La settimana del fisco dal 6 al 10 Maggio 2013

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Parliamo di ..., Settimana del Fisco

Amici e Colleghi,

Ben ritrovati! Vediamo le novità fiscali intervenute nell’ultima settimana.

Il Presidente del Consiglio dei Ministri, Enrico Letta, ha annunciato ieri lo slittamento della rata dell’IMU in scadenza il prossimo 17 giugno al 16 settembre, ma solo per l’abitazione principale. Il provvedimento che conterrà lo slittamento della rata di giugno dell’IMU per l’abitazione principale, verrà approvato nei prossimi giorni nella forma di un decreto legge, in attesa di una decisione definitiva sul futuro dell’imposta che comunque verrà presa solo dopo l’estate, con una riforma strutturale del sistema di tassazione degli immobili.

L’Agenzia delle Entrate ha aggiornato la versione in bozza delle istruzioni agli studi di settore 2013, nella “parte generale”. Rispetto alla versione precedente, è stata aggiunta la Tabella 1 – Elenco degli studi di settore in vigore per il periodo d’imposta 2012 e delle relative attività economiche (classificazione Ateco 2007). E’ stato poi inserito un box con una avvertenza che riguarda i contribuenti danneggiati dal terremoto del 20 e 29 maggio 2012, verificatosi nelle province di Bologna, Ferrara, Modena, Reggio Emilia, Mantova e Rovigo; questi, infatti, se dichiarano una delle cause di esclusione dell’applicazione degli studi di settore di cui all’articolo 1, comma 19, secondo periodo, della Legge n. 296/2006 (cessazione dell’attività, liquidazione volontaria o periodo di non normale svolgimento dell’attività), non sono obbligati a presentare il modello relativo agli studi di settore.

L’ENEA, con la Faq n. 70 pubblicata sul proprio sito, ha precisato che, se un contribuente intende fruire della detrazione Irpef del 55% per i lavori di riqualificazione energetica ultimati nel 2012, ma ha dimenticato di inviare all’ENEA la documentazione tecnica e amministrativa richiesta entro i 90 giorni dalla fine dei lavori, può sanare la propria posizione ricorrendo alla “remissione in bonis” entro il 30.09.2013, se i 90 giorni “utili” cadevano successivamente al 30.09.2012. Con una risposta data dall’Agenzia delle Entrate all’Enea il 15 marzo 2013, infatti, le Entrate hanno confermato quanto già chiarito nella Circolare n. 38/E/2013 e cioè che l’invio della documentazione all’ENEA può essere effettuato entro il termine di presentazione della prima dichiarazione utile, cioè della prima dichiarazione dei redditi il cui termine di presentazione ordinario scade successivamente al termine previsto per effettuare la comunicazione, ovvero eseguire l’adempimento stesso.

Equitalia ha innalzato da 20.000 a 50.000 euro la soglia massima di debiti esattoriali per i quali è possibile chiedere, semplicemente con una richiesta motivata, la dilazione dei pagamenti. È possibile ottenere il frazionamento dell’importo dovuto in 72 rate, ciascuna a partire da un minimo di 100 euro, da saldare in un periodo massimo di 6 anni. Il contribuente può anche indicare un piano di suddivisione in rate variabili e crescenti: più basse all’inizio e più alte in seguito, nella prospettiva futura di un miglioramento della propria situazione economica. Il contribuente che ha ottenuto la rateazione, inoltre, non è più considerato inadempiente e può richiedere ed ottenere il Durc necessario per partecipare alle gare di affidamento delle concessioni e degli appalti di lavori, forniture e servizi.

L’Agenzia delle Entrate ha reso disponibile sul proprio sito internet il software “Denuncia Imposta Assicurazioni 2013”, che consente di predisporre il file di trasmissione del modello di dichiarazione dell’imposta sulle assicurazioni. Il software, in particolare, deve essere utilizzato per la denuncia annuale dei premi e accessori incassati dalle compagnie assicurative nel 2012 e per quella mensile riferita ad aprile 2013. Per entrambe, la scadenza è il prossimo 31 maggio. Il file, prima dell’invio, deve essere sottoposto a controllo tramite l’apposita procedura, che consente di riscontrare eventuali errori, anomalie o incongruenze tra i dati contenuti nella denuncia e le indicazioni fornite dalle specifiche tecniche.

Un augurio di buon lavoro a tutti.

 

 

Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *