La settimana del fisco dall’ 11 al 15.4.2016

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Parliamo di ..., Settimana del Fisco

Amici e Colleghi, Ben ritrovati! Tra le principali notizie fiscali di questa settimana la proroga dello spesometro e della black list diventano ufficiali:

Con il provvedimento n. 52425 dell’11 aprile 2016 è ufficiale la proroga, già annunciata con comunicato stampa dell’8 aprile dall’Agenzia delle Entrate, per la presentazione dello spesometro dei soggetti con liquidazione mensile ai fini IVA. Il termine, esclusivamente per le operazioni da comunicare in relazione al 2015, slitta al 20 aprile. Pertanto, entro tale data gli operatori dovranno procedere all’invio della comunicazione telematica delle operazioni rilevanti ai fini Iva previste dall’articolo 21 del decreto legge n. 78/2010 sia per i soggetti mensili che trimestrali ai fini della liquidazione periodica Iva.

Viene, inoltre, confermato quanto previsto con il provvedimento del direttore dell’agenzia delle Entraten. 45144 del 25 marzo 2016: il termine per la comunicazione black list dei dati relativi alle operazioni effettuate nel 2015 nei confronti di operatori economici aventi sede, residenza o domicilio negli Stati o territori individuati dal decreto del ministro delle Finanze 4 maggio 1999 e dal decreto del ministro dell’Economia e delle finanze 21 novembre 2001 relativi al 2015, è differito al 20 settembre 2016. Il decreto sulle semplificazioni fiscali (Dlgs n. 175/14) ha, infatti, previsto il passaggio della periodicità di presentazione della comunicazione da mensile o trimestrale ad annuale ed ha fissato in 10.000 euro la soglia entro cui vige l’esonero dalla comunicazione.

Con un Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate di venerdì 8 aprile 2016, è stato approvato il modello, denominato IPEA, per il computo in diminuzione delle perdite pregresse dai maggiori imponibili nell’ambito dell’attività di accertamento.

Le perdite pregresse, infatti, possono essere scomputate dal maggior imponibile accertato solo a seguito di un’apposita istanza presentata dal contribuente via PEC all’Ufficio competente, corredato da copia di un documento di identità. Il modello può essere utilizzato anche nel caso di accertamento con adesione, avviato sia prima che dopo la notifica dell’avviso. Nel Provvedimento sono indicati anche gli adempimenti dell’Ufficio competente conseguenti alla presentazione dell’IPEA.

A pochi giorni dall’avvio ufficiale della campagna 730 precompilato, previsto per oggi venerdì 15 aprile, data dalla quale i modelli predisposti dal Fisco sono consultabili online, è stato emanato il provvedimento dell’11 aprile 2016 che descrive la platea dei soggetti interessati, il pacchetto di informazioni che i cittadini troveranno già inserite e le modalità per accedere alla dichiarazione. Il provvedimento definisce anche le misure a tutela della privacy, già approvate dal Garante per la protezione dei dati personali. Tra le novità di questo secondo anno, oltre al fatto che si troverà disponibile anche il modello Unico Pf precompilato, anche la possibilità di presentare direttamente la dichiarazione precompilata in forma congiunta, senza la necessità di richiedere l’assistenza di un intermediario, a differenza dello scorso anno. Inoltre, è maggiore il numero di dati che entrano nel modello predisposto dal Fisco, grazie a new entry come le spese sanitarie e universitarie.

E’ stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 84 dell’11 aprile 2016 il decreto del ministero dell’Economia e delle Finanze del 25 febbraio 2016 che riconosce un pacchetto di incentivi fiscali per chi sceglie di investire in start up innovative.

I soggetti passivi Irpef possono detrarre dall’imposta lorda un importo pari al 19% dei conferimenti rilevanti effettuati, per importo non superiore a 500.000 euro, in ciascun periodo d’imposta. Se la detrazione supera l’imposta lorda l’eccedenza può essere portata in detrazione entro i tre anni successivi. I soggetti passivi Ires, invece, possono detrarre il 20% fino a un massimo di 1,8 milioni di euro.

Sono stati resi disponibili sul sito dell’Agenzia delle Entrate i software “Gerico 2016” e “Parametri 2016”. Il primo consente la compilazione degli studi di settore, il secondo di stimare i ricavi o i compensi dei contribuenti esercenti attività d’impresa o arti e professioni per cui non risultano approvati gli studi di settore oppure, seppur approvati, operano condizioni di inapplicabilità non estensibili ai parametri. Con provvedimento del Direttore dell’Agenzia del 12 aprile 2016, è stato definito l’elenco degli studi di settore ammessi per il periodo d’imposta 2015 al regime premiale. Si tratta di 159 studi di settore su 204, quindi il 78% del totale. Il regime premiale consiste nell’accesso, da parte dei contribuenti “virtuosi”, ad una serie di vantaggi, quali: l’inibizione degli accertamenti analitico-presuntivi basati su presunzioni semplici; la riduzione ad un anno del termine di decadenza per l’attività di accertamento ai fini delle imposte dirette e dell’Iva; la determinazione sintetica del reddito complessivo solo se l’importo accertabile eccede il dichiarato di almeno un terzo.

È stato pubblicato sul sito dell’Agenzia delle Entrate il modello con cui i contribuenti possono chiedere di ricevere gli atti relativi alla procedura di collaborazione volontaria (voluntary disclosure) tramite l’indirizzo Pec dei professionisti che forniscono loro assistenza. Il modello è stato approvato con provvedimento del 13 aprile 2016 e può, in ogni caso, essere presentato, per conto del contribuente, dal professionista che lo assiste nell’ambito della procedura. L’istanza va trasmessa esclusivamente mediante posta elettronica certificata alla casella presso la quale sono state inviate la relazione e la documentazione di accompagnamento alla domanda di collaborazione volontaria presentata dal contribuente istante. Il professionista sarà comunque tenuto a conservare un esemplare cartaceo del modello.

 

Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *