 26 aprile 2012 (mancano solo gli indicatori di coerenza). Questa prima  versione “beta” può fornire  delle simulazioni con i calcoli e le risultanze degli indicatori di normalità economica ma non è ancora utilizzabile per la preposizione del modello Unico

Con il provvedimento direttoriale del 25 maggio l’Agenzia delle Entrate haanche  approvato il nuovo Modello F24 semplificato che faciliterà il pagamento e la compensazione delle imposte dovute all’Erario, alle Regioni e agli enti locali. Il nuovo modello consentirà anche un risparmio di carta e di costi di archiviazione, visto che si compone di un’unica pagina divisa in due parti: una per il contribuente e una per chi riceve la delega di pagamento. Il modello F24 semplificato è disponibile gratuitamente online, sul sito dell’Agenzia delle Entrate, e potrà essere utilizzato dal prossimo 1° giugno 2012. A partire da questa stessa data sarà soppresso il “mod. F24 predeterminato” per il pagamento dell’Ici, anche se i modelli già distribuiti ai contribuenti potranno essere ancora utilizzati.

 

Sono disponibili  sul sito dell’Agenzia delle Entrate gli elenchi definitivi degli enti no profit e delle associazioni sportive dilettantistiche che risultano in possesso dei requisiti per beneficiare delle donazioni del 5 per mille  dell’IRPEF  da parte dei contribuenti. Un primo elenco era stato pubblicato lo scorso 14 maggio  e le organizzazioni avevano potuto segnalare eventuali inesattezze  entro il 25 maggio. comunque i rappresentanti degli enti e delle associazioni sportive in elenco dovranno  comunque preoccuparsi  di confermare   il possesso dei requisiti inviando  entro il 2 luglio 2012 una dichiarazione sostitutiva di  atto di notorietà e la fotocopia del documento d’identità del loro legale. Per chi non è in elenco resta comunque ancora la possibilità di inviare la richiesta  di inserimento in elenco entro il 30 settembre 2012 usufruendo della sanatoria sugli adempimenti formali prevista dal Decreto semplificazioni fiscali n. 16/2012. La norma prevede il pagamento di una sanzione fissa di 258 euro tramite F24 (codice tributo 8115) contestualmente all’inoltro della domanda.

 

Partita ancora aperta con lo spesometro: entro la prima metà di luglio dovrebbe arrivare un provvedimento dell’Agenzia delle Entrate che chiarirà il regime applicativo dello spesometro, così come riformato dal decreto fiscale (D.l. 16/2012). Questo strumento sta ancora cercando di trovare il giusto equilibrio fra semplicità dell’adempimento ed efficacia del controllo. In particolare, si profila la possibilità di invii cumulativi di fatture, non ordinate per singolo cliente o fornitore, mentre si sta ancora discutendo sulla possibile introduzione di una soglia minima per i soggetti che ricevono o effettuano micro-pagamenti, tesa ad evitare che informazioni di importi ridottissimi possano intasare il sistema senza un concreto contributo alla lotta all’evasione. Dall’Amministrazione arriva poi l’invito a non aspettare sempre l’ultimo momento utile per l’invio dei dati, in modo da evitare di creare malfunzionamenti.

 

Da ultimo vi segnalo che il consiglio dei ministri ha approvato uno schema di decreto legislativo che modifica il codice antimafia (dl 159 del 6 settembre 2011) con l’inserimento dell’obbligo di documentazione antimafia per ulteriori figure legate alle imprese, fino ad oggi esenti, e per i loro familiari conviventi. Tra queste figurano  adesso anche i membri del collegio sindacale o il sindaco unico, i componenti degli organismi di vigilanza ,  i rappresentanti e di direzione  delle società costituite all’estero prive di sede secondaria nel territorio nazionale L’obbligo riguarderà anche direttori generali   e  soci di società di capitali concessionarie di giochi pubblici che detengano un patrimonio superiore al 2 per cento.

Un augurio di buon lavoro a tutti

Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *