La settimana fiscale dal 2 al 6 aprile 2012

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Parliamo di ..., Settimana del Fisco

Cari amici, ben ritrovati . Anche questa settimana è stata ricca di novità fiscali e non solo! Vediamo insieme le principali.

Le Commissioni Bilancio e Finanza del Senato hanno apportate diverse modifiche al Decreto fiscale (D.L. n. 16/2012), confluite poi in un maxiemendamento presentato al Senato. La modifica più rilevante riguarda sicuramente l’IMU, con l’allungamento dei tempi per la definizione delle aliquote: i Comuni, infatti, avranno tempo fino al 30 settembre 2012 per emanare la delibera con cui abbassare o alzare ulteriormente le aliquote, mentre il Governo si è dato tempo fino al 10 dicembre 2012 per ulteriori interventi con un D.P.C.M. Come conseguenza, viene stabilito che la prima rata dell’IMU, quella dell’acconto del prossimo 18 giugno (50%), dovrà essere calcolata applicando l’aliquota base del 4‰ per l’abitazione principale e del 7,6‰ per le altre case. Resta ferma l’applicazione delle detrazioni per l’abitazione principale, cioè € 200 come detrazione base, più un’ulteriore detrazione di € 50 per ogni figlio convivente di età inferiore a 26 anni. A dicembre, poi, andrà versata la seconda rata a saldo dell’imposta complessivamente dovuta per l’intero anno con conguaglio sulla prima rata.

Altre modifiche riguardano poi le regole di deducibilità dei costi da reato. In presenza di costi relativi a beni o servizi direttamente utilizzati per il compimento di attività delittuose non colpose, infatti, l’indeducibilità scatterà non solo se il Pm ha esercitato l’azione penale, ma anche se il contribuente viene assolto per intervenuta prescrizione del reato.

Il maxiemendamento riscrive, poi, il trattamento fiscale del leasing, cancellando il limite di durata minima del contratto di locazione finanziaria, pur mantenendo invariato il periodo di deduzione dei canoni. Viene, quindi, eliminata la correlazione, ai fini Ires, tra durata contrattuale e periodo di deducibilità. Ai fini Irap, invece, la correlazione tra imputazione temporale e durata contrattuale dovrebbe permanere, in quanto l’emendamento trascura l’Irap delle società di capitali.

Altre novità del maxiemendamento riguardano poi l’esenzione Irpef per le borse di studio fino a € 11.500, il differimento al 1° giugno 2012 del termine entro il quale i pensionati ed i dipendenti pubblici dovranno munirsi di un conto corrente su cui far transitare emolumenti e pensioni di importo pari o superiore a € 1.000, l’eliminazione delle liste selettive di commercianti colti a non emettere scontrino o ricevuta fiscale su cui l’Agenzia delle Entrate poteva pianificare accertamenti, l’indicazione per legge al 20 agosto del termine di scadenza di tutti gli adempimenti fiscali in scadenza tra il 1° ed il 20 agosto.

Il maxiemendamento è stato approvato mercoledì 4 aprile dal Senato senza alcuna modifica al testo predisposto dalle Commissioni Bilancio e Finanza. Il testo passa ora all’esame della Camera, dove non è escluso che possa subire alcune modifiche.

 

Nel frattempo, è stato dato il via libera finale, sia dal Senato che dalla Camera, al D.L. n. 5/2012 (Decreto Semplificazioni), che quindi può ora essere convertito in legge. Il decreto prevede, tra le varie norme, la semplificazione di procedure e adempimenti per le imprese, la soppressione del vincolo in materia di chiusura domenicale e festiva per le imprese di panificazione, l’assoggettamento alla Scia per le attività di somministrazione temporanea (come in sagre e feste di paese) di alimenti e bevande, la semplificazione delle pratiche per l’assunzione di lavoratori stagionali extracomunitari.

 

L’Istituto di Ricerca dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili (IRDCEC), con la circolare n. 28/IR del 29.03.2012, ha analizzato alcuni punti chiave del nuovo Aiuto alla Crescita Economia (ACE) introdotto dalla Manovra Monti e operativo già in UNICO 2012. In particolare, secondo l’Istituto, per le società di comodo, la quota Ace disponibile può essere portata in diminuzione del reddito minimo presunto, come si deduce dal Rigo RS19. Per quanto concerne il limite del patrimonio netto, inoltre, l’Istituto afferma che tale limite opera dopo aver apportato le sterilizzazioni delle norme antielusive alla somma algebrica delle variazioni positive e negative del capitale proprio.

 

La direttiva n. 29/2012 della direzione centrale Affari legali e contenzioso dell’Agenzia delle Entrate del 29 marzo 2012, operativa dal 2 aprile per i contribuenti, ha fornito agli uffici importanti chiarimenti inerenti il nuovo istituto della mediazione tributaria. Dalla direttiva emerge, inoltre, una novità, cioè il “mediarating”, una scheda di valutazione del rating di sostenibilità della pretesa tributaria che sarà predisposta dall’Agenzia delle Entrate. Si tratterà di una apposita scheda di valutazione con cui l’Agenzia delle Entrate misurerà la probabilità di vittoria o soccombenza in modo da indirizzare gli uffici verso la strada più conveniente.

 

L’Inps, con messaggio n. 5769 del 2 aprile 2012, ha reso noto che è stato attivato sul proprio sito Internet il nuovo servizio “Cassetto Previdenziale Artigiani e Commercianti”. La nuova funzionalità persegue l’obiettivo di agevolare, agli iscritti alla Gestione IVS Artigiani e Commercianti, la consultazione dei dati contenuti negli archivi Inps, come la propria posizione assicurativa e previdenziale, nonché gli F24 pagati per il versamento della contribuzione. Il messaggio comunica, inoltre, che a partire dal pagamento della prima rata contributiva per l’anno 2012 entro il minimale, avente scadenza 16 maggio 2012, l’Inps non invierà più i modelli F24, ma solo la lettera informativa.

 

La Commissione degli esperti ha approvato il 4 aprile scorso i correttivi anticrisi 2011 agli studi di settore, che tengono conto della fase recessiva attuale, e ha dato anche il via libera all’introduzione di correzioni agli indicatori di coerenza e di normalità economica. Tra i correttivi approvati, quelli “specifici” per l’autotrasporto, quelli “congiunturali di settore”, quelli “congiunturali individuali”, quelli ad hoc per i professionisti, che tengano conto della riduzione delle tariffe e dell’aumento dei casi in cui il professionista non sia riuscito ad incassare per intero il compenso pattuito. Ora l’esame dei correttivi spetta alla Sose (Società per gli studi di settore), che dovrà effettuare le dovute distinzioni per comparti e aree geografiche. Le specifiche tecniche dei correttivi anticrisi, che dovranno essere inserite in Gerico, dovrebbero essere approvate entro il 15 maggio 2012.

 

Da ultimo, vi segnalo che il 4 aprile il Governo Monti ha presentato al Presidente della Repubblica il Ddl sulla riforma del lavoro, che potrà poi passare all’esame del Parlamento. Nel testo definitivo presentato, vi è il ritorno, nell’art. 18 dello Statuto dei lavoratori, del reintegro del dipendente licenziato, ma solo se il motivo economico del licenziamento è insussistente a parere del giudice. Nel caso in cui il giudice neghi il reintegro sul posto di lavoro, l’indennizzo minimo e massimo si abbassa rispettivamente a 12 e 24 mensilità. Per attuare la stretta su partite Iva e co.co.pro., è previsto un periodo transitorio di 12 mesi, mentre per i dipendenti pubblici è prevista una legge delega ad hoc.

Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *