La settimana del fisco dal1° al 5 Dicembre 2014

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Parliamo di ..., Settimana del Fisco

Amici e Colleghi,

Ben ritrovati! Vediamo quali sono state le principali novità fiscali di quest’ultima settimana.

Sulla Gazzetta Ufficiale di venerdì 28 novembre è stato pubblicato il Decreto legislativo sulle semplificazioni fiscali, che dà attuazione alle semplificazioni previste dalla Delega fiscale. Si tratta del D.Lgs. n. 175/2014, che entrerà pienamente in vigore dal prossimo 13 dicembre. Tra le novità contenute nel decreto vi sono:

– l’eliminazione dell’obbligo di prestare la garanzia per ottenere i rimborsi IVA di importo fino a 15.000 euro;

– l’abrogazione della responsabilità negli appalti per le ritenute non versate;

– l’abrogazione dell’obbligo di comunicazione dei lavori che proseguono a cavallo d’anno (modello IRE) ai fini della detrazione per il risparmio energetico;

– la nuova dichiarazione 730 precompilata che l’Agenzia delle Entrate metterà a disposizione dei lavoratori dipendenti entro il 15 aprile;

– l’abrogazione dell’obbligo di presentare la dichiarazione di successione se l’eredità è devoluta al coniuge e parenti in linea retta e l’attivo ereditario è di importo non superiore a 100.000 euro (prima, il limite era 50 milioni di lire).

Nel frattempo, il testo del disegno di Legge di Stabilità 2015 è stato approvato alla Camera ed ora è passato al Senato, dove resteranno da risolvere le questioni più discusse del testo, tra cui la “local tax”, il nuovo regime forfetario per le partite IVA, le franchigie IRAP più alte per le piccole e piccolissime imprese, la riduzione del prelievo sui fondi pensione.

Sul sito del Dipartimento delle Finanze è stato pubblicato il testo del decreto interministeriale 28 novembre 2014, che ha rimodulato l’ambito di applicazione dell’esenzione dall’IMU per i terreni dei Comuni montani, in attuazione di quanto previsto dall’art. 22, comma 2, del D.L. n. 66/2014. In particolare, il decreto stabilisce che sono esenti:

–  i terreni agricoli ubicati nei Comuni aventi altitudine minima di 601 metri, individuati sulla base dell’“Elenco comuni italiani”, pubblicato sul sito internet dell’Istituto nazionale di statistica (ISTAT), tenendo conto dell’altezza riportata nella colonna “Altitudine del centro (metri)”;

– i terreni agricoli posseduti da coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali, iscritti nella previdenza agricola, ubicati nei Comuni aventi un’altitudine compresa fra 281 metri e 600 metri, individuati sulla base del medesimo elenco.

Il decreto stabilisce che i soggetti obbligati al versamento dell’IMU per l’anno 2014 per i terreni non più esenti devono provvedervi in un’unica rata entro il 16 dicembre 2014. Tuttavia, anche se non ancora ufficiale, è già certo che tale scadenza verrà prorogata, a causa delle proteste sollevate da Comuni, enti locali ed altre categorie interessate. Rispetto alle voci circolate il giorno precedente, in base alle quali si prospettava un rinvio a giugno, ora sembrerebbe essere il 26 gennaio la nuova data di versamento.

E’ stata pubblicata sul sito dell’Agenzia delle Entrate la bozza del modello 730/2015, con le relative istruzioni. Il modello quest’anno contiene diverse novità. La principale è sicuramente l’introduzione del modello precompilato, che l’Agenzia metterà a disposizione dei contribuenti entro il 15 aprile come previsto dal Decreto semplificazioni fiscali (D.L. n. 175/2014). Altra novità è rappresentata dal bonus Irpef di 80 euro, in quanto in sede di presentazione del modello 730/2015, l’ammontare del credito dovrà essere ricalcolato, da chi presta l’assistenza fiscale, in base alla somma di tutti i redditi dichiarati. Dal 2015, poi, i contribuenti avranno a disposizione un’unica scheda (modello 730-1) per esprimere le scelte relative all’8, al 5 e al 2 per mille dell’Irpef.

Il secondo tentativo di approvazione della normativa sulla voluntary disclosure (collaborazione volontaria sull’emersione dei capitali esteri), dopo otto mesi dalla cancellazione della norma del D.L. n. 4/2014, finalmente è riuscito. Il provvedimento sul rientro dei capitali e l’emersione del nero è diventato legge. e  l’Agenzia delle Entrate ha già reso disponibile online per la consultazione la bozza del modello da utilizzare per aderire a tale forma di collaborazione volontaria.

Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *