La settimana del fisco dal 8 al 12 luglio 2013

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Decreto del Fare Governo Letta, Parliamo di ..., Settimana del Fisco

Amici e Colleghi,

Ben ritrovati! Vediamo insieme le principali novità fiscali dell’ultima settimana.

Procede l’iter di conversione in legge del Decreto del fare (D.L. n. 69/2013). Tra le proposte di modifica al Decreto del fare accolte dalla Commissione Finanze della Camera , è stato inserito anche un emendamento che prevede la cancellazione della responsabilità solidale negli appalti anche per le ritenute dei dipendenti, e non solo per l’Iva. In sostanza, l’emendamento ripropone la versione originaria del decreto . Un altro emendamento presentato prevede uno sconto del 20% sulle multe stradali per chi paga  entro cinque giorni dalla contestazione o dalla notifica. Per rendere possibile il pagamento immediato, l’emendamento prevede anche che gli agenti di polizia si dotino di Pos, come accade già in molti Paesi europei .

Con provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate del 5 luglio 2013, sono stati individuati gli studi di settore ammessi, per l’anno d’imposta 2012, al regime premiale previsto dal “decreto salva Italia” (articolo 10, commi da 9 a 13, del D.L. n. 201/2011). Per il periodo d’imposta 2012, i contribuenti interessati sono quelli che applicano gli studi di settore indicati nell’allegato n.1 del Provvedimento. Sono stati confermati i criteri previsti per lo scorso anno. Viene aggiunto, tuttavia, un nuovo criterio, in base al quale il regime premiale per il 2012 si applica anche ai contribuenti che presentano almeno tre diverse tipologie tra quelle indicate e che allo stesso tempo presentano il nuovo indicatore di coerenza “Indice di copertura del costo per il godimento di beni di terzi e degli ammortamenti” introdotto con il Dm del 28 marzo 2013.

Il Senato l’8 luglio ha approvato, in prima lettura, la Legge di delegazione europea e la Legge europea 2013. Con il primo Ddl si delega il Governo per l‘attuazione di oltre venti direttive europee che riguardano anche l’IVA interna,  per rendere la disciplina fiscale italiana più adeguata agli obiettivi perseguiti dallo Stato come richiesto dalla Commissione europea. Tra gli interventi, quello sulla rimodulazione del quadro RW del modello UNICO , diminuendo gli adempimenti per i contribuenti. Le sanzioni per la violazione degli obblighi di comunicazione ai fini del monitoraggio fiscale, poi, sono state ridotte: andranno, infatti, dal 3% al 15%, anziché dal 10 al 50%.

Il Ministero dell’Economia ha approvato il decreto che disciplina la tassazione delle plusvalenze latenti in caso di trasferimento della residenza all’estero delle imprese commerciali (società, enti, imprenditori individuali), in attuazione dell’art. 166, comma 2-quater, del Tuir. Il provvedimento prevede la possibilità di ottenere la sospensione della riscossione delle imposte sui redditi sulle plusvalenze latenti nelle aziende o rami d’azienda trasferiti e non confluiti in una stabile organizzazione. La sospensione è possibile anche nel caso di trasferimento di una stabile organizzazione esistente in Italia. La sospensione opera fino al momento in cui si considerano realizzati, secondo le regole italiane, gli elementi dell’azienda o del complesso aziendale trasferito

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 159 di ieri 9 luglio 2013 è stata pubblicata la delibera n. 24 del 23.05.2013 dell’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture. La delibera pubblicata in Gazzetta contiene le regole per le stazioni appaltanti, le imprese con attestazione Soa (la Certificazione che qualifica l’impresa a partecipare agli appalti pubblici) e le imprese con riguardo all’emissione dei certificati di esecuzione dei lavori. In particolare, viene previsto che la stazione appaltante è tenuta ad emettere i certificati secondo le modalità telematiche indicate dall’Autorità; a tale scopo è possibile consultare il Manuale Utente presente sul sito dell’Autorità all’indirizzo www.avcp.it.

L’Agenzia delle Entrate, con provvedimento del Direttore del 10 luglio, ha revisionato i modelli di domanda per i non residenti che hanno diritto al rimborso o all’esonero dall’imposta italiana applicata su redditi corrisposti a soggetti non residenti, nonché un nuovo modello di attestato di residenza fiscale utilizzabile dai soggetti residenti in Italia per ottenere il rimborso o l’esonero dall’imposta estera.

Dallo scorso 8 luglio e fino all’8 ottobre 2013 è aperta, su tutti i siti istituzionali compreso quello dell’Agenzia delle Entrate, la consultazione pubblica online per raccogliere il contributo dei cittadini sulle riforme costituzionali, in particolare sui temi indicati dalla relazione finale del gruppo di lavoro.  E’ possibile partecipare al processo collegandosi al sito www.partecipa.gov.it.

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha tenuto il 10 luglio un tavolo d’incontro con le rappresentanze dei professionisti per adeguare le norme in vigore alla quarta direttiva europea antiriciclaggio. Le professioni si incontreranno di nuovo con il Mef a settembre.

Con decreto ministeriale del 10.04.2013, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 161 dell’11 luglio, sono state stabilite condizioni, limiti, modalità e termini di decorrenza delle agevolazioni fiscali e contributive previste dal D.L. n. 179/2012 per le aziende delle Zone franche urbane delle regioni dell’obiettivo “Convergenza”, ossia Calabria, Campania, Puglia e Sicilia e per i comuni della provincia di Carbonia – Iglesias. I benefici prevedono l’esenzione dalle imposte sui redditi, dall’Irap, dall’IMU e dai contributi sulle retribuzioni dei lavoratori dipendenti a tempo indeterminato o assunti con contratto di durata non inferiore a 12 mesi. L’accesso alle agevolazioni avverrà tramite apposito bando indetto dal Ministero dello Sviluppo economico.

Si ricorda, infine, che per i contribuenti (persone fisiche e non) che esercitano attività economiche per le quali sono stati elaborati gli studi di settore nonché per i contribuenti che partecipano a società, associazioni e imprese in regime di trasparenza che svolgono attività per le quali sono previsti gli studi di settore, è scaduto l’8 luglio il termine (differito) per versare le imposte risultanti dalle dichiarazioni Unico e Irap per il periodo d’imposta 2012 senza maggiorazione. Decorso tale termine, resta ora la possibilità di versare le imposte entro il 20 agosto, con maggiorazione dello 0,40%.

 

Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *