La settimana del fisco dal 6 al 10 luglio 2015

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Il peso del fisco, Parliamo di ...

Amici e Colleghi,

Ben ritrovati! Vediamo quali sono state le principali novità fiscali dell’ultima settimana.

Lunedì 6 luglio è scaduto il termine per il versamento, in unica soluzione o come prima rata, delle imposte derivanti da UNICO 2015 da parte dei contribuenti che svolgono attività per le quali sono stati elaborati gli studi di settore. Trascorsa invano tale scadenza, i contribuenti hanno la possibilità di versare entro il 20 agosto con la maggiorazione dello 0,40%. La proroga dal 16 giugno/16 luglio al 6 luglio/20 agosto, decisa dal D.p.c.m. 09.06.2015, vale anche per i contribuenti “minimi” (regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile ed i lavoratori in mobilità ex art. 27, commi 1 e 2, D.L. n. 98/2011) e per i contribuenti che hanno aderito al nuovo regime forfetario in vigore dal 1° gennaio 2015.

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 154/2015 il Dpcm 26.06.2015 che proroga dal 7 al 23 luglio il termine di presentazione del modello 730/2015 da parte dei CAF e professionisti abilitati che abbiano però già trasmesso entro il 7 luglio almeno l’80% delle dichiarazioni.

Successivamente, con la Circolare n. 26/E/2015, l’Agenzia delle Entrate ha precisato che la proroga dal 7 al 23 luglio per la presentazione dei modelli 730/2015 deve intendersi estesa anche ai contribuenti che presentano direttamente il 730 precompilato attraverso l’area autenticata del sito dell’Agenzia delle Entrate.

Con un provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 7 luglio 2015, è stato stabilito che la misura massima del credito d’imposta spettante alle imprese e ai lavoratori autonomi interessati dal sisma del 20 e 29 maggio 2012 che hanno presentato la domanda nel 2015 è pari al 43,0133% dell’importo richiesto. La percentuale si riferisce ai costi agevolabili sostenuti nel 2014 e a quelli non indicati nelle eventuali richieste presentate in precedenza. A partire dall’8 luglio, i contribuenti interessati potranno utilizzare il credito d’imposta presentando il modello F24 esclusivamente attraverso i servizi telematici dell’Agenzia (pena lo scarto dell’operazione), indicando il codice tributo “6844” appositamente istituito dalla Risoluzione n. 63/E/2015.

Lo schema di decreto legislativo sulla riforma delle sanzioni approvato venerdì scorso dal Governo modifica, tra le altre cose, le regole riguardanti l’omesso versamento delle imposte indicate in dichiarazione. Attualmente il reato penale scatta per debiti con il Fisco superiori a 50mila euro riferiti a Iva e ritenute. Secondo lo schema di Dlgs sulle sanzioni, il reato si commette qualora le somme non pagate ai fini Iva siano superiori a 250mila euro oppure 150mila per le ritenute sulla base della dichiarazione o certificate. Il decreto prevede, quindi, un innalzamento della soglia a partire dalla quale scatta il reato penale di omesso versamento.

È stata pubblicata nella Gazzetta ufficiale n. 155 del 7 luglio 2015 la legge di ratifica dell’accordo con gli Stati Uniti per l’implementazione della normativa Fatca (Foreign Account Tax Compliance Act), firmato a Roma il 10 gennaio 2014. In base all’accordo, l’Italia ha l’obbligo di fornire agli Stati Uniti le informazioni relative ai conti finanziari detenuti nel territorio dello Stato dai cittadini o residenti Usa e da entità da essi controllate; di contro, gli Stati Uniti hanno l’obbligo di trasmettere i dati relativi ai soli conti correnti e assimilati detenuti nel loro territorio da residenti italiani. A breve diverranno ufficiali anche i provvedimenti di attuazione.

Nel frattempo, Hong Kong si avvia ad entrare nella White list dei Paesi che danno un adeguato scambio d’informazioni sul fisco. E’ stata, infatti, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 155 del 7 luglio 2015 la legge n. 96 del 18 giugno 2015 di ratifica della convenzione tra Italia e Hong Kong contro le doppie imposizioni.

Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *