La settimana del fisco dall’11 al 15 maggio 2015

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Parliamo di ..., Settimana del Fisco

Amici e Colleghi,

Ben ritrovati! Vediamo quali sono state le principali novità fiscali dell’ultima settimana.

Sono stati pubblicati nella Gazzetta ufficiale n. 107 dell’11 maggio 2015 i due decreti del Ministero dell’Economia e delle Finanze che aggiornano le liste dei Paesi black list con riguardo all’indeducibilità dei costi ed alla disciplina delle società controllate estere (CFC). Si tratta rispettivamente del Decreto MEF 27 aprile 2015  e del Decreto MEF 30 marzo 2015 che sopprime dall’elenco Filippine, Malaysia e Singapore.

Ieri  14 maggio sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate sono stati pubblicati gli elenchi degli ammessi e degli esclusi al riparto del 5 per mille del 2013. Le liste sono consultabili nella sezione Documentazione > 5 per mille > 5 per mille 2013. In particolare, sono pubblicate le liste degli ammessi e degli esclusi per quanto riguarda le Onlus e gli enti del volontariato, gli enti della ricerca scientifica e le associazioni sportive dilettantistiche; invece, per il settore della ricerca sanitaria e per i Comuni di residenza, è presente solo l’elenco degli ammessi. Da un’analisi dei dati risulta le Onlus e gli enti del volontariato risultano i soggetti a cui sono state destinate il maggior numero di scelte, in particolare le associazioni che operano nel settore della sanità in zone e situazioni svantaggiate (come Emergency, Medici senza frontiere, Associazione italiana per la ricerca sul cancro).

Con un comunicato stampa dell’11 maggio, l’Agenzia delle Entrate ha reso noto che è stato attivato un nuovo servizio online che consente ai Comuni di accedere gratuitamente alle planimetrie catastali degli immobili per i controlli urbanistici e la gestione della fiscalità immobiliare locale. Il nuovo servizio, disponibile tramite la piattaforma telematica Sister, consente di visualizzare la planimetria di un immobile, con accesso diretto alle banche dati gestite dall’Agenzia delle Entrate.

E’ stato reso disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate il programma di redazione e di controllo di Unico Sp 2015, che consente la compilazione del modello e la creazione del relativo file per l’invio telematico al Fisco. La versione 1.0.0 di Unico Sp 2015 dell’11 maggio 2015 utilizza una nuova tecnologia di distribuzione dei software basati su Java, che consente all’utente di usufruire delle applicazioni direttamente dal web, evitando complesse procedure di installazione o aggiornamento ed utilizzando sempre la versione più aggiornata. Sono state pubblicate anche le procedure ModuliControlloUnico2015, che permettono di rilevare eventuali anomalie e incongruenze dei dati contenuti nella dichiarazione e nei relativi allegati, comprese le procedure di controllo relative al modello Unico Sp 2015 – versione 1.0.0 dell’11 maggio 2015.

Con provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate n. 64322 dell’11 maggio 2015, sono state apportate modifiche ai modelli 770/2015 Semplificato e Ordinario, approvati il 15 gennaio scorso, ed alle relative specifiche tecniche. Le modifiche si sono rese necessarie, oltre che per correggere refusi (anno, numero delle caselle, ecc.), anche per correggere la parte relativa al bonus 80 euro, in particolare quella relativa all’indicazione del credito recuperato sia nella comunicazione lavoro dipendente sia nei quadri ST e SX. Sono stati inseriti punti per il monitoraggio da parte del Fisco sull’utilizzo del bonus da parte di soggetti diversi dal datore dichiarante. Viene dato conto dell’eliminazione dell’annotazione BO dei codici del rapporto di familiarità con il lavoratore in caso di applicazione delle detrazioni per i familiari a carico.

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 107 dell’11 maggio 2015 è stato pubblicato il decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 18 marzo 2015 che modifica il precedente Decreto Mise del 24 dicembre 2014 relativo al Fondo di garanzia per le Pmi in favore di operazioni di microcredito per la microimprenditorialità. Diviene, quindi, operativa la procedura di accesso al fondo di garanzia da 40 milioni di euro a disposizione dei soggetti privi di garanzia reale. Sarà però necessaria una circolare operativa del Gestore del Fondo da emanare entro 15 giorni.

Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *