La settimana del lavoro – normativa e prassi al 18 gennaio 2013

di Rocchina Staiano CommentaIn La settimana del lavoro, Lavoro, Parliamo di ..., Rassegna Lavoro, Riforma Fornero

Amici e Colleghi,

ben ritrovati! Vediamo innanzitutto alcune recenti  novità normative  riguardanti il lavoro.

Nella G.U. n. 5 del 7 gennaio 2013, è stato pubblicato il D.P.R. 15 novembre 2012, n. 236, che entrerà in vigore dal 6 luglio 2013. Si tratta del  regolamento  che detta  la  disciplina  esecutiva  ed attuativa relativa alla materia dei  contratti  pubblici  di  lavori, servizi e forniture di cui al decreto legislativo 12 aprile 2006,  n. 163,  e  successive  modificazioni,  recante «Codice  dei   contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in  attuazione  delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE», limitatamente ai contratti e alle procedure in economia relativi a  lavori,  servizi  e  forniture,  di competenza del Ministero della difesa.

Nella G.U. n. 6 del 8 gennaio 2013, è stato pubblicato il Comunicato della Regione Toscana, sulla Deliberazione Giunta regionale Toscana n. 1019  del  26 novembre 2012 recante l’elenco delle zone ad elevata probabilità  di alte  concentrazioni  di  attività  di  radon, ai  sensi  dell’art. 10-sexies, comma 1, del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 230 e s.m.i..

Nella G.U. n. 6 del 8 gennaio 2013, è stata pubblicata la L. 20 dicembre 2012, n. 237, che entrerà in vigore il 23 gennaio 2013, che individua norme per l’adeguamento alle disposizioni dello statuto istitutivo della Corte penale internazionale.

Nella G.U. n. 8 del 10 gennaio 2013, è stata pubblicata la L. 29 novembre 2012, n. 239, in vigore dall’11 gennaio 2013, il quale ratifica e dà esecuzione dell’Accordo sul partenariato e la cooperazione di lungo periodo tra la Repubblica italiana e la Repubblica islamica dell’Afghanistan, fatta a Roma il 26 gennaio 2012.

Nella G.U. n. 8 del 10 gennaio 2013, è stato pubblicato il D.M. 21 dicembre 2012, che aggiorna il decreto 21 novembre 2012 recante sanzioni agli enti locali inadempienti al patto di stabilità, relativo all’anno 2011.

Nella G.U. n. 8 del 10 gennaio 2013, è stato pubblicato il D.M. 16 novembre 2012, il quale individua le risorse afferenti al Fondo nazionale per le politiche sociali per l’anno 2012, ammontanti ad euro 42.908.611,00 sono ripartite  con il presente provvedimento secondo il seguente schema per gli  importi indicati: 1. Somme destinate alle Regioni: € 10.680.362,13; 2. Quota riferita alle Province autonome  di  Trento  e  Bolzano: € 180.286,77; 3. Somme attribuite al Ministero del  lavoro  e  delle  politiche sociali: € 32.033.310,00; 4. Somme da restituire al Comune di  Enna,  a  fronte  di  quanto versato ai sensi dell’art. 1, comma  1286  della  legge  27  dicembre 2006, n. 296:  € 14.652,10.

Nella G.U. n. 8 del 10 gennaio 2013, è stato pubblicato il Provvedimento 18 dicembre 2012, il quale contiene le «Disposizioni di  vigilanza  in materia di sanzioni e procedura sanzionatoria amministrativa».  Le nuove disposizioni entreranno in vigore  il  1°  febbraio  2013. Esse si applicano ai procedimenti sanzionatori avviati dopo  la  loro entrata in  vigore.  Ai  procedimenti  amministrativi  pendenti  alla stessa data e fino  alla  loro  conclusione  continueranno  a  essere applicate le disposizioni previgenti.

Nella G.U. n. 9 del 11 gennaio 2013, è stata pubblicata la L. 30 novembre 2012, n. 240, che è entrata in vigore il 12 gennaio 2013, il quale ratifica e da esecuzione all’Accordo quadro tra l’Unione europea e i suoi membri, da una parte, e la Repubblica di Corea, dall’altra, fatto a Bruxelles il 10 maggio 2010.

Tra i documenti di prassi dell’INPS invece Vi segnalo in particolare :

La Circolare n. 2 del 7 gennaio 2013  con cui l’INPS fornisce chiarimenti sull’indennità di mobilità ordinaria e trattamenti speciali di disoccupazione per l’edilizia. Si ricordi che la L. 92/2012 ha abrogato i  seguenti trattamenti a partire dal 1 gennaio 2017:

– indennità di mobilità ordinaria;

– trattamento speciale di disoccupazione per l’edilizia di cui al decreto legge 16 maggio 1994 n. 299 convertito con modificazioni dalla Legge 19 luglio 1994 n. 451;

– trattamento speciale di disoccupazione per l’edilizia di cui agli artt. Da 9 a 19 della legge 6 agosto 1975 n. 427.

Nella Circolare n. 3 del 8 gennaio 2013    invece l’INPS illustra gli effetti dell’applicazione della nuova regolamentazione alla Svizzera e ai Paesi dello Spazio Economico Europeo e, in particolare, si forniscono precisazioni in materia di disoccupazione.

Un augurio di buon lavoro

Rocchina Staiano


Autore dell'articolo
identicon

Rocchina Staiano

Avvocato, Prof. a contratto in Medicina del Lavoro, Univ. Teramo; Docente conciliatore del Consiglio dell'Ordine di Nola; Componente Commissione Informale per l’implementamento del Fondo per l’Occupazione Giovanile e Titolare di incarico a supporto tecnico per conto del Dipartimento della Gioventù, dal 1° novembre 2009 ad oggi. Docente in vari Corsi di Alta Formazione ad European Shool of Econonics. Autrice di numerose pubblicazioni e di contributi in riviste, anche telematiche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *